Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una panoramica dell’occupazione costiera in Brasile 2000 anni fa

Una panoramica dell’occupazione costiera in Brasile 2000 anni fa

La costa del Brasile è costellata di resti archeologici chiamati sambaki, cumuli di conchiglie accumulati nel corso di migliaia di anni dagli abitanti preistorici. Queste strutture, che riflettono stili di vita e interazioni complesse, sono essenziali per comprendere l’evoluzione culturale ed ecologica degli abitanti della regione.

Un recente studio condotto da un team di ricercatori dell’Università di San Paolo e dell’Università Federale di Santa Catarina e pubblicato sulla rivista Un vantaggio, esplora la posizione di Galheta IV. Situato nello stato di Santa Catarina, questo sito fornisce informazioni sulla tarda occupazione della costa brasiliana, rivelando pratiche di sepoltura distinte e un ampio sfruttamento delle risorse marine.

Viene rivisitato il sito archeologico di Galheta IV

Galheta 4 fu identificata e studiata per la prima volta negli anni 2000, quando fu scoperta su una scogliera rocciosa affacciata sull’Oceano Atlantico. Questo sito fa parte di una serie di creste di conchiglie conosciute come Sampaquis. Di solito caratterizzano le occupazioni preistoriche nella regione. Galheta IV è nota per le sue numerose sepolture umane e resti di animali. Fornisce una rara finestra sulle pratiche funerarie e sulle interazioni culturali delle comunità che occupavano questa regione circa 2000 anni fa.

Gli scavi Galheta 4 sono stati effettuati in più fasi, per una superficie totale di 42 mq. Gli archeologi hanno concentrato i loro sforzi su tre aree distinte, documentando attentamente le diverse prospettive di occupazione. In totale sono state scoperte nove sepolture umane, otto delle quali sono state scavate. L’età degli individui al momento della morte variava dai 14 ai 25 anni. L’analisi del DNA eseguita sui resti ha confermato il sesso femminile di due individui.

READ  Strane luci nelle antiche foto spaziali interessano gli scienziati

I ricercatori hanno applicato un approccio multi-agente che integra diverse tecniche analitiche. La datazione al radiocarbonio stabilisce una cronologia dei livelli di sepoltura e delle occupazioni. Le analisi zooarcheologiche permettono di identificare le tipologie di animali presenti e di comprenderne l’utilizzo da parte delle popolazioni. Le analisi isotopiche, inclusi i rapporti 87Sr/86Sr, aiutano a determinare le possibili origini geografiche degli individui sepolti. Ciò indica se sono locali o immigrati.

Inoltre, la spettroscopia FTIR ha reso possibile esaminare le ossa umane e animali per rilevare gli effetti post mortem del trattamento. Le analisi della ceramica hanno contribuito a determinare metodi e tecniche di produzione.

Sfruttamento costiero intensivo a Galheta 4

I risultati degli scavi a Galheta 4 mostrano un ampio sfruttamento delle risorse marine. Gli archeologi hanno scoperto un’area appositamente adibita alla preparazione degli animali, distinta e lontana dalle aree di sepoltura. Questa zona di lavorazione, ricca di resti faunistici, indica pratiche elaborate per la lavorazione e il consumo dei prodotti marini.

Gli archeologi hanno scoperto vari strumenti in osso, probabilmente utilizzati per la pesca e la preparazione del cibo. Sono state trovate anche specie animali specifiche come compagni funebri. Ciò indica un certo simbolismo associato alle tombe. Infatti, a differenza degli altri siti, questo contiene anche ossa di uccelli marini come albatros e pinguini, nonché ossa di mammiferi come le foche.

Ossa e denti utilizzati per l’identificazione tassonomica. Strumenti e gioielli realizzati con resti di animali. ©JM Cardoso et al., 2024

Questi animali non facevano parte della loro dieta quotidiana, ma venivano consumati stagionalmente durante la migrazione o potevano essere tenuti sul posto. Probabilmente facevano parte dei loro rituali funerari poiché nessuno viveva lì. Il sito era un cimitero », Lui spiega Jessica Mendez Cardoso, prima autrice dello studio. Ad esempio, c’erano 12 albatros nell’unità funeraria.

