Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fondi europei: Bruxelles è “ricattata” da un leader nazionalista

Fondi europei: Bruxelles è “ricattata” da un leader nazionalista

Il via libera, che secondo fonti vicine alla vicenda dovrebbe essere annunciato nel pomeriggio, ha suscitato forti reazioni al Parlamento europeo, dove gli eletti sono preoccupati per la prospettiva di vedere Bruxelles “sotto il ricatto” del leader nazionalista. .

Da parte sua, la Commissione collega la possibilità di revocare il divieto alle riforme intraprese da Budapest per rispettare una serie di condizioni volte a migliorare l’indipendenza del sistema giudiziario ungherese.

L’importo in questione rappresenta meno della metà dei fondi congelati dall’Unione Europea a causa delle violazioni dello Stato di diritto di cui è accusata l’Ungheria.

Il Parlamento ungherese adotta una legge per combattere le “ingerenze straniere”

“Mentre parliamo, la Commissione sta facendo il lavoro finale sulla valutazione in modo che si possa prendere una decisione. Non posso dire ora quale sarà la decisione”, ha detto con cautela martedì il vicepresidente della Commissione. Intervista alla ministra dei Valori e della Trasparenza Vera Jourova durante una conferenza stampa a Strasburgo.

Viktor Orban ha minacciato di bloccare le decisioni chiave riguardanti l’Ucraina che sono all’ordine del giorno del vertice europeo di giovedì e venerdì: l’apertura dei negoziati di adesione all’UE e l’approvazione di 50 miliardi di euro di aiuti europei – sotto forma di sovvenzioni e prestiti – per l’Ucraina . questo paese.

Il nazionalista ungherese, unico leader dell’Ue a mantenere stretti rapporti con il Cremlino dopo l’invasione russa dell’Ucraina, chiede l’organizzazione di un “discussione strategica” tra i 27 Paesi sul futuro dei rapporti con Kiev.

L’Ungheria blocca il consenso dell’Ucraina all’adesione all’Unione europea: preoccupato Dmytro Kuleba, ministro degli Esteri ucraino

“Valori europei”

Al Parlamento europeo, Manfred Weber, leader del principale gruppo politico, il Partito popolare europeo (a destra), ha affermato di “contare che la Commissione basi le sue decisioni sui fatti”, sottolineando anche la necessità di vedere le riforme tradursi in “cambiamenti .” Per terra.

READ  Quattro morti in una valanga a Mont-Dore, soccorritori e professionisti uniti attorno alle vittime

“Ci opponiamo allo stanziamento di fondi europei all’Ungheria, mentre non vi è alcuna garanzia di un ritorno alla democrazia permanente nel paese”, ha affermato Stephane Ségournet, capo del gruppo Renew Europe (centristi e liberali).

Il parlamentare europeo ha aggiunto che “il futuro dell’Unione europea, dell’Ucraina e della Moldova non può essere tenuto in ostaggio da un solo uomo”.

Il deputato olandese Tinky Streeck (Verdi) teme di commettere un “grave errore” e ritiene che “arrendersi all’agenda filo-Cremlino e ricattare Orban significhi compromettere i valori europei e la sicurezza dell’Unione europea e dell’Ucraina”.

Polonia: il governo filoeuropeo di Tusk conquista la fiducia del parlamento

In totale, circa 21,7 miliardi di euro di fondi di consolidamento previsti per l’Ungheria per il periodo 2021-2027 sono stati sospesi nel dicembre 2022 dall’UE, in attesa del completamento di un certo numero di riforme da parte di Budapest.

Per conformarsi alle richieste di Bruxelles in campo giudiziario, l’Ungheria ha adottato misure, entrate in vigore a giugno, volte in particolare a ripristinare l’autorità e l’indipendenza del Consiglio giudiziario nazionale, a modificare il lavoro della Corte suprema e a limitare le possibilità del governo ricorrere alla Corte Costituzionale per contestare le sue decisioni.

Martedì sera si è votato l’ultimo emendamento legislativo atteso da Bruxelles, relativo al deferimento della magistratura europea ai tribunali ungheresi, secondo i risultati del voto parlamentare visionati dall’Agence France-Presse, che confermano le informazioni riportate dal quotidiano Nebzava.

Dei quasi 10 miliardi di euro che dovrebbero essere stanziati dall’UE, circa 500 milioni di euro potrebbero essere messi a disposizione inizialmente, nel “prossimo futuro”, secondo una fonte europea.

Polonia: Tusk, tornato al potere, chiede un’Unione europea forte e il sostegno all’Ucraina

READ  I funzionari eletti da Trump iniziano l'inchiesta sull'impeachment su Biden | mondo

Tuttavia, circa 11,7 miliardi di euro rimarranno congelati in attesa di progressi sulle condizioni di aggiudicazione degli appalti pubblici, sulla lotta ai conflitti di interessi, nonché sulla libertà accademica, sui diritti LGBT e sul rispetto della legge sull’asilo.

L’Unione Europea, in un atto separato, ha sospeso il piano di ripresa dell’Ungheria per un totale di 10,4 miliardi di euro (6,5 miliardi di sovvenzioni e 3,9 miliardi di prestiti) per portare avanti anche lo stato di diritto.

Tuttavia, all’Ungheria è stato recentemente concesso di ricevere un anticipo di 900 milioni di euro, che potrebbe essere rimborsato dopo un certo periodo di tempo se i pagamenti non saranno convalidati dall’UE.