Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Dai corpi che abbiamo visto sono emersi casi di stupro”: in Israele complessa indagine su possibili crimini sessuali commessi da Hamas

“Dai corpi che abbiamo visto sono emersi casi di stupro”: in Israele complessa indagine su possibili crimini sessuali commessi da Hamas

David Katz, uno dei capi dell’unità di polizia criminale Lahav 443, ha annunciato che sta “lavorando su diversi casi” di violenza sessuale e sta raccogliendo prove forensi dai sopravvissuti, filmati delle telecamere di sorveglianza e informazioni fornite durante gli interrogatori dei combattenti palestinesi arrestati dopo l’attacco. massacro. Il commissario capo israeliano Yaakov Shabtai ha dichiarato: “Questa indagine (…) è la più importante della nostra storia”.

Secondo gli esperti legali intervistati dall’AFP, gli attacchi del 7 ottobre costituiscono probabilmente crimini di guerra compreso lo stupro, come definito nello Statuto di Roma del 1998 che ha istituito la Corte penale internazionale.

La polizia ha fornito alla stampa internazionale alcuni documenti come base per questa indagine, che durerà “diversi mesi”, secondo Katz.

Una foto scattata sul luogo di un rave party a Reem (sud), bersaglio di uno degli attentati, mostra il corpo di una donna con la parte inferiore del corpo nuda, distesa a terra sulla schiena, con le braccia gambe divaricate, che mostrano segni di esaurimento. Segni di bruciatura sulla vita e sugli arti. Un’altra foto mostra una donna nuda, con le gambe aperte e le mutandine abbassate.

La polizia ha nuovamente mostrato la videointervista ad un sopravvissuto al massacro rave. La giovane donna S ha descritto di aver visto una donna violentata da diversi uomini: “L’hanno afferrata per i capelli. Un uomo le ha sparato alla testa mentre la violentava”, ha detto.

Hamas vede le accuse americane come un “via libera per nuovi massacri” negli ospedali

Aden, immagini

“La stragrande maggioranza delle vittime degli stupri e di altre aggressioni sessuali avvenute il 7 ottobre, comprese le mutilazioni genitali, sono state uccise e non potranno “Non ha mai potuto testimoniare”. .Ottobre.

READ  Emmanuel Macron chiede il “governo” e la fiducia dei francesi: “Non può più essere come prima”.

Dean Elsdunne, porto della polizia israeliana, assicura che gli esami medici sono pratici anche nella “zona di combattimento”, sui “corpi recuperati” e sui dipendenti privati ​​della base militare della Shura, al centro. “L’entità sionista”.

“Sappiamo… dai corpi che abbiamo visto sul campo che ci sono stati casi di stupro e aggressioni sessuali”, ha detto ai giornalisti. “Abbiamo raccolto prove visive, prove del DNA e scattato fotografie dettagliate dei corpi”, al loro arrivo a Shura, anche se non tutti hanno potuto sottoporsi ad autopsie e cercare le cause della morte.

Secondo la polizia, dei 1.200 corpi registrati, “centinaia” erano in condizioni gravemente deteriorate. Fin dalla prima settimana, le testimonianze dei soccorritori della Zaka, che sono stati tra i primi ad arrivare sul posto, hanno denunciato casi di stupro.

Al Centro di identificazione del Corpo di Shura, il medico Alon Oz, responsabile dei resti di “centinaia di soldati” che erano anche tra le vittime del 7 ottobre, ha detto all’AFP di aver visto “donne bruciate con mani e piedi legati”. Ha detto: “Ho visto (tracce di) colpi di pistola sui genitali… una testa mancante e arti mancanti”.

“bacini rotti”

Un altro impiegato responsabile della toilette dell’obitorio, che ha chiesto solo di essere nominato, ha detto all’AFP che alcuni soldati “indossavano biancheria intima piena di sangue”. “Altre persone della squadra hanno visto lavandini, gambe e lavandini rotti”, ha aggiunto.

Quando i combattenti di Hamas hanno fatto saltare in aria il valico di frontiera di Erez tra Israele e la Striscia di Gaza, sono arrivati ​​rapidamente a una base militare israeliana designata a sorvegliare il confine, compito svolto solo dalle donne soldato.

READ  "Se tutti i paesi della NATO aiutassero l'Ucraina come il Belgio, oggi l'Ucraina sarebbe russa. È un peccato."

Molte donne sono state rapite lì, secondo le testimonianze dei sopravvissuti. Una di loro è apparsa presto in un video pubblicato da Hamas, mentre si strappava i capelli dal retro di un veicolo a Gaza, con ferite alle caviglie e i pantaloni macchiati di rosso sulla schiena.

In questa fase, l’investigatore David Katz dice di non poter provare che Hamas abbia dato istruzioni per violentare le donne, ma sottolinea che “nulla è stato fatto a caso”.

Le famiglie degli ostaggi, di cui almeno 80 su 240 sono donne e ragazze secondo un conteggio dell’Agence France-Presse, tremano al pensiero della possibilità di commettere atti di violenza sessuale contro i loro cari mentre sono detenuti.

Le immagini ampiamente diffuse della tedesco-israeliana Shani Luke, 22 anni, che appare con la parte superiore del corpo nuda e viene malmenata da uomini nel retro di un camioncino a Gaza, hanno creato un clima di ansia. Nel mese di ottobre, le autorità israeliane hanno confermato la morte della giovane donna che aveva partecipato alla festa.

Negli ospedali che potrebbero accogliere gli ostaggi liberati è già stato stabilito un protocollo. È stato progettato da associazioni femministe e di sostegno alle vittime che hanno sensibilizzato tutti i dipendenti sull’assistenza consapevole.