Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una salute sotto il fuoco

Una salute sotto il fuoco

“Dobbiamo considerare il potenziale impatto del fumo sulla salute dei polmoni umani, ma anche sulla salute degli animali”, osserva il titolare della cattedra di ricerca canadese in epidemiologia e una salute Dall’Università di Montreal, Helen Karabin.

Questi incendi dimostrano chiaramente che la salute umana e animale e la conservazione dell’ambiente sono strettamente collegate. “Per non parlare del fatto che la morte di flora e fauna per incendio minaccia gravemente la stabilità a lungo termine degli ecosistemi, con conseguenze difficili da prevedere per la salute di tutti”, ricorda.

Questa dimostrazione si svolgerà nell’arco di diversi anni, anche se è già possibile osservare “effetti su molte specie vegetali e animali”, aggiunge Caroline Kelsdonk, consulente di ricerca del Gruppo di ricerca in epidemiologia e salute pubblica delle zoonosi (GREZOSP).

Nell’inferno climatico

Con la fine degli incendi, verranno rilevati cambiamenti dentro e intorno alle aree bruciate – batteri, funghi, insetti, uccelli e animali selvatici – che avranno un “effetto domino nelle catene alimentari e quindi nella sopravvivenza di altre specie”, osserva. Ci possono essere impatti dovuti agli inquinanti trasportati dal vento”.

L’approccio One Health/One Health può aiutarci a superare questa crisi – e, più in generale, la crisi climatica – mettendo al primo posto la prevenzione. Caroline Kilsdonk aggiunge: “Trovo che manchino informazioni sull’innesco degli incendi. Oltre al riscaldamento globale e alla siccità, ci sono sicuramente altre spiegazioni, poiché è necessaria la fonte di accensione. Questa conoscenza aiuterebbe a fare la migliore prevenzione”.

Come sottolinea l’epidemiologa della salute pubblica Helen Karabin, “Dovremo lavorare con biologi ed esperti in silvicoltura e dendrologia per vedere come rigenerare ciò che è stato distrutto in modo più sostenibile. È possibile preservare meglio le nostre foreste per creare vie di fuga per gli animali?”».

READ  1.500 operatori sanitari provenienti da tutto il mondo si sfidano alla 43a edizione di “Médigames” a Saint-Tropez

Infine, superata la crisi, dovremo pensare ad aiutare gli esseri umani a ristabilirsi, così come gli animali. Un aspetto concreto che spesso rimane ai margini dell’interesse mediatico: come forniamo assistenza medica agli animali? Pre Carabin chiede di nuovo.

Aumento del rischio di epidemie

Vi è anche un aumento delle zoonosi – o epidemie di origine animale – associate alla migrazione e alla sopravvivenza di alcuni insetti portatori di parassiti e batteri. I serbatoi per le malattie zoonotiche comprendono anche piccoli mammiferi, roditori (Tanya, scoiattolo, topo dai piedi bianchi, ecc.), uccelli e grandi mammiferi, come i nostri animali domestici.

Fino ai cavalli che sono sotto stretta sorveglianza per il virus del Nilo occidentale. “È importante favorire la prevenzione congiunta di cavalli e umani, soprattutto perché spesso c’è una scarsa applicazione di misure preventive” come il drenaggio degli stagni dove vanno a bere e dove prosperano le zanzare, ha spiegato il dottorando Antoine Levasseur dell’Università della California. Un simposio al recente convegno Acfas dedicato all’approccio “One Health”.

La malattia di Lyme viene trasmessa a nord dalle zecche. “C’è uno strato di comportamento umano che non dovrebbe essere trascurato in questo focolaio”, osserva Catherine Bouchard, epidemiologa veterinaria dell’Agenzia per la sanità pubblica. “È importante autovalutarsi, quando torni a casa (riferisce che solo il 30-40% delle persone lo fa), usa repellenti per insetti e persino fai interventi ambientali, come Per esempio Taglia l’erba alta e crea ampi sentieri nella foresta.

