Settembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alla Stellantis di Vesoul, 200 lavoratori italiani sostituiscono i precari francesi

Questa è la prima volta in Francia: i dipendenti italiani del Gruppo Stellandis Automobile vengono a lavorare in Francia. Il corteo, che cerca di aggiornare il proprio personale, ha permesso a 200 dipendenti italiani di percorrere 1.300 chilometri per venire a lavorare a Wesol. Lo stabilimento dell’Alta Saona non è stato interessato come altri siti perché non produceva automobili. È un hub globale per i pezzi di ricambio, quindi c’è del lavoro da fare.

Gli italiani, ignari dell’ubicazione di molti precari francesi, apprezzarono la tranquillità di Vesol, accolti dai francesi, e accettarono di percorrere diversi chilometri per ricevere gli stipendi a fine mese.

In città, puoi identificarli dall’abbigliamento invernale come sci, cappelli lunghi fino alle orecchie e grandi piumini che coprono la guancia. Dopo il lavoro, questi italiani di Melphi e Pomigliano, vicino a Napoli, si incontrano a Bella Vita, una pizzeria a conduzione italiana dove fa da traduttore ed è diventato un hub per buoni affari per trovare un alloggio economico.

Questi dipendenti di Stellandis come Ciro non hanno davvero scelta. “Non è una scelta imposta”Quest’uomo spiega che se n’è andato perché “Crisi” Dopo essere stato in Italia “È senza lavoro da molto tempo”. “Improvvisamente non è stato imposto, ma quasi”, dice Ciro.

I siti produttivi sono chiusi per mancanza di semiconduttori e non vengono pagati i giorni non lavorativi. “In Italia i cantieri sono chiusi da molto tempo. Lavoravamo due o tre giorni alla settimana e all’improvviso la paga se ne andava”., Dice l’italiano.

Tutti hanno accettato di portare a casa lo stipendio. Utilizzati per assemblare jeep o Fiat 500, lavorano nei magazzini di magazzino ed effettuano ordini. Modificato da Domenico: “Siamo pronti a tutto. Fai 1.300 chilometri, anche per fare altri lavori. La cosa principale è che possiamo nutrire i nostri figli e vivere semplicemente., Lui spiega.

“Anche se facciamo sacrifici per uscirne, almeno qui ci restituiscono un po’ di onore”.

Ciro, dipendente italiano di Stellandis

a franceinfo

In Francia le condizioni di questo lavoro sono un compenso per vitto e alloggio, ma nessun bonus specifico. Lo stipendio è lo stesso. CGT parla di intimidazione sul lavoro.

READ  L'italiano Lamond Marcel Jacobs ha vinto la finale dei 100 metri dopo Usain Bolt

Questi 200 dipendenti italiani di Stellandis sono stati assunti con 70 dalla Malhouse e una ventina dal sito produttivo di Sochas. Allo stesso tempo, in modo orribile, 300 dipendenti temporanei sono stati licenziati durante la notte. Gli italiani non lo sapevano. Alcuni sono a Veso fino al 31 dicembre, altri fino a giugno. Hanno in programma di tornare a casa una volta ogni 45 giorni.

Stellandis: staff italiano a Vesol – Report di Jean-Franசois Fernandez


Chiedere