Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il gruppo di lavoro vaccinazione non esclude la circolazione della terza dose nel 2022

La task force sta studiando attentamente i dati per vedere se è necessaria una dose di richiamo per l’intera popolazione.

Tempo di lettura: 3 minuti

IlIl fatto che la SHC non veda attualmente alcun vantaggio nel somministrare una dose di richiamo alla popolazione nel suo insieme non significa che questa idea sia completamente esclusa da tutto ciò. “Ma stiamo tenendo conto del fatto che questo potrebbe essere all’ordine del giorno durante la prima metà del 2022”, spiega Dirk Ramakers, capo della task force per l’immunizzazione.

Secondo la CSS, attualmente non ci sono prove scientifiche che giustifichino la promozione generalizzata del vaccino per tutte le persone di età inferiore ai 65 anni. Ma questo non significa che sarebbe una cattiva idea, secondo la task force.

I dati sono stati attentamente studiati

“Durante la campagna di vaccinazione, abbiamo sempre lavorato con molti scettici”, continua Dirk Rammakers. “Dobbiamo continuare a comunicare in modo chiaro su questo argomento: la scienza può fornire risposte, ma non contiene una sfera di cristallo”.

Secondo questo ragionamento, la mancanza di conoscenze scientifiche sull’utilità della vaccinazione di richiamo generalizzata in futuro può essere risolta. Viene quindi analizzata l’evoluzione dei ricoveri ospedalieri e soprattutto il profilo vaccinale inserito. “Sciensano è totalmente dedicato a questo in questo momento”, afferma Dirk Rammakers.

“Le persone che sono state vaccinate sono attualmente molto anziane e hanno malattie di base. Anche questi sembrano essere fattori di rischio. Ma possiamo vedere nei prossimi mesi che anche le persone sotto i 65 anni che sono state successivamente vaccinate vengono ricoverate in ospedale. No Lo sappiamo, noi’ stiamo camminando nelle sabbie mobili da un punto di vista scientifico.”



Installazione veloce

Inoltre, è allo studio anche il tipo di vaccino somministrato durante la prima campagna. “Dobbiamo prima esaminare i paesi che stanno lavorando con determinati vaccini per un periodo più lungo, come il Regno Unito con AstraZeneca”, spiega Dirk Ramaekers. Ma dovremmo anche ottenere rapidamente dati sui diversi vaccini in base ai ricoveri ospedalieri. Sta a noi al momento che non ci siano differenze evidenti. Le persone che hanno ricevuto il vaccino da Pfizer o Moderna (considerato il più efficace, ndr) sono talvolta ricoverate in ospedale. “

Se si decide di somministrare una terza dose, le cose potrebbero essere rapidamente messe a posto, secondo Dirk Ramaekers. “Durante la prima fase, la consegna dei vaccini è stato il fattore più importante”, spiega. “I centri di vaccinazione stanno funzionando bene e la dose di richiamo può essere ben pianificata. Possiamo già vederlo nelle persone con più di 65 anni”.

READ  Thomas Pesquet descrive i danni climatici sulla Terra al presidente francese