Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

È auspicabile un ritorno all’open source!

È auspicabile un ritorno all’open source!
Illustrazione di DALL-E3 + Photoshop IA.

I massicci investimenti di Microsoft nell'intelligenza artificiale generativa (AI), in particolare attraverso la sua partnership con OpenAI (ChatGPT) o il suo coinvolgimento nella startup francese Mistral, sollevano interrogativi sul futuro dell'open source nel settore dell'intelligenza artificiale. Elon Musk in persona è intervenuto! In Svizzera, nota Infomaniak.

Il miliardario, una figura tecnologica di spicco e controversa, ha intentato una causa contro OpenAI e i suoi fondatori, temendo che servano gli interessi degli azionisti di Microsoft più di quanto facciano veramente avanzare l'umanità. Questa situazione evidenzia la crescente tensione tra i principi dell’open source, che richiedono libertà e accessibilità del codice, e le strategie commerciali dei giganti della tecnologia.

Conversione open source

L’open source, che a volte ha guidato l’innovazione e la collaborazione nello sviluppo del software, sembra essere stato dirottato. L’investimento multimiliardario di Microsoft in OpenAI dimostra la tendenza verso la privatizzazione dei progressi nell’intelligenza artificiale, allontanando potenzialmente queste tecnologie dai principi di condivisione e accessibilità che caratterizzano l’open source.

L’obiettivo iniziale di OpenAI, come suggerisce il nome, era quello di sviluppare un’intelligenza artificiale che fosse aperta e vantaggiosa per tutti. Tuttavia, i recenti investimenti di Microsoft sembrano indirizzare l'azienda verso obiettivi di core business, lontano da questa visione altruistica.

Un piccolo pianto

Di fronte a queste sfide, secondo vari osservatori, un ritorno ai principi open source nello sviluppo dell’intelligenza artificiale sembra non solo auspicabile ma necessario. Ciò garantirebbe che il progresso nell’intelligenza artificiale vada a beneficio di tutta l’umanità e non di una manciata di attori economici, la cui etica rimane poco chiara.

La recente alleanza tra Mistral e Microsoft ha rappresentato un punto di svolta, mettendo fine all’illusione dell’indipendenza tecnologica europea. Questa cooperazione ha sollevato preoccupazioni sulla capacità dell’Europa di mantenere la sovranità tecnologica di fronte al dominio dei giganti americani dell’intelligenza artificiale.

READ  Google paga ad Apple 18,20 miliardi di dollari all'anno per mantenere il suo motore di ricerca nell'iPhone

Misure in Europa e Svizzera?

Di fronte a queste sfide, il continente ha iniziato a rispondere. La Commissione Europea ha avviato un'indagine sull'investimento di Microsoft in Mistral, evidenziando preoccupazioni circa l'impatto di tali partnership sull'innovazione e sulla concorrenza. La mossa fa parte di un più ampio sforzo dell’UE per regolamentare il settore dell’intelligenza artificiale.

In Svizzera, Infomaniak, che fornisce servizi derivati ​​da Mistral, è rassicurante. “Vigileremo attentamente su questo aspetto e comunque questo non impedisce che il modello attuale continui a funzionare perché è pienamente supportato dalla nostra infrastruttura. Fino a pochi mesi fa Mixtral non esisteva ancora, è un'area cambiando molto”, ci ha detto Thomas Jacobsen, direttore delle Telecomunicazioni.

Gli investimenti di Microsoft in OpenAI e in altre società sollevano domande fondamentali sul futuro dell’open source e sulla direzione dello sviluppo dell’IA. Inoltre, cosa ancora più importante, quando vediamo come Microsoft sta integrando l’intelligenza artificiale nei suoi prodotti, ci diciamo che il risultato al momento è molto triste.

XS con Perplessità.ai