Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Covid: il tribunale italiano ordina l’analisi dei vaccini a RNA messaggero

Il tribunale di Pesaro, in provincia di San Marino (Est), ha incaricato un perito di identificare i contenuti dei vaccini anti-Covid Moderna e Pfizer/BioEntech messenger RNA a RNA messaggero. Le analisi saranno effettuate a settembre, ha detto all’Afp l’avvocato Nicoletta Morante.

Secondo lui, questa è “la prima volta in Italia, forse in Europa”.

Il denunciante, che ha sofferto in passato della malattia, ha cinquant’anni, lavora in particolare nel campo dell’istruzione, e la sua attività in Italia è soggetta all’obbligo di vaccinazione. Secondo Me Morante, è soggetto a sanzioni amministrative.

Oltre a “se vaccinare persone guarite dal Covid-19 soddisfa la buona somministrazione di farmaci”, vuole sapere quali proteine ​​contengono questi vaccini e se contengono “eccipienti per uso non umano o pericoloso”. “Secondo una sintesi della denuncia vista da AFP.

La terapia dell’RNA messaggero consente alle cellule di riprodurre le proteine ​​del virus – “antigeni” – che il sistema immunitario si abitua a riconoscere e neutralizzare.

A sostegno della denuncia civile avanzata contro Pesaro, l’avvocato ha presentato il parere di un ricercatore medico, fingendosi virologo indipendente, il quale ritiene che i vaccini mRNA non svolgano la funzione protettiva dei vaccini iniettabili. I vaccini, scrive nella denuncia, “mancano della compatibilità funzionale segnalata” e l’immunità che producono è “inefficace”.

Secondo l’OMS, nel mondo sono stati somministrati più di 12 miliardi di vaccini Covid e il 60% delle persone ha ricevuto due dosi.

READ  Verso l'integrazione di 400 giovani nel mercato del lavoro italiano