Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il buco nero più vicino alla Terra dista solo 150 anni luce!

Il buco nero più vicino alla Terra dista solo 150 anni luce!

Nel 1964, un rilevatore Raggi XRaggi Xin questo caso sotto forma di contatore Geiger, vola verso UniversoUniverso A bordo di un razzo sonda lanciato dalla White Sands Missile Range nel New Mexico. Eravamo ancora lì in quel momentoalbaalba Lo sviluppo dell’astronomia a raggi X iniziò circa 70 anni fa quando A razzorazzo V2 trasportava un rilevatore di monitoraggio delle radiazioni SullySully In questa fascia di Lunghezze d’ondaLunghezze d’onda.

I raggi X vengono facilmente bloccatiAtmosferaAtmosfera (Ma non attraverso il mezzo interstellare, i raggi X con lunghezza d’onda inferiore a uno nmnm (Siamo riusciti ad attraversare tutta la Via Lattea), sapevamo di non poter osservare questa radiazione che teoricamente era stata prevista determinando l’altissima temperatura del plasma galattico. Corona solareCorona solare (106 k) Senza lasciare l’aria.

Questa volta, tra le sorgenti di raggi X scoperte dal razzo sonda, troviamo Cygnus X1. IL AstrofisiciAstrofisici La sua causa è focalizzata dal 1970 con il lancio di Uhuru (“Libertà” in swahili), così chiamato per ringraziare il Kenya, che ha ospitato nelle sue acque continentali la piattaforma da cui è stato lanciato il satellite il 12 dicembre, anniversario dell’indipendenza del Kenya .

I buchi neri sono tra gli oggetti più misteriosi dell’universo. Ma per fortuna sono tra i più attraenti, ed è grazie alla loro forza sproporzionata che possiamo individuarli. I buchi neri giganti sono i demoni più mostruosi dello zoo cosmico, ma non sono armi di distruzione di massa. I getti di materia che producono potrebbero aver contribuito ad illuminare le prime stelle e a formare le prime galassie. Hubert Reeves e Jean-Pierre Lumenier, specialisti in cosmologia contemporanea, rispondono a tutte le vostre domande. Per saperne di più, visita Dal Big Bang alla vita. © Gruppo ECP, YouTube

READ  Sei una persona sana di mente? Solo questo tipo di persona troverà un girasole in meno di 5 secondi! test di personalità

Dai raggi X del buco nero ai movimenti di Gaia

Alcuni anni dopo, sulla base di queste osservazioni, i ricercatori proposero che Cygnus X1 fosse in realtà un sistema doppio contenente una stella che alimenta la galassia. Disco di accumuloDisco di accumulo Dal buco nero quello collettivocollettivo La sua massa è stimata tra 7 e 13 masse solari, o addirittura circa 20. È quindi il primo serio candidato al titolo di buco nero stellare, molti dei quali si troveranno nella Via Lattea nei prossimi decenni.

Cygnus X1 dovrebbe trovarsi a circa 6.000 anni luce di distanza Sistema solareSistema solare E alla ricerca dei buchi neri stellari che le formanoCrollaCrolla Per una stella alla fine della sua vita che è esplosa SupernovaSupernova Tipo D SNSN II, ovviamente lanciato.

Forse l’ultima scoperta riguarda un buco nero stellare la cui esistenza è stata suggerita dalle osservazioni astronomiche effettuate dal satellite Gaia dell’Agenzia spaziale europea, senza l’uso di raggi X.

Sarà a soli 150 anni luce dal Sole nel famoso e nel giovane Le Iadi sono un ammasso stellare aperto.

Se così fosse, sarebbe molto più vicino dell’ultimo detentore del record, anch’esso scoperto da Gaia e chiamato naturalmente Gaia BH1 (chiamato buco nero Buco nero, In inglese). Recenti osservazioni hanno confermato che conterrà circa 10 masse solari e che si troverà a circa 1.600 anni luce dalla Terra nella direzione del sole. costellazionecostellazione Ofiuco, come ha spiegato Futura in due precedenti articoli in cui si menzionava Gaia BH2, si trova a circa 3.800 anni luce da noi, in direzione di Centauri.

READ  en quoi consiste nel programma qui met en commun la santé humaine, animale, et les ecosystèmes ?

Infatti, come descritto in un articolo pubblicato su Avvisi mensili della Royal Astronomical Society Di cui esiste una versione ad accesso aperto arXiv, Non si tratterà di un solo buco nero, ma di diversi buchi neri stellari la cui esistenza potrà essere rivelata attraverso lo studio astronomico dei moti dell’universo. stellestelle Subordinare IadiIadi.


Il satellite europeo Gaia, che scansiona miliardi di stelle della Via Lattea per determinarne con precisione distanze e movimenti, ci porta alla scoperta di uno sciame di stelle piccolissime vicine al nostro sistema solare: le Iadi. Disegnando la testa della costellazione del Toro, possiamo vedere qui in 3D come è stato costruito questo ammasso stellare e cosa diventerà in futuro. © Agenzia spaziale europea, Futura

2 o 3 buchi neri stellari a 150 anni luce di distanza?

Un gruppo di scienziati guidati da Stefano Tornamenti, dell’Università di Padova (Italia), con la partecipazione di Mark Gillis, astrofisico dell’Istituto di Scienze Cosmologiche dell’Università di Barcellona (ICCUB) e dell’Istituto di Studi Spaziali della Catalogna ( IEEC) e Friedrich Anders (ICCUB-IEEC) avevano iniziato innanzitutto a condurre simulazioni scientifiche dei movimenti di queste stelle, tenendo conto di tutto ciò che era visibile.

Ma i movimenti non corrispondevano alle osservazioni fatte con Gaia… se non per immaginare la presenza nascosta, perché non emette raggi X come Cygnus. Furono espulsi molto recentemente (meno di 150 milioni di anni fa, ovvero all’incirca l’ultimo quarto del vita dell’ammasso), anche se hanno lasciato notevoli tracce indirette della loro presenza nei movimenti delle stelle dell’ammasso. Blocco.

« Le nostre simulazioni possono corrispondere simultaneamente alla massa e al volume delle Iadi solo se esistessero buchi neri al centro dell’ammasso oggi (o fino a poco tempo fa). “, spiega Stefano Torniamenti in dichiarazione da’Università di Barcellona.

Il suo collega Mark Gillies aggiunge: “ Questa osservazione ci aiuta a comprendere come la presenza dei buchi neri influenzi l’evoluzione degli ammassi stellari e come gli ammassi stellari, a loro volta, contribuiscano all’evoluzione degli ammassi stellari.Onde gravitazionaliOnde gravitazionali. Questi risultati ci danno anche un’idea di come questi oggetti misteriosi sono distribuiti nella galassia. »

READ  Il primo caso locale è stato rilevato nell'Hérault