Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tour de France 2024 | Dibattiti rotondi: dovremmo preoccuparci per Jonas Vengegard?

Tour de France 2024 |  Dibattiti rotondi: dovremmo preoccuparci per Jonas Vengegard?

Dovremmo preoccuparci per Vengeguard?

NO. Dopo aver resistito domenica al volante di Pogacar sulle piste di San Luca, Galibier ha presentato una sfida di tutt’altra portata per un corridore che gareggiava nel suo quarto giorno di gare dopo la terribile caduta del 4 aprile. Nonostante abbia dovuto liberare Pogacar negli ultimi metri della salita, il danese non è crollato. Era solo 7 pollici dietro la vetta, e in discesa il divario si è sostanzialmente ampliato, raggiungendo i 37 pollici sulla linea e i 50 pollici complessivi con i bonus.

Chiaramente, questo ritardo non è una questione da poco. Ma sono sicuro che la persona in questione, come i vertici del Visma| Noleggiando una bicicletta, firmerei con entrambe le mani per questa valutazione. Ricorda, prima della partenza c’era completa incertezza al riguardo. Fisicamente, rassicurati. Resta da vedere come reagirà il suo corpo nell’arco delle tre settimane, se la mancanza di terreno causata dalla tronca preparazione un giorno ripagherà o, al contrario, gli darà quella freschezza in più che potrebbe fare la differenza rispetto a Pogacar che già ha il Giro nelle gambe.

Tiro al Galibier: attacco folgorante di Pogacar a 20 km dal traguardo

La preoccupazione sollevata dalla prestazione di Vengegard sulla Strada per Valoire merita di essere messa in prospettiva. Come lo ricorda Julian, il corridore 27enne ha fatto molta strada e, data la primavera interrotta dalla sua grave caduta al Giro dei Paesi Baschi, c’è chiaramente motivo di temere il peggio per lui. Non ha mollato il pedale fin dalla prima accelerazione ai suoi compagni di squadra Tadej Pogacar, e non ha concesso diversi minuti di ritardo alla fine. In questo senso non c’è bisogno di farsi prendere dal panico.

D’altronde, nelle circostanze attuali, “Fingo” avrà davvero bisogno di una squadra in forma per sperare di solleticare chi indossa la maglia gialla. Questo è forse l’aspetto che desta preoccupazione, visto che il Visma non era al livello richiesto questo martedì. Wout Van Aert era in cattiva forma, Wilco Kelderman era debole a causa di una caduta, Matteo Jorgenson era rimasto indietro nel Galibier… e molto presto, il danese si è ritrovato solo. Speriamo che ottenga un supporto migliore durante i prossimi incontri in aumento.

READ  Formula 1 | Wolff : Mercedes F1 est 'dans une meilleure situation' après Melbourne

Gli Emirati e gli Emirati schiacceranno la corsa?

Supponiamo innanzitutto che abbia chiaramente l’abilità. Il suo prevedibile dominio è stato evidente sulle pendici del Galibier, dove, fino all’ultimo chilometro della salita, il numero delle staffette per Juan Ayuso e Joao Almeida in testa al gruppo di testa si è ridotto a otto unità. Ora che Tadej Pogacar ha preso il potere e il dominio sui suoi rivali, la squadra degli Emirati Arabi Uniti può aggiudicarsi il turno in un doppio turno per garantire la vittoria al suo capitano.

immagine

“È chiaro che la strategia degli Emirati Arabi Uniti era quella di sconfiggere Vengegard a Galibier”.

Sembrava che in futuro lo spazio di manovra per Vinggard, Evenball e gli altri sarebbe stato particolarmente ridotto. Gli Emirati Arabi Uniti sono come un impenetrabile muro biancorosso a protezione del leader assoluto, imbattibile e invincibile fin da inizio stagione. Resta il fatto che siamo solo alla quarta giornata e difendere la maglia gialla non sembra proprio ossessionarlo. Ora che aveva ampliato il divario, avrebbe potuto facilmente lasciarla in una situazione difficile, come lunedì, per la felicità di Carapaz, prima di riprenderla quando lo avesse ritenuto opportuno. Un modo per gestire le sensibilità fornendo allo stesso tempo alleati.

