Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bitcoin è davvero magico?

Bitcoin è davvero magico?


Martedì 2 luglio 2024 ▪
8
Lettura dei minuti ▪ Di
Nicola T.

Bitcoin è la valuta che può magicamente aumentare il potere d’acquisto globale? Non è così semplice.

Potere d’acquisto = produttività

Il potere d’acquisto dipende dalla nostra produttività. Ciò significa la quantità di cose prodotte per persona. Questa produttività vuole provenire solo dalle macchine, poiché abbiamo solo due braccia e due gambe. Macchina da cucire, camion, scavatrice, piccone, ecc.

Ma queste macchine hanno bisogno di energia. Oltre il 95% dei trasporti globali funziona con olio combustibile fossile. L’ascia non consuma energia, ma ci vuole una certa energia per realizzarla. È necessario essere in grado di portare il minerale di ferro al punto di fusione (1538°C), che è un processo ad alta intensità energetica.

Tutto questo per dire che non basta che la quantità di moneta in circolazione sia costante perché aumenti magicamente il nostro tenore di vita. La produttività non è un trucco finanziario. È energia!

Il problema è che abbiamo superato il picco del petrolio convenzionale (il petrolio poco costoso estratto dal suolo) nel 2007.

Il secondo problema è che più della metà del PIL globale è “contenuto” nel commercio internazionale. L’economia globale è ora completamente interconnessa. Non è un oggetto quotidiano, che sia una sedia, una macchina da caffè, una maglietta, un accessorio sportivo o una bottiglia di detersivo per i piatti, che sfugge alla globalizzazione. Tutte o alcune di queste questioni richiedono una materia prima o una fase di produzione estranea.

In altre parole, un calo dell’energia sarà accompagnato da un declino della globalizzazione e da un calo significativo del commercio. Ciò porterà all’inflazione, e a molta inflazione. siamo qui. È tempo di sostituire i tuoi risparmi bancari (il cui valore viene divorato dall’inflazione) con un rifugio sicuro.

READ  Energie - Le Luxembourg pioche dans ses réserves de pétrole

È qui che Bitcoin può aiutare. Ma prima parliamo del climax.

Il picco del petrolio? Scusa ?

Quale picco? Alcuni diranno che non abbiamo mai prodotto così tanto petrolio prima. Certo, ma tutto dipende da che tipo di olio stiamo parlando.

I dati sulla produzione globale di petrolio sono distorti dall’inclusione di tipi di petrolio che non vengono utilizzati per produrre il carburante necessario per barche, automobili e camion, senza il quale l’economia crollerebbe.

Jean-Marc Jancovici lo sottolinea sulla sua pagina LinkedIn Il “vero petrolio” è costituito da molecole contenenti almeno cinque atomi di carbonio.

Ma il punto è questo: l’IEA è abituata a considerare i “gas liquidi” a base di petrolio, vale a dire etano, propano e butano, che provengono da giacimenti di gas e che costituiscono la base non del carburante, ma della plastica. Ci sono 13 milioni di barili al giorno, che non sono pochi! Senza contare il carburante agricolo”.Lui dice.

Per il Politecnico, la produzione di petrolio greggio (82 milioni di barili/giorno) continuerà a ristagnare ancora per qualche anno prima di diminuire a partire dal 2030.

Il risultato diretto sarà un calo dei flussi materiali che sostengono l’economia. Poiché la legge della domanda e dell’offerta è quella che è, questo declino si manifesterà nell’inflazione.

È certo che la produzione di petrolio non è ancora diminuita. Tuttavia, la redditività del petrolio convenzionale è di 30 dollari al barile rispetto ai 65 dollari dei nuovi pozzi di “scisto”. E $ 200 in Antartide. Da qui i prezzi più alti alla pompa.

Questo aumento del prezzo della nafta porta ad un’inflazione diffusa poiché tutto ciò che viene prodotto deve essere trasportato, spesso dall’altra parte del mondo…

Produttività = macchinari = energia = petrolio (economico).

Meno energia e/o energia più costosa significano meno potere d’acquisto pro capite.

READ  Bruxelles Airlines: i sindacati presentano un avviso di sciopero

“Non preoccupatevi, concentriamo tutti i nostri sforzi sull’energia nucleare”.

