Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Identificazione di una proteina immunitaria chiave per un invecchiamento sano

Identificazione di una proteina immunitaria chiave per un invecchiamento sano

⇧ [VIDÉO] Potrebbero piacerti anche questi contenuti dei partner

I ricercatori hanno identificato un recettore immunitario chiave che potrebbe essere importante per un invecchiamento sano e l’aspettativa di vita. Negli esperimenti sui topi, la sua assenza ha portato a una precoce insorgenza di declino cognitivo e malattie legate all’età, con un effetto molto più elevato nelle femmine. La proteina è potenzialmente un bersaglio terapeutico promettente per molte malattie, compreso il morbo di Alzheimer.

Diversi studi hanno suggerito che i recettori immunitari su microglia e macrofagi sono coinvolti in diversi processi associati all’invecchiamento (ad esempio metabolismo energetico, infiammazione, declino cognitivo). Tra questi recettori della microglia c’è il TREM2, che è fortemente associato alla malattia di Alzheimer. CD300f è un recettore immunitario che condivide molte proprietà con TREM2, come il suo coinvolgimento nei processi metabolici cellulari e nell’eliminazione dei macrofagi apoptotici.

La maggior parte delle ricerche incentrate sulle funzioni del CD300f suggerisce che questo recettore ha proprietà protettive e antinfiammatorie contro varie malattie, tra cui la sclerosi multipla, il lupus e gravi lesioni cerebrali. È già stato scoperto che le varianti genetiche del recettore sono coinvolte nella regolazione dell’insorgenza di malattie infiammatorie e autoimmuni nell’uomo.

Tuttavia, il reale coinvolgimento del recettore nelle condizioni legate all’invecchiamento e alla longevità è stato poco esplorato. Tuttavia, la maggior parte dei recettori immunitari, compreso il CD300f, risultano sovraregolati con l’età. Cioè, queste proteine ​​contribuiscono al mantenimento dell’omeostasi sostenendo il metabolismo delle microglia e dei macrofagi durante l’invecchiamento. Un nuovo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Barcellona, ​​mira a determinare se la proteina CD300f può regolare i processi sistemici associati all’invecchiamento e all’invecchiamento. Bene Aspettativa di vita sana.

READ  Une étude identifie quand les adolescents sont les plus fragiles psychologiquement

Sintesi grafica dello studio. © Francis Evans et al.

Cambiamenti esacerbanti nelle femmine

Il nuovo studio si basa sull’osservazione dettagliata di diversi gruppi di modelli murini, in cui i recettori CD300f erano inattivati ​​o meno. I dati sono stati raccolti nell’arco di 30 mesi, un protocollo innovativo che permette di monitorare il reale processo di invecchiamento degli animali, senza l’utilizzo di tecniche di invecchiamento artificiale accelerato. Infatti, questi ultimi spesso non riflettono accuratamente il graduale e naturale accumulo dei cambiamenti legati all’età.

Sorprendentemente, i topi privi del recettore hanno mostrato una significativa riduzione della durata della vita. Questo effetto è stato osservato indipendentemente dal sesso in 3 gruppi diversi. Tuttavia, dopo un esame più attento, i ricercatori hanno scoperto che i cambiamenti legati all’età precoce colpivano più chiaramente le donne.

Gli animali privi del recettore hanno mostrato un aumento significativo dell’infiammazione sistemica e del declino cognitivo, una diminuzione dell’assorbimento del glucosio nel cervello, un arricchimento dei fenotipi senescenti della microglia, neurodegenerazione e cambiamenti nell’omeostasi delle proteine ​​(omeostasi delle proteine). È stata osservata un’infiammazione generalizzata già a 18 mesi, con un aumento significativo dei livelli plasmatici di interleuchine (marcatori proinfiammatori). Sono state osservate anche altre condizioni legate all’età, come aumento della debolezza, comparsa di tumori e incoordinazione motoria, nonché danni al fegato, ai polmoni e al cervello. È stato osservato anche un accumulo età-dipendente di filtrati immunitari epatici, nonché una diminuzione della capacità immunometabolica dei macrofagi.

Il nostro studio suggerisce che i cambiamenti nelle cellule del sistema immunitario, ad esempio nei macrofagi e nella microglia, potrebbero determinare il grado di invecchiamento sano nei topi. », sottolinea in un comunicato Hugo Bellofo dell’Università di Barcellona, ​​coautore dello studio, pubblicato sulla rivista Rapporti cellulari.

Come passo successivo, Bellofo e colleghi suggeriscono di concentrare la ricerca specificamente sugli effetti della disfunzione del CD300f sull’invecchiamento cerebrale. Ciò rivelerebbe un potenziale collegamento con malattie neurodegenerative, come l’Alzheimer. Comprendere le potenziali associazioni di malattie potrebbe in particolare portare a nuovi trattamenti, per non parlare del fatto che alcune varianti in futuro potrebbero fungere da biomarcatori per la diagnosi precoce. Sarebbe anche interessante far luce sul motivo per cui gli effetti dell’assenza di recettori sono maggiori nelle donne, il che potrebbe portare a terapie mirate.

fonte : Rapporti cellulari