Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

10 cose che non sai su Assassin’s Creed

10 cose che non sai su Assassin’s Creed

Se la saga di Assassin’s Creed ha perso un po’ del suo fascino nel tempo, dobbiamo renderci conto che si tratta di uno dei pilastri dell’industria dei videogiochi che, tra le altre cose, ha contribuito a rendere popolare il moderno open world. Diamo un’occhiata ad alcuni fatti poco conosciuti al riguardo.

Assassin’s Creed era originariamente Prince of Persia

È una storia ancora ben nota tra i fan della serie, ma per gli altri, una domanda veloce: hai notato quanto il primo gioco di Assassin’s Creed assomigli a Prince of Persia? Un’avventura in un’ambientazione mediorientale che include un’enorme dimensione di parkour… è un po’ simile, no? Se ignoriamo il fatto che Assassin’s Creed è ancora più realistico nella sua ambientazione storica, ovviamente.

Beh, è ​​del tutto normale! In effetti, Assassin’s Creed è nato come un progetto interrotto: un gioco che avrebbe potuto chiamarsi “Prince of Persia: Assassin”. Non sembra che Ubisoft fosse un grande fan di questo progetto, che avrebbe dovuto avere al centro della trama una protagonista femminile che sarebbe stata la guardia del corpo del principe.

Il progetto interrotto alla fine divenne Assassin’s Creed, che, paradossalmente, segnò per anni la morte della saga di Prince of Persia. Ma non è tutto…

Un romanzo sloveno, L’origine di tutto

Perché l’origine della saga di Assassin’s Creed è anche (e soprattutto?) in un romanzo sloveno: Alamut di Vladimir Bartol. Se coloro che allora venivano chiamati in senso peggiorativo gli Assassini (i loro veri nomi, i Nizari, o gli Ismailiti) sono realmente esistiti, i miti che li circondano sono essenzialmente il frutto di leggende propagate nel tempo e della fantasia di Vladimir Bartol, a cui successivamente si sono aggiunte le fantasie Ubisoft. Così il motto degli assassini nei giochi “Niente è giusto, tutto va bene” deriva direttamente dal romanzo di Alamut.

C’è una buona ragione (nei giochi) per cui un uccello non sa nuotare

Nel primo gioco di Assassin’s Creed, l’uccello non sa nuotare e l’animus perde immediatamente la sincronia nell’acqua. Tuttavia, la maggior parte degli altri assassini della saga sono già in grado di muoversi nell’onda. Quindi cosa è cambiato?

READ  È possibile trovarli nei giorni festivi?

In effetti, probabilmente si tratta di una questione tecnica: il team Ubisoft semplicemente non ha implementato un sistema di nuoto.

Ma nel mondo di gioco era necessario giustificare il fatto che l’uccello non sa nuotare. Per un assassino sarebbe un po’ difficile fingere di non aver mai imparato a farlo. Quindi Ubisoft ha trovato una piccola scusa: ci sarebbe stato un bug nell’Animus. Man mano che la tecnologia avanza nel tempo, l’errore viene semplicemente corretto quando arrivano i giochi successivi.

L’animazione di Desmond sta cambiando

Come promemoria (se siete arrivati ​​con l’artwork più recente), i primi tre giochi numerati della serie Assassin’s Creed (più gli spin-off Assassin’s Creed: Brotherhood e Assassin’s Creed: Revelations) raccontano la storia di Desmond Miles, un barista e discendente di una lunga stirpe di assassini, che raccoglieranno, attraverso… L’Animus, i ricordi di tre dei suoi antenati.

Rivivendo i ricordi dei talentuosi assassini, possiamo immaginare che Connor ne tragga qualcosa. Ciò è evidente nel modo in cui si muove: la sua animazione all’inizio è goffa, ma più tempo trascorre nell’Animus, più i suoi movimenti diventano vibranti e fluidi. Un modo semplice per mostrare nei giochi l’effetto dell’Animus su Desmond.

I giochi (e Ubisoft) fanno parte del franchise

Dopo la morte di Desmond Miles inizia un periodo leggermente diverso nella storia del franchise. Potresti aver notato che l’Animus, un elemento fantascientifico che non piaceva molto a Ubisoft, sta svanendo da Black Flag in poi (anche se tornerà alla ribalta con i giochi più recenti).

