Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute della Donna: esistono ancora molti preconcetti!

Salute della Donna: esistono ancora molti preconcetti!

Per secoli, la medicina ha visto le pazienti donne solo attraverso una lente sessista. Ancora oggi persistono alcuni pregiudizi, a danno di quello che a lungo viene chiamato il “sesso debole”.

Nell’immaginario collettivo la vittima di un infarto è un uomo nervoso, di mezza età, che avverte un intenso dolore al petto che si irradia al braccio sinistro. Quindi quando una donna si lamenta Sentirsi strematoda noi Mancanza di respiro dopo lo sforzoda noi Oppressione al petto E basato su nauseaÈ a migliaia di chilometri dall’essere sospettata di avere un infarto. Tuttavia, questi sintomi sono realmente sintomi Attacco di cuore per una donna…E quel che è peggio, potrebbe sfuggire anche al suo medico: per i pazienti il ​​pericolo dell’esistenza Diagnosi errata del 40% rispetto agli uomini, secondo uno studio condotto nel 2016, mentre una donna francese su tre muore di malattie cardiovascolari, il che le rende La principale causa di morte prematura.

Un piccolo numero di donne negli studi clinici

“IL Malattia cardiovascolare Poiché sono percepite come maschili, le donne sono sottorappresentate negli studi clinici e nella ricerca biomedica, sottolineano nel loro lavoro la storica Muriel Salle e la neurobiologa Catherine Vidal. Donne e salute, è ancora un rapporto da uomini? (editore di Belin). Sondaggi condotti a livello internazionale e in Francia mostrano che in tutti i protocolli di ricerca clinica, solo il 33,5% dei partecipanti sono donne. Che dire degli studi sull’AIDS, in cui le donne partecipanti superano a malapena il 10%? Questi sono numeri poiché entrambi i sessi oggi sono ugualmente inquinati nel mondo. Per Muriel Salle e Catherine Vidal, questa situazione è in parte un’eredità di “percezioni passate”.

READ  In che modo i problemi di salute di Elizabeth Taylor hanno interrotto le riprese?

Donna “Uomo scomparso”

Stiamo già partendo da lontano. Dai tempi antichi fino al XVIII secolo, i medici consideravano le donne niente altro che “L’uomo mancò“: Hanno gli stessi organi, ma la loro composizione è semplicemente diversa. Secondo la teoria degli umori di Ippocrate (IV secolo a.C.), Umore della donna Fa freddo e umido, quindi i loro organi rimangono all’interno, mentre gli uomini sono caldi e asciutti, quindi i loro organi appaiono all’esterno. La vagina, quindi, non è né più né meno che un pene interno!

Sintomi identici negli uomini e nelle donne ma non è la stessa malattia

Nonostante siano stati compiuti grandi progressi a partire dal Rinascimento, la medicina è ancora caratterizzata dalla sofisticazione Pregiudizi : Con sintomi simili, non diagnostichiamo le stesse malattie nelle donne e negli uomini. Vampate di calore, vapori, vertigini? I medici del XVII e XVIII secolo pensarono subito ad A Malattia neurologica Per il primo e cerca altri tipi di malattie per il secondo. Gli studi sul corpo femminile sono certamente in aumento, ma solo in una prospettiva riproduttiva. L’utero “è un vero e proprio oggetto feticcio per la professione medica”, secondo Muriel Salle e Catherine Vidal. L’invenzione della ginecologia durante questo periodo ha permesso di ridurre significativamente la mortalità materna.

Le donne, il sesso debole?

La medaglia ha un’altra faccia: parleremo presto di “natura femminile”. Perché concentrandoci esclusivamente sulle mestruazioni, sulla gravidanza e sulla menopausa, le vediamo come esseri perennemente malati e deboli, creature di conforto. “L’idea del sesso debole ha portato ad accettare come “naturali” alcune sofferenze femminili, in particolare i dolori legati al parto o alle mestruazioni”, sottolineano Muriel Salle e Catherine Vidal. Ciò spiegherebbe perché la professione medica ha scoperto solo di recente l’endometriosi. Questa attenzione al sistema riproduttivo influenza anche tutte le altre diagnosi: riteniamo, ad esempio, che l’isteria sia correlata a una lesione del sistema nervoso uterino e non alla nevrosi cerebrale.

READ  Frédéric Lapostolle, medico d'urgenza a Bobigny, insiste sull'importanza di "ripensare il sistema"
Parto con dolore: una buona vecchia abitudine… Una decorazione del XIV secolo raffigurante la nascita di Giulio Cesare. Immagini Bridgeman

Questa cosiddetta debolezza biologica della donna servirà per molto tempo a giustificare la sua inferiorità sociale. Dalla competizione su questo sistema esistente emergeranno dei movimenti Liberare e ripristinare i loro corpi. “Slancio dei movimenti femministi in Nord America [comme le Women Health Movement, ndlr] “È stato determinante nello stimolare la ricerca sulla salute delle donne e degli uomini in molti paesi”, sottolineano Muriel Salle e Catherine Vidal. L’attuazione di politiche di sanità pubblica che integrino la questione dell’uguaglianza di genere ha consentito un migliore accesso all’assistenza sanitaria riproduttiva, materna e mammaria. e screening del cancro cervicale, nonché trattamenti per malattie cardiovascolari e altre condizioni che colpiscono donne e uomini in modo diverso.

Non sempre il dolore delle donne viene preso sul serio

Ma c’è ancora molta strada da fare! Se l’arrivo della tecnologia dell’anestesia epidurale in Francia negli anni ’80 ha messo fine al dogma del parto doloroso, la sofferenza non viene ancora presa sul serio quando si tratta delle donne. Ciò è testimoniato dallo straordinario successo ottenuto da Spasfon. Questo farmaco antispasmodico è commercializzato in Francia dal 1964 per alleviare i dolori mestruali, come spiega la filosofa medica Juliette Ferry-Dagnini in Pillole rosa, ignoranza in medicina (ndr. Stock), nessuno studio scientifico serio ne ha mai dimostrato l’efficacia. Da lì, parliamo di A Placebo sessualeC’è solo un passo.

Potrebbe interessarti anche:

⋙ Uomini e Donne: Perché gli stereotipi influenzano ancora la società?

⋙ Isteria, un concetto sessuale

⋙ Quali sono i problemi di salute specifici delle donne?

READ  Temporali: come calcolare la distanza tra te e un fulmine