Molto probabile, in effetti. Mauro Giannetti ha costruito una flotta impressionante, che ha dettato le sue regole dall’inizio alla fine di questa prima prova in montagna. La squadra degli Emirati ha potuto fare a meno anche dei servizi di Adam Yates, ovviamente non in un grande giorno, quando di solito gioca un ruolo cruciale con il suo capitano quando la pendenza sale. Ciò la dice lunga sulla straordinaria potenza dei compagni di squadra di Pogacar.

READ  Manchester City neutralizzato da Crystal Palace / Premier League / J29 / Crystal Palace-Manchester City (0-0) / SOFOOT.com

In linea con il cielo della grande era, gli Emirati Arabi Uniti sono sulla buona strada per schiacciare la corsa. Inoltre, le altre squadre sulle strade francesi hanno appena dimostrato di saper competere. Accanto a Visma | Noleggiare una bicicletta (vedi risposta alla domanda precedente) Anche la Red Bull-Bora-Hansgrohe martedì è stata molto deludente, nonostante la presenza di alpinisti famosi (Jay Hindley, Alexander Vlasov) intorno a Primoz Roglic.

immagine

Pogacar: “Non volevo partire presto per il vento contrario”

Il tour ha bisogno di francesi che sappiano suonare in generale?

Dopo quattro giorni di gara, resta un solo francese nella top 30, Guillaume Martin (Cofidis), che si trova al 17° posto, a 4’40” dalla maglia gialla e a più di tre minuti dall’ottavo posto. Dopo più di dieci minuti, una sconfitta per alcuni e la scelta di Romain Bardet, l’ultimo azzurro reagisce a Galibier prima di riprendersi completamente e riconquistare la sua libertà di inseguitore sul palco Tre giorni dopo aver visto l’Auvergne indossare la maglia gialla sono quasi privati ​​della semplice speranza di un piazzamento nella top ten, anche se possiamo fidarci che Martin, l’ultimo dei Mohicani, resisterà fino alla fine.

I francesi hanno dimostrato magnificamente lo scorso fine settimana di non aver bisogno del generale (grazie Bardet e Kevin Vauquelin). Ma è straziante che questo piccolo brivido stia già svanendo, che questa serie tv stia per finire, e finiremo per credere che sarà un’eterna delusione, 39 anni dopo l’ultima vittoria di Bernard Hinault, anche se pensiamo di aspettarci quest’anno. Se i tifosi francesi fossero interessati a concentrarsi su queste canzoni vittoriane, come una successione di classici, iscrivetevi per unirvi al pubblico della generazione attiva, così come sono, nel vero tour ADN dalla Francia.

READ  JO Pékin 2022 - Kim Meylemans a finalement pu intégrer le village olympique
immagine

Vince Vaukelin, ma Bardet perde la maglia gialla: in video la fine della seconda tappa

Il ciclismo francese sta attraversando un anno ai livelli più bassi, tra il ritiro di Thibaut Pinot, gli ultimi fuochi di Romain Bardet e la scarsa forma di David Gaudeau, che è già a 57 minuti da Tadej Pogacar. Se nessuno dei Tricolore sulle strade della Grande Boucle quest’estate riuscisse a entrare nella top ten della classifica generale finale, non ci sarebbe affatto da stupirsi. Ciò, peraltro, è già avvenuto più volte nel recente passato, in particolare nel 2020 o nel 2013.

Questa situazione lede l’interesse del grande pubblico alle corse? In una certa misura sì, come ha spiegato Julian. Ma guardiamo le cose da un’altra angolazione: sarebbe meglio per il francese restare bloccato su un doloroso ottavo o nono posto e non vedere mai la minima vittoria di tappa, oppure abbandonare completamente la top ten per giocarsi la vittoria giorno dopo giorno. ? Nel 2010, il primo azzurro nella classifica finale fu John Gadreth (18°). Quell’anno Sylvain Chavanel e i suoi compagni alzarono le braccia sei volte. Dalla memoria dei fan, questo tour rimane un ottimo ricordo.