Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

PSWA, la risposta del Pentagono alla guerra spaziale

PSWA, la risposta del Pentagono alla guerra spaziale

Si tratta del più grande progetto di infrastrutture spaziali militari mai concepito al mondo. Nei prossimi anni, il Pentagono si sta preparando a sperimentare e utilizzare una costellazione di diverse centinaia di satelliti, dedicati a sostenere gli sforzi di guerra terrestre. La pubblicazione è già iniziata.

Si tratta di un progetto gigantesco del valore di diversi miliardi di dollari e che beneficia di risorse senza pari al mondo. Per vostra informazione, il budget annuale assegnato allo spazio militare statunitense ammonta a circa 30 miliardi di dollari, ovvero circa otto miliardi in più rispetto alla NASA! Con questi budget il Pentagono intende acquisire una propria rete di satelliti per comunicazioni in orbita bassa, che fa parte di un grande progetto di unificazione delle reti degli eserciti statunitensi (progetto JADC2).

Consegna il combattente ovunque sulla Terra

A’La US Space Force ha commissionato la sua Agenzia per lo sviluppo spaziale (Agenzia per lo sviluppo spaziale – SDA) per creare questa grande costellazione che comprenderà diverse centinaia di satelliti. Il suo nome attuale è ” L’ingegneria della guerra spaziale è proliferata “, noto anche come PSWA, ha in realtà diverse funzionalità:

  • Trasporti: servizi di comunicazione e trasferimento dati tra numerose basi militari, operazioni straniere e combattenti ovunque si trovino sulla superficie del pianeta. Questo è il servizio principale di una costellazione come Starlink;
  • Tracciamento: il servizio di tracciamento di obiettivi situati al di fuori del campo visivo delle infrastrutture militari a terra, oltre a garantire il rilevamento dei lanci di missili.

Il Pentagono ha fatto un ulteriore passo avanti volendo avere un’enorme costellazione di satelliti piuttosto che solo pochi satelliti specifici in orbita geostazionaria. I giochi intimidatori tra i satelliti spia americani e cinesi in questa orbita hanno dimostrato che un singolo satellite è ormai troppo vulnerabile in caso di guerra spaziale e troppo complesso per essere sostituito urgentemente. È molto difficile neutralizzare una rete di diverse centinaia di satelliti. Il Pentagono è già alla ricerca di lanciatori in grado di sostituire un satellite in orbita bassa in meno di 60 ore.

READ  In che modo le tue conversazioni private rimarranno nascoste

Dispiegamento singolo in lotti: dalla demo al contatto diretto con i missili

Il dispiegamento della PWSA è già iniziato, con una prima “tranche” di 28 satelliti, che richiederanno diversi lanci. Due dei tre furti sono avvenuti, uno ad aprile e l’altro il 2 settembre. Questa diapositiva 0 è la “Generazione demo”. I satelliti sono stati sviluppati anche da diversi produttori, tra cui SpaceX, che ne ha costruiti alcuni sulla base di un modello derivato da Starlink. Le fasi uno e due sono più realistiche e saranno pubblicate a partire dal 2024.

Le tranche 1 e 2 rappresentano 5 miliardi di dollari. La prima tranche conterrà 173 satelliti, mentre la seconda tranche conterrà circa 300 satelliti. Quest’ultimo trasporterà nuovi carichi utili perché sarà il primo ad essere collegato direttamente alle armi.

Con l’imponente costellazione Starlink di SpaceX composta da oltre 4.000 satelliti in orbita finora, gli Stati Uniti dispongono già della più grande infrastruttura di trasmissione di dati spaziali al mondo. Ma per il Pentagono non vi è alcun dubbio sul suo utilizzo: Quando utilizzi una rete aperta [comme Starlink, NDLR]è sempre meno sicuro “, specifica Chris Winslet, responsabile del programma di trasporto della Lockheed Martin, uno dei principali appaltatori.

A’Forza spaziale americana Intendi mantenere il controllo sulla disponibilità e sulla qualità del Servizio, cosa che l’essere un utente tra gli altri di una rete commerciale come Starlink o Kuiper non garantisce. In breve, oltre alla questione della sicurezza, è anche una questione di sovranità del software. Tuttavia, il Pentagono rimane un cliente più o meno indiretto di Starlink, finanziandone l’utilizzo da parte delle forze armate ucraine. E con il programma JWCC, lo stesso fa il Pentagono Cliente del cloud Microsoft AzureUtilizzando in particolare la rete Starlink per trasmettere i propri dati.

READ  Windows 11 Build 22635.3785, l'aggiornamento KB5039319 offre diverse nuove funzionalità

Non perderti nemmeno una rivista Futura abbonandoti! Goditi la comodità di ricevere la tua rivista direttamente nella tua casella di posta, ad un prezzo preferenziale.

Sostengo

Hai appena scoperto l’ultimo numero: In che modo l’universo ci influenza?

Scegliendo l’offerta abbonamento 1 anno, riceverai i prossimi 4 numeri di Mag’ Futura (148 pagine per decifrare le grandi sfide di oggi e di domani) per 1 anno a soli 4 euro al mese.

Futura è un media scientifico indipendente e impegnato e ha bisogno che i suoi lettori continuino a fornire informazioni, analisi e decodifica. Per incoraggiare questo approccio e scoprire i nostri prossimi post, iscriversi rimane il modo migliore per supportarci.