Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché la misteriosa borsa rossa di Boris Johnson potrebbe salvarlo

Riuscirà la misteriosa borsa rossa a salvare Boris Johnson? Questo è ciò che suggeriscono alcuni membri del suo partito.

Il primo ministro britannico è attualmente al centro di Party Gate, questo scandalo di feste private di Downing Street in piena custodia. Ultimo episodio: le immagini di una festa alla quale avrebbe partecipato Boris Johnson il 13 novembre 2020, quando il Regno Unito stava subendo un secondo blocco e le feste al chiuso erano state bandite. Le foto mostrano Boris Johnson, un sorriso sul volto mentre alza il bicchiere. Davanti a lui ci sono snack e bevande posti sul tavolo. E su una sedia, proprio accanto a lui, c’è la famosa borsa rossa da cui non si è mai staccato.

Ma cosa contiene veramente questa borsetta rossa e, soprattutto, come può salvare la pelle di Boris Johnson? Questa borsa rossa, nota agli inglesi, che la chiamavano “Red Box”, accompagna Boris Johnson ovunque si trovi: in viaggio nel Regno Unito e all’estero, a casa la sera o al lavoro. Il sistema è stato creato nel 1860. Documenti da firmare o leggere, note giornaliere, ecc. : La borsa rossa contiene documenti indirizzati al Primo Ministro britannico, rinnovati ogni giorno. All’interno della borsa ci sono solo le carte più importanti, scritte a caratteri cubitali a forma di effigie del re regnante. Anche la regina e altri ministri ne hanno uno. Come i suoi predecessori, Boris Johnson è sempre con lui.

Per alcuni membri del party di Boris Johnson, il fatto che la borsa rossa sia apparsa nelle foto della festa al 10 di Downing Street è un ottimo segno. In effetti, affermano che questo dimostra che non era a conoscenza della serata e che si è unito allo staff mentre tornava a casa. Stavano per dargli da bere e lui avrebbe messo la “scatola rossa” per brindare.

READ  È morto Pierre Rabhi, scrittore e figura dell'agroecologia

“Penso che si sia fermato per alzare il bicchiere e ringraziare un dipendente di lunga data che se ne sta andando”, ha detto il segretario ai trasporti Grant Shapps. Ha anche detto che il primo ministro era stato “umiliato”.

Quella che potrebbe essere una rivendicazione di Boris Johnson agli occhi di alcuni britannici… ma il Primo Ministro stava preparando delle scuse, avendo già assicurato al Parlamento che non intendeva insistere sulla chiusura dei partiti.

Messaggi WhatsApp problematici

Non è la prima volta che la borsa si trova al centro di polemiche. A fine marzo, gli atti del tribunale hanno confermato che Boris Johnson stava ricevendo informazioni su importanti affari del governo tramite Whatsapp. Queste chiamate, che provenivano dalla “scatola rossa”, sono state inviate al suo telefono per motivi di “facilità amministrativa”.

Per il Good Law Project e Foxglove, due gruppi legali che lottano, questa pratica rappresenta un rischio per la sicurezza. Quest’ultimo si è opposto all’utilizzo del servizio di corriere, sostenendo che violava la legge sulla conservazione dei documenti pubblici.

Tuttavia, i giudici hanno deciso che l’utilizzo di Whatsapp non è contro la legge. Nel frattempo, il governo ha definito la causa uno “spreco inutilmente di tempo e denaro dei contribuenti”.