Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli editori di videogiochi abbandonano il formato fisico, sconvolgendo i distributori tradizionali – rts.ch

Gli editori di videogiochi abbandonano il formato fisico, sconvolgendo i distributori tradizionali – rts.ch

Sempre più editori di videogiochi stanno abbandonando il formato fisico. Alcune delle uscite più importanti di quest’anno sono disponibili solo come download. Dal mercato delle pulci ai venditori ambulanti, un intero settore dell’economia è interessato da questo sviluppo.

I più grandi titoli di videogiochi dell’anno, come Alan Wake, non sono stati rilasciati in forma fisica, ma solo come download. La dematerializzazione è sempre più preoccupante.

“È un reddito che scompare dal nostro bilancio alla fine dell’anno. Ci sono clienti che vengono da noi chiedendo giochi che non sono stati rilasciati in forma fisica e sono disponibili solo per il download. Ma questi clienti li vogliono.” fisica, giustamente perché vogliono possedere ciò che acquistano”, spiega Filippo Franzone, Direttore Log on Games Store, alle 12:45.

Il mercato delle pulci è in pericolo

Questo sviluppo minaccia anche l’intero mercato dei beni usati. “Oggi l’utente rappresenta un quarto del nostro fatturato”, spiega Filippo Franzone.

La scomparsa dei formati fisici non è priva di conseguenze per il prestito delle biblioteche. “Di anno in anno diminuiranno le offerte fisiche e ciò avrà già un grave impatto sull’offerta delle biblioteche”, afferma Jan Buchs, direttore della Biblioteca municipale di Vevey.

“Una parte del pubblico è molto delusa dal fatto che queste grandi uscite non siano disponibili. Spendere 70-80 franchi per un gioco è ancora un budget e l’obiettivo della biblioteca è presentare il videogioco a tutti i conservatori.”

Un problema per i musei

La scomparsa delle uscite fisiche complica ulteriormente le possibilità di conservazione dei musei. “Per noi questo è chiaramente un problema, perché siamo abituati a conservare oggetti fisici”, afferma Salim Krishan, direttore del Museo svizzero del giocattolo.

READ  Il Fronte di Liberazione Nazionale, demografia, salute e strade: notizie di mercoledì 21 settembre 2022

“E lì ci troviamo in una situazione in cui queste cose non esistono più. Sono distribuite in milioni di copie, ma in modo completamente dematerializzato. Arrivano direttamente sulle console degli utenti. Quindi in termini di conservazione questo pone delle difficoltà. “

Didier Bonvin/Ash