Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuove fughe di informazioni sono state scoperte a bordo della navicella spaziale Boeing Starliner in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale

La NASA ha dichiarato durante la notte da mercoledì a giovedì che la navicella spaziale “rimane stabile”.

In totale, la Starliner ha ora tre perdite di elio. Uno di loro è stato identificato prima del decollo della missione tanto attesa, avvenuto mercoledì dalla Florida. Si è deciso di non riparare questa prima perdita di elio riscontrata su uno dei motori della nave, perché dopo l’analisi la NASA l’ha definita “piccola” e ha ritenuto che non rappresentasse un pericolo. L’elio non è un gas infiammabile, ma viene utilizzato nel sistema di propulsione delle navi.

Le altre due fughe di notizie sono “nuove da quando la navicella spaziale ha raggiunto l’orbita”, ha affermato la NASA sul sito web di X. Ha aggiunto: “Due delle valvole dell’elio danneggiate erano chiuse”.

La NASA ha chiarito giovedì mattina che i funzionari della missione si sono incontrati e hanno dato il via libera all’attracco della navicella spaziale alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), che è ancora previsto alle 18:15. “Hanno verificato lo stato del veicolo e continuano a monitorare” il flusso di perdite, ha aggiunto.

È prevista anche una conferenza stampa dopo l’attracco della nave alla Stazione Spaziale Internazionale. Boeing deve dimostrare durante questo volo di prova che lo Starliner è sicuro per iniziare le operazioni regolari. L’astronave vuota ha già raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale una volta nel 2022, ma questa è la prima volta che trasporta astronauti. Butch Wilmore, 61 anni, e Sonny Williams, 58 anni, sono stati entrambi sulla Stazione Spaziale Internazionale due volte in passato e si sono addestrati per diversi anni per questa missione.

READ  YouTube prepara la "soluzione definitiva" contro gli ad blocker (più o meno)

Il programma di sviluppo dello Starliner è stato rovinato da molteplici delusioni che hanno portato ad anni di ritardi. Boeing ha così sconfitto SpaceX, che già dal 2020 trasporta gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Ma la NASA vuole avere un secondo mezzo di trasporto per poter affrontare meglio eventuali problemi in una delle capsule o situazioni di emergenza.