Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cento anni dopo, ha spiegato l’azione del famoso cane americano Balto attraverso il suo DNA

Cento anni dopo, ha spiegato l’azione del famoso cane americano Balto attraverso il suo DNA

Ha la sua statua nel Central Park di New York, un film d’animazione alla sua gloria, e ora, uno studio scientifico dedicato: il DNA del cane da slitta Balto, uno dei cani più famosi degli Stati Uniti, analizzato 90 anni dopo la sua morte , fa luce sulla sua leggendaria resistenza.

Nel 1925 Balto prese parte a una spedizione in Alaska che chiamò “Serum Race”. L’obiettivo era salvare gli abitanti di un paesino, situato in una zona molto remota, portando un farmaco antidifterico.

Nella bufera di neve e nonostante le alte temperature, Balto ha guidato il branco di cani da slitta che ha percorso le ultime decine di chilometri.

Dopo la sua morte nel 1933, è ora in mostra al Cleveland Museum of Natural History.

“La fama di Balto e il fatto che fosse impagliato ci offre questa meravigliosa opportunità, 100 anni dopo, di vedere che aspetto avesse geneticamente questo gruppo di cani da slitta e confrontarlo con i cani moderni”, ha spiegato la ricercatrice di Balto Katherine Moon in un comunicato stampa. UC Santa Cruz e autore principale dello studio, che è stato pubblicato giovedì sulla rivista Science.

Gli scienziati hanno prelevato campioni dalla pelle del suo stomaco e hanno ricreato il suo genoma.

Lo hanno confrontato con i genomi di oltre 680 cani moderni, che rappresentano 135 razze.

Contrariamente al mito secondo cui Balto era in parte lupo (e come suggerirebbe il film d’animazione della Universal Pictures del 1995), l’analisi non ha rivelato antenati di lupi.

READ  50 anni di BMW M: i 10 modelli più leggendari...

Il Balto condivide un’ascendenza comune con gli odierni Siberian Huskies, i cani da slitta dell’Alaska e della Groenlandia.

– salute migliore –

Gli scienziati hanno anche confrontato il suo patrimonio genetico con un allineamento dei genomi di 240 specie di mammiferi, che è stato effettuato nell’ambito di una collaborazione internazionale chiamata Zoonomia Project.

Questa tecnica aiuta a determinare quali parti del DNA sono le stesse in tutte le specie e quindi non sono cambiate in milioni di anni di evoluzione. Questa stabilità indica che si tratta di regioni con funzioni importanti e le mutazioni del loro livello possono essere pericolose.

Il risultato: Baltos aveva meno differenze di rischio rispetto alle razze canine moderne, probabilmente indicando una salute migliore.

“Balto aveva variazioni nei geni legati a cose come peso, coordinazione, formazione delle articolazioni e spessore della pelle, il che avrebbe senso per un cane allevato per prosperare in un tale ambiente”, ha osservato Katherine.

Infine, lo studio ha cercato di ricostruire il suo aspetto fisico dal suo genoma, con risultati coerenti con le immagini storiche che abbiamo di lui e dei suoi resti conservati.

Balto ha un’altezza delle spalle di 55 cm e un mantello nero con un po’ di bianco.

“Questo progetto dà a tutti un’idea di ciò che sta iniziando a diventare possibile attraverso confronti con genomi di qualità crescente”, ha confermato Catherine Moon. “Queste sono cose che non abbiamo mai fatto prima. Mi sento un esploratore, e ancora una volta Balto sta aprendo la strada”.

READ  La NASA ha perso i contatti con il suo elicottero su Marte
-->