Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: “Inferno” nel Donbass, gli Usa inviano 40 miliardi di dollari a Kiev

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato venerdì che le forze russe stanno intensificando la pressione nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, che l’ha trasformata in un “inferno”, e ha anche considerato che l’enorme aiuto annunciato da Washington a Kiev è un investimento nella sicurezza occidentale.

Giovedì il Congresso degli Stati Uniti ha emesso una massiccia busta del valore di 40 miliardi di dollari per sostenere lo sforzo bellico dell’Ucraina contro la Russia. I ministri delle finanze del G7 hanno iniziato a contare i miliardi che ogni paese poteva pompare a Kiev.

“Per i nostri partner, non è solo una spesa o una donazione”, ha risposto il signor Zelensky nel titolo del suo video da giovedì sera a venerdì.

“È il loro contributo alla loro sicurezza perché proteggere l’Ucraina significa proteggerla dalle nuove guerre e crisi che la Russia potrebbe causare”, ha affermato.

La nuova assistenza statunitense, in particolare, dovrebbe consentire all’Ucraina di dotarsi di armature e rafforzare la propria difesa antiaerea, in un momento in cui la Russia sta concentrando i suoi sforzi nell’est e nel sud del paese dopo che non è riuscita a catturare Kiev e Kharkiv, nel nord .

Mosca in particolare cerca di occupare completamente il Donbass, una regione di lingua russa che è stata parzialmente controllata dal 2014 dai separatisti filo-russi.

“Le forze armate ucraine continuano a fare progressi nella liberazione della regione di Kharkiv. Ma gli occupanti stanno cercando di aumentare la pressione nel Donbass. Questo è l’inferno, e questa non è un’esagerazione”, ha affermato il presidente ucraino.

Severodonetsk schiacciato sotto il fuoco

Secondo il governatore locale Sergio Gaidai, i bombardamenti russi hanno provocato 12 morti e 40 feriti giovedì a Severodonetsk, nella regione (orientale) di Lugansk. Ha detto che la maggior parte degli spari ha colpito condomini e che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare.

READ  "È questo protocollo?" Un ragno vaga sulla bara della regina Elisabetta II (video)

Una squadra dell’AFP ha subito notato che per diversi giorni questa città industriale si era trasformata in un campo di battaglia ed era stata schiacciata dal fuoco dell’artiglieria.

“Non so per quanto tempo potremo resistere”, ha detto Neela Kachina, 65 anni, un impiegato municipale in pensione.

Severodonetsk e Lyssytchansk costituiscono l’ultima sacca di resistenza ucraina nella regione di Lugansk. I russi assediarono queste due regioni, separate da un fiume, e le bombardarono senza sosta.

Separatamente, giovedì i soldati russi hanno ucciso cinque civili nella regione di Donetsk, sempre nel Donbass, secondo il governatore Pavlo Kirilenko.

La Russia ha annunciato giovedì che quasi 800 soldati ucraini trincerati nelle viscere del complesso siderurgico Azovstal nel porto di Mariupol si sono arresi nelle ultime 24 ore, portando il totale a 1.730 da lunedì.

Mosca ha rilasciato filmati che mostrano gruppi di uomini in assetto da combattimento in erba, alcuni con stampelle o bende, dopo una lunga battaglia che è diventata un simbolo della resistenza ucraina all’invasione russa a Mariupol. Secondo come, questa città del martirio fu distrutta del 90% e vi morirono almeno 20mila persone.

Il ministero della Difesa russo ha confermato che questi soldati, tra cui 80 feriti, “si sono fatti prigionieri”.

Kiev non ha parlato di resa. “Sto facendo tutto ciò che è in mio potere per garantire che le più potenti forze internazionali siano informate e coinvolte il più possibile nel salvare i nostri eroi”, ha detto giovedì sera Zelensky.

labirinto sotterraneo

Gli sfollati, che erano membri della Marine Rifle Unit e del Battaglione Azov fondato dai nazionalisti ucraini, erano rimasti rintanati per settimane in un labirinto di gallerie sotterranee dell’era sovietica sotto gigantesche acciaierie, ampiamente bombardate dai russi.

READ  Ritornare in un Paese considerato 'un confine, non un ponte'

Svyatoslav Balamar, vice comandante del reggimento Azov, ha confermato in un video pubblicato giovedì di essere ancora allo stabilimento con il resto del comando, rifiutandosi di rivelare i dettagli dell'”operazione” in corso.

Il loro destino non è ancora deciso: l’Ucraina vuole organizzare uno scambio di prigionieri di guerra, ma la Russia ha dichiarato di non considerare almeno alcuni di loro soldati, ma combattenti “neo-nazisti”.

La guerra minaccia di esacerbare la crisi alimentare globale poiché interrompe gravemente l’attività agricola e le esportazioni di grano dall’Ucraina, un paese che fino ad allora era il quarto esportatore mondiale di mais e sulla buona strada per diventare il terzo esportatore di grano.

“Smettete di chiudere i porti del Mar Nero! Consentite la libera circolazione di navi, treni e camion che trasportano cibo dall’Ucraina”, ha detto Anthony Blinken, capo della diplomazia statunitense, durante una riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU, durante una riunione dell’ONU Consiglio di Sicurezza.

Al che l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, ha risposto denunciando il desiderio occidentale di “ritenere la Russia responsabile di tutti i problemi del mondo”.