Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Tour de France: “inutile”, “stupido”, “estenuante”… Cosa sono le “strade bianche”, questa novità che mette a dura prova i nervi dei leader del Tour?

Il Tour de France: “inutile”, “stupido”, “estenuante”… Cosa sono le “strade bianche”, questa novità che mette a dura prova i nervi dei leader del Tour?

Pressioni e incognite nel programma del Tour de France di domenica: sulle piste bianche intorno a Troyes, i favoriti della classifica generale dovranno prestare la massima attenzione per evitare i rischi di una tappa senza precedenti.

“Dovremo concentrarci dall’inizio alla fine, sarà un po’ caotico”, Tadej Pogacar pregustava già il giorno prima la fine della tappa, con la maglia gialla ancora sulle spalle. Innovazione nella Grande Boucle I quattordici settori di ghiaia bianca del programma dell’anello Troyes-Troyes costituiscono una trappola di prima scelta, una piccola Parigi-Roubaix capace di mandare in aria tutte le speranze e le ambizioni in un colpo solo, una foratura o una caduta.

“Non credo che possiamo vincere il Tour in questa fase, ma possiamo perderlo”, riassume Remco Evenepoel, secondo assoluto e che, a differenza di Pogacar, ha pochissima esperienza su questo terreno. Determinati a non offrire più di due tappe consecutive attraverso i tunnel lunghi e facili, gli organizzatori hanno esplorato queste strade del vino nell’Aube (32 chilometri sui 199 chilometri della tappa) per rompere la routine e “ravvivare l’atmosfera”.

“Per noi, queste piste bianche sono un grande precedente, erano lì all’inizio del Tour de France, ma negli ultimi 60 anni non credo”, ha detto all’AFP il tracciatore Thierry Jouvino.

“stupidità”

Ad alcune persone questa novità non piace. Il titolare dell’azienda di biciclette Visma-Lease, Jonas Vingegaard, denuncia l’iniziativa “inutile” che espone molti alla sfortuna. A lui si unisce il suo omologo di Soudal-Quick-Step, Patrick Lefebvre, “totalmente contrario”, che critica la “stupidità” capace di distruggere “tutti gli sforzi precedentemente fatti con un buco”.

READ  La mano di Obinda e il gol negato da Lukaku: perché la palla collegata ha confermato la sconfitta del Belgio

L’introduzione delle strade non asfaltate è una tendenza molto diffusa nel ciclismo, che segue l’affermarsi della pratica del “gravel”, a metà strada tra il ciclismo su strada e la mountain bike. Una corsa come la Strade Bianche sui tracciati bianchi della Toscana divenne presto una delle preferite dai runner.

E questa domenica dovrebbe esserci anche lo spettacolo. “La parte in vigna è molto bella – insiste Jovino – I viottoli sono in salita o in pianura, non c’è parte in discesa, ma andrà veloce, soprattutto nel finale dove gli ultimi sei settori si uniscono molto velocemente -Roubaix perché va molto da sinistra a destra in ogni direzione.”

Il terreno si adatta a corridori classici come il campione del mondo Mathieu van der Poel, due volte vincitore della Parigi-Roubaix, e Wout van Aert che è uscito chiaramente da questa tappa.

Terreno perfetto per Van der Poel

“Il velocista può vincere, i classici come Van der Poel e Van Aert dovrebbero divertirsi, ma per i leader è una giornata stressante, serve un po’ di fortuna, una squadra forte e lottare tutto il giorno”, aggiunge Jovino. Dei primi quattro classificati in assoluto, non sono tutti sulla stessa barca.

Tadej Pogacar, sempre allegro, “ama” questo tipo di allenamenti e lo ha dimostrato nella Strade Bianche vinta a marzo dopo un raid in solitaria di 81 km. “Ho esplorato la pista e so cosa ci aspetta. La gara può svolgersi secondo diversi scenari a seconda del vento, del tempo e di ciò che decide il gruppo. A me piacciono questo tipo di tappe, anche se a te no. so cosa aspettarmi”, dice lo sloveno.

READ  Vincent Kompany ha bisogno di aiuto!

I suoi tre concorrenti offrono meno segnali sulla ghiaia. Evenepoel è crollato completamente durante la tappa su terra del Giro nel 2021 ma era appena tornato da un infortunio. Jonas Vingegaard, che non corre nelle Classiche di primavera, ha avuto una brutta giornata durante la tappa acciottolata del Tour nel 2022.

Quanto a Primoz Roglic, è noto per non essere il più abile nell’andare in bicicletta, come dimostrano le innumerevoli cadute dell’ex skateboarder, che ha iniziato a pedalare in tarda età. Partenza da Troyes alle 13:15 (ora reale 13:35), arrivo a Troyes alle 18:00 (orario calcolato alla media di 45 km/h)