Meno nota è l’anaplasmosi, una malattia con sintomi simili a quelli dell’influenza, trasmessa anche dalle zecche nere. L’anno scorso a Estre sono stati segnalati 35 casi. “Devi vedere le zecche che trasportano batteri come una siringa sporca. A causa del cambiamento climatico, la loro attività sta aumentando, così come i loro cicli riproduttivi”, spiega il veterinario e studente del master Raphael Odette Legault.

READ  Devo cambiare corsia in caso di ingorghi? Alcuni consigli per prendere una decisione

Fa tutto parte dell’approccio One Health: vedere la salute delle persone, degli animali e degli ecosistemi nel loro insieme. Una visione che mira anche all’integrazione e all’unificazione nella ricerca di soluzioni sostenibili.

“Questa è la visione di Pachamama, da cui derivano concetti sociali e culturali come vivere in armonia con ‘Madre Natura’ o vedere la Terra come un unico ecosistema per la salute umana e animale”, Anna Decono, studentessa dello stesso seminario presso il Dipartimento di Nutrizione dell’Università di Montreal, ha osservato.

È venuta a presentare il suo lavoro di ricerca in agroecologia, condotto in Ecuador con le popolazioni indigene. “La diversità agricola avvantaggia l’ambiente, gli animali e le persone. Migliora la salute dell’ecosistema e la diversità alimentare”.

One Health: le origini del concetto

Se siamo d’accordo nel dire che la salute umana, la salute degli animali e gli ecosistemi sono interconnessi, non è sempre stato chiaro, come afferma Helen Karabin, che studia questa questione da quasi 30 anni. “Non ne parlavamo quando i primi esperti si interessarono di malattie zoonotiche e quando studiavo i parassiti nelle sabbiere dove giocavano i bambini”.

Tuttavia, “c’erano davvero collegamenti tra la salute dell’ambiente, gli animali che si sono ammalati e gli esseri umani che hanno contratto quelle malattie”. Questa interdipendenza ha spinto il ricercatore a recarsi in Burkina Faso e altrove per stabilire collegamenti tra le scienze naturali, le scienze sociali, le persone e l’ambiente. La classificazione “One Health” / “One Health” doveva apparire nel 2004 e ha ricevuto molte definizioni. Tuttavia, a causa della pandemia, questo approccio è diventato ufficiale, con l’istituzione del 2021 Team di esperti di alto livello Sull’approccio One Health, delle Nazioni Unite, dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura e dell’Organizzazione mondiale della sanità.

READ  Questo video dell'ingresso in un buco nero non è consigliato ai deboli di cuore

“Questo è quello che chiamavamo ‘salute ambientale’. L’importante è dare priorità alla salute degli esseri viventi senza pensare che la salute umana è in cima alla piramide, ed è questo che conta. Altrimenti cadremo dall’alto”, osserva l’esperto.

insieme al lavoro

L’aria miserabile degli incendi, come la diffusione dei gas serra, non conosce limiti. Pertanto, è anche importante diffondere la cooperazione internazionale con One Health / One Health.

Le organizzazioni internazionali (OMS, Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura, Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente) hanno recentemente pubblicato a piano di lavoro abbonato. Questa alleanza tripartita ruota attorno a vari temi, come la riduzione dei rischi associati alle epidemie di origine animale, il miglioramento della sicurezza alimentare e la lotta alla resistenza agli antibiotici.

One Health è già all’ordine del giorno di forum come il G7, il G20, il vertice mondiale sulla salute e il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite. “Gli sforzi sono già in corso, ma la sfida più grande rimane l’economia. A lungo termine, si tratta di abbassare il nostro tenore di vita per rallentare il cambiamento climatico”, continua a sancire Helen Karabin.

L’approccio di One Health, che dovrebbe essere più diffuso, ci rende consapevoli dell’equilibrio degli ecosistemi e dell’interconnessione tra ambiente, flora, fauna e uomo, che è l’unico modo per adottare misure preventive adeguate, secondo i ricercatori.