Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli uiguri cinesi: “Basta memorizzare il Corano sul telefono può portare a interrogatori della polizia”, ​​rivela Human Rights Watch

Gli uiguri cinesi: “Basta memorizzare il Corano sul telefono può portare a interrogatori della polizia”, ​​rivela Human Rights Watch

Pertanto, in questo elenco, troviamo prima tutti i file immagine, video o audio che “Descrizione di decapitazioni o forme di tortura che sembrano essere eseguite da gruppi armati come messicani e altri cartelli della droga, combattenti ceceni o Stato islamicoLeggi il rapporto di Human Rights Watch.

Ma, secondo la Ong, ci sono anche tutti i contenuti che “legati a organizzazioni straniere tra cui il Movimento per l’indipendenza del Turkestan orientale, che il governo cinese descrive come un gruppo separatista; il World Uyghur Congress, gestito da esuli uiguri, e un programma in lingua uigura di Radio Free Asia, un media finanziato dal governo degli Stati Uniti; che mostrano elementi audiovisivi pro-democrazia, come “The Gate to Heavenly Peace”, un documentario sul massacro di piazza Tiananmen durante le proteste studentesche del 1989, perpetrato dal governo cinese; O che cita i nomi delle città in Siria, compresi i documentari del 2015 sulla storia del paese e due episodi del popolare show di viaggio in lingua cinese, “On the Road” (侣行), che contiene riferimenti al conflitto siriano“.

Infine, e in quest’ultimo tipo di contenuto le ONG lanciano particolarmente l’allarme, questo elenco identifica anche tutti i file che “Presenta contenuti religiosi islamici sindacati, comprese letture del Corano e canti nuziali.

Quest’ultima categoria di contenuti corrisponderà di più La metà di quella lista, il 57%, secondo Human Rights Watch.

READ  Alluvione in Belgio, il secondo disastro più costoso del 2021