Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cristianesimo ha contribuito notevolmente allo sviluppo della scienza.

FIGAROVOX / Manutenzione – Nel suo ultimo libro, Queste idee cristiane che capovolsero il mondo, Lo storico Jean-François Schemann stabilisce una potente riflessione sui contributi del cristianesimo. Spiega che la Chiesa è stata una forza liberatrice nella sfera politica, culturale e scientifica.

par
Pierre Alexis Michaud

pubblicato

Questo contenuto non è accessibile.

tavolo Filippo Champagne (1645) Rappresentazione di Sant’Agostino di ricevere la verità attraverso lo studio delle scritture scritturali. Foto di Partners Museum / LACMA

Jean-François Chemain è medico e agronomo in storia oltre che dottore in storia del diritto. Ha scritto molti libri ed è professore presso varie istituzioni superiori. Il suo ultimo libro Queste idee cristiane capovolsero il mondo È appena stato pubblicato da Artège Editions (280 px, 19,90 €).


FIGAROVOX – Nel tuo primo capitolo hai scritto che “il cristianesimo ha portato nel mondo l’idea dell’Europa come spazio politico, religioso e culturale”. Cosa intendi ?

Questo contenuto non è accessibile.

Jean-Francois Chemin. – Il termine “Europa” è antichissimo, ed era usato dagli Ittiti, dai Fenici e dai Greci, con significati alquanto vari, per riferirsi a tale divinità oa questa regione. Ma è usato per la prima volta nel suo senso moderno dal monaco irlandese San Colombano in due lettere indirizzate al Papa. Nella prima, nel 590, definì l’Europa come L’area sotto l’autorità spirituale del Papa, che corrisponde agli attuali confini europei. Pertanto, questa classificazione conferisce all’Europa uno specifico significato geografico, ma anche un’importante dimensione religiosa e istituzionale, poiché il Papa è il capo dell’istituzione ecclesiastica. Si esclude, quindi, tutta quella parte del cristianesimo originario che non obbediva al papa, e in particolare l’impero bizantino in cui l’imperatore governava la religione, secondo la tradizione papale di Cesaro romano. La seconda lettera è scritta nel 614, al tempo dell’avvento dell’Islam.

Leggi anche – Luke Ferry: “Il cristianesimo è universale”

monasteri cristiani Fu anche un fattore importante nell’unificazione religiosa e culturale dell’Europa. Si conoscono due principali ondate monastiche, la prima dell’Ordine di Cluny fondato nel 910 secondo la Regola Benedettina, che edificò circa 1000 priorati; Il secondo è con l’Ordine Cistercense, anch’esso basato sulla regola di San Benedetto. Se guardiamo la mappa dei monasteri benedettini e cistercensi medievali, troviamo gli attuali territori europei, ad eccezione delle recenti espansioni ortodosse (Romania, Bulgaria, ecc.).

Secondo lei, i cristiani sono i primi a stabilire la distinzione tra stato e religione. Possiamo dire in sintesi che anche la repubblica laica è basata su un modello cristiano?

Nella repubblica c’è un’estensione della rivalità tra chiesa e stato, una lotta istituzionale tra Civiltà cristiana occidentale. La Francia ha risolto questa rivalità in modo fondamentalista e intellettuale, facendo assorbire allo Stato le funzioni tradizionali della Chiesa. In altre parole, l’istituzione ecclesiastica veniva emarginata e screditata, mentre la repubblica riprendeva i suoi principi evangelici per tracciare la sua politica.

Assimilando i diversi ruoli della Chiesa, lo Stato ha abbandonato le sue funzioni sovrane, non difende più i nostri confini, non garantisce più la sicurezza e non amministra più la giustizia.

Jean-Francois Cheyman

La chiesa originariamente aveva tre grandi missioni Tre lavoriCioè governare, insegnare e santificare. Per quanto riguarda il primo, c’era stato un confronto secolare tra chiesa e stato su chi dovesse governare, e lo stato ne uscì vittorioso. Per la seconda volta, la chiesa era molto tempo fa Monopolio dell’istruzione, ma lo stato ha ora completamente recuperato quest’area. Infine, lo Stato ha preso dalla Chiesa anche la sua ultima missione, la santificazione degli uomini. L’istituzione statale, infatti, cerca di fare santo di ogni cittadino, esorta alla “tolleranza”, al “pentimento”, invita ad accogliere lo straniero, a condividere con noi i nostri doni, a porgere la guancia giusta quando colpire l’altro. … È un discorso evangelistico. Ma allo stesso tempo, assimilando i vari ruoli della Chiesa, lo Stato ha abbandonato le sue funzioni sovrane, non difendendo più i nostri confini, non garantendo più la sicurezza e non amministrando più la giustizia.

Questo contenuto non è accessibile.

Scrive a proposito della Dichiarazione dei diritti dell’uomo: “Il cattolicesimo è un significato universale, cosa può uscire dalla primogenita della Chiesa (Francia) se non un testo di portata universale?”. Dovremmo vedere nella Dichiarazione dei Diritti Umani una sorta di vangelo secolare?