READ  Voici « Horridus », le squelette de Tricératops le plus complet au monde !

Rapporti con le tradizioni Itarari-Takara

L’analisi delle ceramiche rinvenute nel sito Galheta IV ha rivelato un chiaro collegamento con la tradizione Itarari-Takara. Questa tradizione ceramica è caratterizzata da vasi piccoli e dalle pareti sottili, spesso decorati con motivi incisi, impronte digitali o sigilli. In contrasto con studi precedenti che indicavano un’origine prevalentemente montuosa per questa ceramica, i frammenti trovati a Galheta 4 sembrano indicare una più stretta associazione con altri siti costieri della regione. Questa scoperta indica che gli artigiani locali furono influenzati dalle tradizioni culturali e tecniche di diverse regioni costiere, piuttosto che da un singolo centro dell’altopiano.

Pezzi di ceramica erano sparsi in tutto il sito. Ciò indica un’interazione continua e sostenuta tra il popolo Sambaki e i primitivi gruppi Ji nel sud. I sambaqui sono tipici dei residenti delle zone costiere. Al contrario, i gruppi Proto-Ji, associati alla tradizione Itarari-Takara, sono noti per le loro pratiche agricole, la costruzione di strutture in terra e le ceramiche sofisticate.

L’interazione tra questi due gruppi può essere vista attraverso la presenza simultanea di tecniche e metodi diversi nello stesso contesto archeologico. Questa convivenza e scambio culturale si riferisce ai contatti e alle relazioni commerciali. E forse l’integrazione sociale tra questi gruppi.

Ceramica di Galheta IV. © JM Cardoso et al., 2024

Specialmente da quando ” Non sappiamo perché la costruzione di Sambaki si fermò. Le possibili spiegazioni includono il contatto con altre culture e fattori ambientali “, conferma Jessica Méndez Cardoso. Pertanto, lo studio di Galheta 4 arricchisce la comprensione delle dinamiche culturali e sociali che hanno plasmato le società preistoriche nel sud del Brasile.

Diverse pratiche funerarie, riflesso di una società in cambiamento in Galheta IV?

Le pratiche funerarie osservate a Galheta 4 rivelano l’uso del fuoco come elemento primario nei rituali funerari. Tuttavia, non ci sono prove che il corpo sia stato completamente cremato. Le analisi di spettroscopia infrarossa hanno rivelato effetti di riscaldamento su alcune ossa umane. Potrebbe riferirsi a un rituale che coinvolge il fuoco.

Datazione al radiocarbonio calibrata delle sepolture umane di Galheta IV. ©JM Cardoso et al., 2024

Allo stesso tempo, gli scavi hanno dimostrato che i resti di pesci e altri animali marini erano concentrati principalmente in aree specifiche. Si consideravano dediti alla trasformazione delle risorse marine e soprattutto distinti dalle aree funerarie. Ciò indica che le pratiche di sepoltura includevano aspetti simbolici e rituali legati all’uso del fuoco. Ma pur mantenendo attività economiche distinte. Questa organizzazione spaziale e il diverso utilizzo delle aree indicano la continuità delle usanze funerarie. Ma tutti riflettono le differenze nei rituali e nelle pratiche economiche delle popolazioni costiere nel corso del tempo.

READ  Alimentazione: tè vs caffè... come scegliere?

Pertanto, lo studio mostra che i costruttori Sambaki di Galheta IV coesistevano con gli antenati Ji a sud. Non sono scomparsi a proprio vantaggio, come si pensava in precedenza.

Fonte: J.M. Cardoso et al., “Occupazione tardiva di conchiglie nel sud del Brasile: uno studio multi-proxy del sito archeologico di Galheta IV“, PLOS UNO, 2024