Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scopri una lumaca “pelosa” e “dinosauro-moderna” in un pezzo d’ambra

Scopri una lumaca “pelosa” e “dinosauro-moderna” in un pezzo d’ambra

È una storia degna Jurassic Park. Una lumaca fossile di 99 milioni di anni è stata scoperta intrappolata in un pezzo di ambra BirmaniaMartedì abbiamo appreso dal Museo di Storia Naturale Colmar dove verrà visualizzato. Questa specie, “nuova per la scienza”, è stata battezzata “Archaeocyclotus brevivillosus”, osserva in un comunicato stampa per il Museo Alsaziano.

La conchiglia, che misura 9 mm di lunghezza e 3,1 mm di altezza, «è particolarmente segnata dai peli corti e ruvidi su tutta la sua circonferenza», specifica il museo, che ha premiato questo prezioso fossile con un anno trascorso come collezionista. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Cretaceous Research, questo “pelo avrebbe potuto costituire molteplici vantaggi selettivi per questi animali, e quindi favorire in modo particolare la loro uscita dalle acque verso ambienti continentali terrestri durante l’epoca secondaria”, ha proseguito la fondazione. Nei suoi comunicati stampa.

Lumache pelose

Informazioni che “non sono nuove” ma “supportano informazioni precedenti: le lumache, quando hanno invaso gli ambienti terrestri, avevano i peli sul guscio”, spiega il malacologo (specializzato in molluschi) Jean-Michel Pechen, ricercatore addetto al museo e uno degli studiosi autori. “L’abbondanza di peli ha dato loro molti vantaggi”, aggiunge, in particolare in termini di termoregolazione o di lotta contro i predatori, favorendo il camuffamento.

“Ci sono 30 specie conosciute di lumache nell’ambra birmana”, una resina fossile estratta dalla valle di Hukaung (Birmania settentrionale) risalente a circa 99 milioni di anni fa, spiega Jean-Michel Pechen. Insiste sul carattere “straordinario” di questo deposito di ambra che “offre una vera finestra sulla biodiversità di un’epoca”. dinosauri ».

Al Museo di Colmar a giugno

Complessivamente “i campioni sono 200 [d’escargots] Nel gruppo”, che è “molto, molto basso”, osserva. “Qualsiasi nuova specie ci racconta la storia del gruppo”, continua il ricercatore. Ne vengono descritte pochissime e le lumache lo sono ancor meno. Questa parte”, ha ammette.

READ  #Metoohealth: i caregiver Lorain chiedono di rompere il silenzio

La lumaca dal guscio “peloso” sarà visibile nella sua membrana ambrata a giugno al Museo di Colmar durante una mostra che ospiterà anche la ricostruzione a grandezza naturale di uno dei più grandi e completi scheletri di tirannosauro.