Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riscaldamento globale e disinformazione scientifica: Joe deja vu?

Negazione e inganno. Le stesse ricette Per il Covid-19, come per il clima, gli scienziati – che sono in minoranza – hanno disinformato, contribuendo a negare il processo di cambiamento climatico in atto.

Mercanti di dubbio, diretto dall’antropologo americano CecioHa obbligato Tomori a smettere di creare polemiche e sospetti, che ostacolano e rallentano i lavori.

Non alimentare la macchina con dubbi“, pubblicato per gli scienziati, in un articolo di commento pubblicato sulla rivista temperamento natura. Nel campo dell’etnologia, cioè dello studio della produzione culturale di ignoranza, scetticismo o disinformazione, studia come l’industria sfrutti i riferimenti scientifici per “promuovere false affermazioni” dannose per la salute.

Queste strategie, dice, si ripetono in tutti i settori: tabacco, combustibili fossili, prodotti farmaceutici, alimentari, ecc.

Controversie sull’immunità collettiva

Prendi l’antropologo per esempio Argomenti sull’immunità collettiva, proposto da scienziati, che hanno promosso polemiche e impedito un’efficace risposta della salute pubblica. Nell’ottobre 2020, il Gruppo Barrington ha lanciato un appello per consentire al virus di diffondersi tra la popolazione giovane e sana, proteggendo al contempo i più vulnerabili.

Dai un’occhiataioVedendo la pubblicità del ‘Barrington Group’ trasmessa dagli uomini d’affari, Leah Tomori si disse: “L’ho già visto da qualche parte“.

Industria fossile e clima

L’antropologo e professionista della sanità pubblica fa un collegamento tra quanto sta accadendo rispetto al Covid-19 e rispetto al clima: “L’industria dei combustibili fossili ha fatto esattamente lo stesso. Hanno finanziato una ricerca che affermava che in realtà non c’era un vero cambiamento climatico e che i combustibili fossili non erano responsabili, che erano solo una parte naturale del ciclo terrestre e che non avevano nulla a che fare con l’attività umana. Perché tutto questo rallenta il lavoro. Ogni volta che pubblichi uno studio del genere, gli scienziati devono rispondere ai problemi di quello studio, e questo ti permette di rimandare l’azione necessaria, che avremmo dovuto intraprendere decenni fa, ed eccoci qui. Nel 2021! “.

Stessi motivi, stessi gruppi

Stefan Lewandowski, professore di scienze cognitive presso l’Università di Bristol nel Regno Unito, sta lavorando alla stessa domanda: cosa unisce gli agricoltori allo scetticismo, sul tabacco, sul virus Covid e sul clima?

READ  Selena Gomez: la sua nuova iniziativa per destigmatizzare la salute mentale

In un parere pubblicato sulla rivista Opinione attuale nelle scienze comportamentali, individua questo punto comune:Praticamente, senza eccezioni, questi attori sono libertari e operano all’interno di un ecosistema di “think tank” e “istituti” conservatori e liberali che si impegnano nella negazione di qualsiasi scienza che, se presa sul serio, implichi la necessità di violare la “libertà”. o politica.

Quanto al clima come da Covid, l’autore, intervistato da RTBF, continua: “Stessi nomi, stessi centri di pensiero, stessi individui. Chi ci dice che gli arresti sono inutili. Che è una totale assurdità. O chi ci dice che il cambiamento climatico è normale. È anche completamente pazzo. Ma penso che ci sia un fattore motivante comune: o l’interesse economico o l’opposizione ideologica al cambiamento di comportamento necessario per gestire la crisi..

Questa invasione del dubbio, prevalente soprattutto sui social, ma anche sui media, ha un obiettivo comune, per Stefan Lewandowski: “Tutto quello che devono fare è sollevare sospetti. Non dovrebbero mai vincere una discussione. Perdono i loro argomenti. Ma a loro non importa, perché vogliono destare sospetti. E spesso, per ritardare il lavoro. E nel caso del Covid, questo ha avuto conseguenze tragiche. Non c’è dubbio che nel Regno Unito, dove vivo, migliaia di persone sono morte a causa dei ritardi nei blocchi. Durante la prima ondata, la seconda ondata, e se fai analisi statistiche, non c’è dubbio che ha ucciso delle persone. “

Allora, non possiamo più discutere? dubitare? Discute l’? Certamente sì, il dubbio fa parte del modo di pensare. Ma è utile mettere in discussione le intenzioni delle persone che lasciano cadere il dubbio, nonostante l’evidenza scientifica. La scienza dell’ignoranza, o la scienza dell’ignoranza, può aiutarci a fare proprio questo.

READ  La Luna contiene abbastanza ossigeno per consentire a 8 miliardi di persone di respirare per 100.000 anni