Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Kevin Burley: “Le grandi condizioni di vita non sono adatte ai migliori atleti”

Spesso è un momento importante quando un atleta arriva a un grande evento a cui partecipa. Scoprire in quale stanza trascorrerà 10-15 giorni, a volte di più. Un piccolo mondo che gli permette di riposare, concentrarsi e rilassarsi prima di entrare in competizione. Un luogo effimero della vita dove atleti e donne trascorrono molte ore ogni giorno, tra allenamenti, cure fisioterapiche e pasti, tanti momenti scandiscono la giornata durante un grande torneo. L’obiettivo, sforzarsi di sentire il più possibile come a casa Per gestire al meglio la pressione della concorrenza. per me Eugenio, una piccola città universitaria dell’Oregon, dove la delegazione belga è arrivata martedì da Irvine alla periferia di Los Angeles dove si allenava dal 3 luglio, una doccia fredda attendeva gli atleti. “jailbreak“Alcuni hanno scritto sui social media pubblicando foto di quella che sarà la loro residenza fino al 24 luglio”.Ci troviamo nelle stanze degli studenti del campus. È piccolo e spartano ma bisogna abituarsiSpiega brevemente Nafie Thiam. “Ad ogni modo, non abbiamo scelta.

È chiaramente irrispettoso

Per gli atleti, abituati agli standard internazionali di ospitalità e comfort alberghiero, questa situazione crea legittimamente poco stress inutile. “Onestamente è irrispettoso e indegno di un evento come questo, i mondiali puntano ancora ai migliori atleti“serie Kevin Burleigh. “Durante tutto l’anno, ci impegniamo per prenderci cura del recupero, del sonno e delle piccole cose importanti che fanno la differenza nella vita di un atleta. E lì arriviamo negli Stati Uniti, aspettandoci che tutto sia grande e in primo piano e ci troviamo in una stanza minuscola con materassi davvero scomodi. Fortunatamente siamo tutti sulla stessa barca, ad eccezione del Team USA che è altrove.“Il trattamento preferenziale solleva anche interrogativi in ​​termini di equità. Disuguaglianza che solleva interrogativi e interrogativi tra gli altri atleti”.Siamo in 3 in una stanza di non più di pochi metri quadrati.” Aggiungere Julian Waterrin. “Abbiamo dovuto mettere un materasso per terra per evitare che uno di noi dormisse in un letto a castello troppo piccolo. Per muoverci nella stanza dobbiamo saltare i bagagli che non abbiamo altra scelta che lasciare per terra. Abbiamo Non l’ho visto nelle nostre carriere”.

READ  Il Manchester City ha giocato contro l'Atletico (0-0)

Fortunatamente, gli impianti sportivi di alta qualità in questa città che da allora è stata considerata la culla del mondo dell’atletica leggera Bill BowermanNike, uno dei fondatori di Nike, ha insegnato l’arte di correre, saltare e lanciare lì per quasi tre decenni e lì ha sviluppato all’inizio degli anni ’50 una vera cultura di quella che qui è conosciuta comeTraccia e scruta“.