Sfortunatamente, l’energia nucleare rappresenta solo un decimo dell’elettricità mondiale, e appena 4% di energia totale. Pertanto, la fissione atomica non sostituirà i combustibili fossili (82% dell’energia finale nel 2023) entro pochi decenni.

Attualmente nel mondo ci sono 440 reattori nucleari. Per passare dal 4% al 100% di elettricità occorrerebbe costruirne circa 11.000!

Non ci riusciremo perché ci sono solo 61 reattori attualmente in costruzione e dobbiamo farlo Otto anni Per costruirne uno. Di questo passo, il mondo impiegherà 1.400 anni per funzionare con l’energia nucleare.

“Cina, India e Russia stanno guidando l’espansione globale del settore dell’energia nucleare.
– In tutto il mondo si stanno costruendo 61 centrali nucleari e altre 90 circa sono in progettazione.
Il prezzo dell’uranio è aumentato del 233% negli ultimi cinque anni, più di tre volte il prezzo dell’oro o del rame. »

Un altro problema, abbiamo Pressione su rame e litio. Questi elementi base dell’elettricità totale sono fattori limitanti.

E il progetto ITER? La fusione nucleare non promette energia infinita e priva di carbonio? Dovremo prima capire come generare plasma a diversi milioni di gradi senza interruzioni, rispetto ai soli sei minuti attuali… ed essere in grado di “recuperare” quell’energia sotto forma di elettricità.

Inoltre, rimane la questione delle scadenze, così come le limitazioni del tango rame/litio. Per il GM Jankovici una possibile serie di reattori a fusione non arriverebbe prima del 2100…

READ  TotalEnergies : l'avis d'Oddo aprs la decisione in Russia

Bitcoin

I limiti fisici del nostro pianeta incruento si imporranno sui nostri portafogli, non importa come voteremo… e questo è già il caso. Incolpare i politici o le banche centrali non cambierà la realtà geologica.

Economisti austriaci che ripetono tutto il giorno: “Abbondanza attraverso la scarsità” per smentire. Non è sufficiente congelare l’offerta di moneta per far circolare il petrolio. Non c’è litio, né gas, né centrali nucleari nella blockchain…

[Ne manquez pas notre article : Les économistes autrichiens freinent l’adoption du bitcoin.]

L’energia è un fattore limitante nella globalizzazione. Un calo del commercio (che avverrà “prima o poi”) sarà accompagnato da un calo della produttività. In Francia, il picco dei metri quadrati costruiti e delle tonnellate caricate sui camion risale al 2007, anno del picco del prezzo del petrolio a buon mercato…

In breve, l’inflazione peggiorerà e andrà a beneficio dei ricchi che possiedono beni desiderabili. Si tratta di beni di prestigio, dipinti di grandi artisti, oggetti da collezione, ecc. Ci sono molte cose che non sono alla portata di piccoli budget e che, al contrario, subiscono l’influenza di Cantillon.

L’unico bene il cui prezzo aumenta più velocemente dell’inflazione pur essendo disponibile per la persona media è il mercato azionario. Ma chi può vantarsi di saper scommettere sul cavallo giusto?

Questo è il motivo per cui Bitcoin è perfetto per le masse. Questo è ciò che lo rende magico. Non è difficile capire che Bitcoin è l’unica cosa al mondo che esiste in quantità completamente limitata ed è accessibile a tutti.

Il Bitcoin è divisibile in 100 milioni di satoshi, non nella Monna Lisa. Chiunque può acquistare Bitcoin per un valore di 10, 100 o 1000 euro. Bitcoin è la Gioconda dei poveri.

Se ti è piaciuto questo articolo, apprezzerai sicuramente questo articolo: Bitcoin e inflazione infinita.

Ottieni il massimo dalla tua esperienza su Cointribune con il nostro programma Leggi per guadagnare! Per ogni articolo che leggi, guadagna punti e ricevi premi esclusivi. Registrati ora e inizia a ottenere i vantaggi.

Clicca qui per iscriverti al programma Read to Earn e trasforma la tua passione per le criptovalute in premi!

Avatar per Nicholas TAvatar per Nicholas T

Nicola T.

Bitcoin riporta: “La dea della saggezza, nutrendosi del fuoco della verità, cresce esponenzialmente per diventare più intelligente, più veloce e più potente dietro un muro di energia crittografica”.