Questa Dichiarazione è stata da tempo condannata dalla Chiesa, perché sosteneva solo diritti, non doveri. Ma, Dichiarazione dei diritti dell’uomo Essa trova le sue radici in nessun luogo diverso dal cristianesimo stesso. Allo stesso modo, le prime carte dei diritti, sebbene non pretendessero di essere universali, derivavano unicamente dai paesi cristiani, sia che si trattasse della Carta dei diritti britannica o della Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti. Anche la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948 è stata adottata in modo abbastanza diffuso Pace sulla Terra Nel 1962, la pubblicazione periodica Giovanni XXIII.

Libertà, uguaglianza e fraternità, nella loro dimensione universale, sono profondi valori cristiani. Tutti gli uomini sono fratelli secondo il Vangelo, perché figli di Dio. In termini di libertà, il cristianesimo ha consentito la liberazione di schiavi e donne, scienza, impresa e intelligenza attraverso l’insegnamento. Cerco di mostrare nel mio libro che la Chiesa era una vera forza di liberazione, mentre oggi è un’istituzione ripugnante, il che è molto paradossale. Finalmente, cristianesimo È la prima religione e la chiesa è la prima istituzione che ha proclamato l’uguaglianza di tutti gli esseri umani.

Secondo lei, il cristianesimo ci insegna che “una persona segnata dal peccato di Adamo non può far nascere una società perfetta, se non per creare l’inferno sulla terra”. Possiamo vedere il cristianesimo come una cura per la tentazione totalitaria di creare il paradiso in terra?

Se il cristianesimo è ben inteso, nella logica agostiniana, con l’accettazione dell’imperfezione umana e l’indulgenza delle debolezze umane, allora è un antidoto al totalitarismo. Quando invece si vuole attuarla politicamente, progettando di creare sulla Terra una società assolutamente virtuosa, la tentazione totalitaria non è mai lontana. totalitarismo comunista È chiaramente il risultato di un progetto evangelico che cerca di applicare la morale evangelica alla terra, qui e ora, senza trasgressione e senza pietà. Il totalitarismo moderno è una forma di eresia cristiana.

Questo contenuto non è accessibile.

La somma delle libertà conquistate grazie alla Rivelazione cristiana ha consentito all’Europa di primeggiare su tutte le altre civiltà in campo scientifico, così come nella maggior parte degli altri campi, alla fine del Medioevo.

Jean-Francois Cheyman

Possiamo anche citare l’esempio del predicatore e monaco domenicano Savonarola, che cercò di applicare l’etica cristiana alla missione nella Firenze del XIV secolo, instaurando un regime teocratico. Se finì per essere espulso e giustiziato, ci sono oggi tutti gli stessi movimenti che pretendono di essere la sua persona e che si battono per la sua canonizzazione.

Contrariamente a quanto si sente oggi, lei afferma che il cristianesimo ha costituito una fucina favorevole al progresso scientifico e tecnico, nonostante un certo numero di errori. Cosa intendi ?

Il cristianesimo ha consentito lo sviluppo della scienza in vari modi. Innanzitutto, dal suo inizio ai giorni nostri Come ci ha ricordato Giovanni Paolo II In Fede e ragioneIl cristianesimo è una religione basata sulla ragione e sulla filosofia. La Chiesa considera la fede compatibile con la ragione. In secondo luogo, la Riforma gregoriana dell’XI secolo, riaffermando che alcuni ambiti appartenevano alla Chiesa e altri al laicato, diede un grande contributo a dare una propria autonomia alle istituzioni secolari. La Chiesa riconosce veramente che il profano ha le sue leggi, indipendentemente dalla sfera religiosa. Infine, un’altra tappa importante è stata l’emergere della teologia speculativa, che ritiene che Dio possa essere oggetto di una ricerca intellettuale puramente teorica. Così, la teologia è stata completamente separata dal resto delle discipline e viceversa, aprendo la possibilità di una scienza completamente indipendente dalla religione.

Leggi anche – Paul Thebaud: “Come può il cristianesimo in Europa trovare la via della storia?”

È chiaro che la Chiesa si sviluppa relativamente lentamente e può essere temporaneamente tenuta prigioniera da certe idee sull’ordine dell’universo tratte dai racconti biblici. La Bibbia non ha pretese scientifiche, la Bibbia si basa sullo stato di conoscenza del loro tempo. Da Sant’AgostinoSi accetta che gli autori della Bibbia siano indiscutibili quando parlano di fede, ma non hanno la stessa indiscutibilità quando escono dall’ambito religioso. Tuttavia, la Bibbia conserva un importante valore allegorico. Guardando a lungo termine, troviamo che il cristianesimo ha creato le condizioni per un approccio veramente scientifico separato dalla religione. Inoltre, la somma delle libertà acquisite grazie alla Rivelazione cristiana ha consentito all’Europa di primeggiare su tutte le altre civiltà in campo scientifico, così come nella maggior parte degli altri campi, alla fine del Medioevo. Si possono annoverare molti chierici tra gli uomini di scienza avanzata.

Questo contenuto non è accessibile.

Queste idee cristiane che capovolsero il mondo, edito da Artij, maggio 2023, 280 pagine, 19,90 euro.Edizioni Artig
READ  "Due cose strane nel cielo": Molti testimoni hanno visto un fenomeno nel cielo, ecco la sua fonte