Agosto 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Govit-19: Per ottenere il suo libretto sanitario, a un italiano è stata data una mano finta di silicone mentre veniva vaccinato.

Un italiano ha cercato di frodare i servizi vaccinali piemontesi mostrando una mano finta in silicone durante la vaccinazione. Sperava di ricevere una dose in modo da poter ottenere il pass senza essere vaccinato.

Alcuni staranno lì Ottieni un contrassegno sanitario falso. Tra chi compra codici QR falsi e chi ruba i dati di chi è effettivamente vaccinato, pensavamo di aver visto tutto. Questo era innumerevoli Italia Quello che ha cercato di trovare una soluzione per ottenere un vero e proprio pass sanitario… Una mano finta.

Questo giovedì 2 dicembre viene al centro vaccinazioni un uomo di cinquant’anni Piella, In Piemonte, nel nord Italia, per ottenere la dose del vaccino Govit-19. Ma quando è arrivato il momento di iniettare al paziente il prezioso siero, l’infermiera ha notato la delusione.

Lo ha annunciato venerdì 3 dicembre su Facebook Alberto Sirio, Presidente della Regione Piemonte Tentativo di frode totale. “Pensava di poter ingannare i nostri operatori sanitari mostrando la mano sbagliata durante la sua prima iniezione di dose, ottenendo così il verde”, dice, prima di approvare l’investimento dei quaranta, prima di scegliere un dispositivo protesico più grande della vita: “ Come vera pelle, Attraverso il colore e la consistenza, il nostro caregiver si è subito insospettito e ha chiesto al paziente di mostrare tutta la sua mano, cosa che non voleva fare”.

Il gesto della “gravità massiccia”

“Il caso è ridicolo, a parte questoIl gesto della massima forza gravitazionale“In termini di vite umane e di costi sociali ed economici, l’epidemia è inaccettabile di fronte ai sacrifici che farà tutta la nostra comunità”, ha affermato Alberto Sirio.

READ  Fatti vari. Un italiano vicino alla mafia è stato arrestato a Versailles

La persona che ha cercato di ingannare il centro di vaccinazione deve rispondere delle sue azioni in tribunale. Il capo della Regione Piemonte ha ribadito la sua gratitudine agli operatori sanitari piemontesi, sottolineando “la loro capacità professionale da parte di chi ha agito subito ieri sera”.