Ma in realtà, nel mondo della serie, il vero motivo è che da Black Flag in poi giochi a un gioco prodotto da Abstergo Entertainment, che utilizza il DNA di Desmond per creare un videogioco basato su una versione modificata della storia dell’assassino. (Il che aiuta a giustificare gli errori storici).

READ  Les ventes de Pixel 6 e iPhone SE 5G sont en chute free chez gli operatori

In questo stesso universo vengono creati i giochi Abstergo in collaborazione con… Ubisoft! Ciò significa che nel mondo di Assassin’s Creed, Ubisoft è dalla parte dei Templari che, ricordiamolo, sono ancora i grandi cattivi della saga…

L’arco terminava in un altro mezzo

Parlando di Assassin’s Creed come videogiochi ambientati nell’universo della saga, forma un arco narrativo che va da Black Flag a Syndicates. Un arco narrativo ambizioso perché coinvolge uno degli antagonisti più misteriosi e potenti della saga: Giunone.

E poi arrivano gli asset. Anche se questo gioco ha fatto molto bene al franchise ed è molto popolare nel complesso, interrompe improvvisamente l’arco narrativo dei giochi precedenti. Tanto che doveva essere racchiuso in un fumetto: Rivolta. Un’opzione che non ha soddisfatto tutti.

Il creatore di Assassin’s Creed si è scusato per aver dato inizio a questa tendenza

“Espedienti in stile Ubisoft”: una vera e propria “malattia del mondo aperto” le cui origini possono essere viste nella serie di Assassin’s Creed.

Devo dire che quando questo principio appare nel franchise, è completamente nuovo, ed è accompagnato da un’estetica molto speciale, con un “atto di fede” che segue immediatamente.

Ma dopo qualche anno, va notato che tutti vi hanno partecipato, in un modo o nell’altro, anche Zelda!

Per questo motivo, Patrice Desilets, il creatore di Assassin’s Creed, si è scusato in modo umoristico per gli imbrogli di Breath of the Wild.

Assassin’s Creed Valhalla è molto meno raffinato dei suoi predecessori

In media, bisogna ammettere che il franchise è in qualche modo corretto quando si tratta di ricostruire la storia. Gli studi spesso si rivolgono agli storici, e anche se i giochi si discostano dalla storia (anche solo in termini di leggenda degli Assassini e dei Templari), vagare per la mappa di un gioco è un po’ come un viaggio indietro nel tempo. ..

READ  Persona 4 può essere pubblicato nel 2022 su Nintendo Switch - Rumeur

Sfortunatamente, questa accuratezza storica non si estende del tutto al Valhalla. Sappiamo che esiste un fantasy sui Vichinghi, e Ubisoft ha preferito ispirarsi ad esso per non rischiare di destabilizzare troppo le aspettative del pubblico, utilizzando immagini molto stereotipate…

Fortunatamente, sembra che Assassin’s Creed Mirage abbia già corretto la situazione!

Odyssey non è mai stato pensato per essere un gioco della serie principale

Cassandra (e Alexios) sono gli unici assassini della serie che non sono… assassini (notare la lettera maiuscola). Ciò è stato notato da molti fan, al punto che alcuni considerano Odyssey semplicemente non un gioco di Assassin’s Creed.

Ciò non sarà dovuto a una coincidenza. Originariamente, infatti, Odyssey doveva essere un gioco spin-off piuttosto che un gioco principale. Questo forse spiega la rottura con le tradizioni degli Assassini e l’attenzione sull’origine dei Cavalieri Templari.

Tuttavia, il gioco rivela molte informazioni sull’universo. Una rivelazione che senza dubbio molti giocatori si sarebbero persi se Odyssey non fosse stato integrato nella serie principale…

Il franchise trae ispirazione da tutto (a livello di gameplay)

In generale, il gameplay di Assassin’s Creed tende a trarre molta ispirazione dai giochi “moderni” durante il suo sviluppo. In alcuni casi è abbastanza ovvio, come nel caso di Origins ispirato a The Witcher 3.

Ma in altri casi, è meno chiaro. Sapevi che le due grandi influenze di Black Flag sono Red Dead Redemption e… The Wind Waker! Se ci pensi, ha perfettamente senso…

_
Segui Geco su Facebook, Youtube E Instagram per non perdere nessuna bella notizia, quiz e offerta.

Ricevi le nostre ultime notizie direttamente sul tuo WhatsApp iscrivendoti a Il nostro canale.