Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alla Stellantis di Vesoul, 200 lavoratori italiani sostituiscono i precari francesi

Questa è la prima volta in Francia: i dipendenti italiani del Gruppo Stellandis Automobile vengono a lavorare in Francia. Il corteo, che cerca di aggiornare il proprio personale, ha permesso a 200 dipendenti italiani di percorrere 1.300 chilometri per venire a lavorare a Wesol. Lo stabilimento dell’Alta Saona non è stato interessato come altri siti perché non produceva automobili. È un hub globale per i pezzi di ricambio, quindi c’è del lavoro da fare.

Gli italiani, ignari dell’ubicazione di molti precari francesi, apprezzarono la tranquillità di Vesol, accolti dai francesi, e accettarono di percorrere diversi chilometri per ricevere gli stipendi a fine mese.

In città, puoi identificarli dall’abbigliamento invernale come sci, cappelli lunghi fino alle orecchie e grandi piumini che coprono la guancia. Dopo il lavoro, questi italiani di Melphi e Pomigliano, vicino a Napoli, si incontrano a Bella Vita, una pizzeria a conduzione italiana dove fa da traduttore ed è diventato un hub per buoni affari per trovare un alloggio economico.

Questi dipendenti di Stellandis come Ciro non hanno davvero scelta. “Non è una scelta imposta”Quest’uomo spiega che se n’è andato perché “Crisi” Dopo essere stato in Italia “È senza lavoro da molto tempo”. “Improvvisamente non è stato imposto, ma quasi”, dice Ciro.

I siti produttivi sono chiusi per mancanza di semiconduttori e non vengono pagati i giorni non lavorativi. “In Italia i cantieri sono chiusi da molto tempo. Lavoravamo due o tre giorni alla settimana e all’improvviso la paga se ne andava”., Dice l’italiano.

Tutti hanno accettato di portare a casa lo stipendio. Utilizzati per assemblare jeep o Fiat 500, lavorano nei magazzini di magazzino ed effettuano ordini. Modificato da Domenico: “Siamo pronti a tutto. Fai 1.300 chilometri, anche per fare altri lavori. La cosa principale è che possiamo nutrire i nostri figli e vivere semplicemente., Lui spiega.

“Anche se facciamo sacrifici per uscirne, almeno qui ci restituiscono un po’ di onore”.

Ciro, dipendente italiano di Stellandis

a franceinfo

In Francia le condizioni di questo lavoro sono un compenso per vitto e alloggio, ma nessun bonus specifico. Lo stipendio è lo stesso. CGT parla di intimidazione sul lavoro.

Questi 200 dipendenti italiani di Stellandis sono stati assunti con 70 dalla Malhouse e una ventina dal sito produttivo di Sochas. Allo stesso tempo, in modo orribile, 300 dipendenti temporanei sono stati licenziati durante la notte. Gli italiani non lo sapevano. Alcuni sono a Veso fino al 31 dicembre, altri fino a giugno. Hanno in programma di tornare a casa una volta ogni 45 giorni.