Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Philippe Lelouch visita il Belgio con “Stand Alone”: “Dal 7 ottobre, le femministe non hanno più alcun merito per me” (Video)

A 58 anni, questa è una nuova sfida che Philippe Lelouch, che ha già qualche freccia al suo arco, affronta brillantemente. Infatti, prima di intraprendere la carriera di comico, ha navigato nel mondo del giornalismo per poi maturare esperienze come attore e presentatore, in particolare in ambito automobilistico con… velocità massima. Sebbene negli ultimi anni sia diventato più riservato sul grande schermo, l’attore ha conquistato il cuore del pubblico sul palco, accumulando successi. Oggi si propone brillantemente di affrontare una nuova sfida: il one-man show con il suo spettacolo d’esordio, “Stand Alone”. Si esibirà in una data in Belgio, il 12 giugno 2024 al W:Hall Auditorium di Woluwe-Saint-Pierre.

“La voce più bella della voce”: questo è il vincitore della tredicesima stagione

Una sola apparizione sul palco è la prima volta per te… Cosa ti ha spinto a fare il grande passo?

“È una progressione abbastanza logica per me. Mi piace dire le cose. All’inizio, quando scrivo un’opera teatrale, spesso è l’argomento che mi rattrista, che mi sconvolge. Lo torturo in tutti i modi finché non mi fa ridere. E poi, attorno a quel soggetto, costruisco un arco drammatico.” E poi dò in pasto tre o quattro personaggi per inventare una storia. Ci sono così tanti temi in questo momento che mi danno fastidio o mi rattristano, che mi sono detto devo scrivere circa 2.500 spettacoli quindi è meglio riunirli in scena Mi ha fatto venir voglia di salire sul palco e il secondo è anche un modo per ringraziare le persone che da più di vent’anni sono instancabilmente fedeli al mio lavoro Allora li faccio entrare e dico: questa volta venite, ci divertiremo come nelle rappresentazioni teatrali, tranne voi. Adesso mi conoscerete un po’ meglio e il terzo motivo è che forse al mio età questo è il momento in cui comunque si comincia a parlare di cose, possiamo paragonarmi a oggi, che ho avuto la fortuna di crescere negli anni ’80, sono davvero due mondi diversi, due epoche pazze e completamente diverse che ci siano molto da dire.”

Non è stare soli senza vedere cose inquietanti?

“No, mi piace. È meraviglioso salire in macchina da solo e dire a te stesso: ‘Andremo lì, e poi lì…’ Lo stand-up è il mondo dello spettacolo. Possiamo fare cose che non potremmo mai fare.” fare in teatro. Ci sono un po’ meno limiti.” Lì sei il regista di te stesso, il tuo autore, ecc. Ma anche se, secondo me, per fare bene il lavoro, bisogna inquadrarlo.

READ  L'attrice Jennifer Grey pubblica il suo libro di memorie e parla del comportamento di Johnny Depp quando avevano una relazione

Interagisci con il pubblico?

“C’è qualcosa che non faccio, non so come farlo e non voglio farlo, anche se mi fa ridere e lo ammiro negli altri, credo che coinvolga il pubblico Sono un po’ vecchia scuola, nel senso che non hanno il diritto di far ridere la gente per me e ho sempre paura di ferire qualcuno dandogli l’incarico o prendendolo in giro. È una cosa che non capisco coinvolto in.”

Jennifer Aniston e David Schwimmer riuniti per un video divertente

La maggior parte dei cabarettisti ha tra i 20 e i 30 anni, hai trovato direttamente il tuo pubblico?

“Sì, quelli con più di 40 anni. (Lui ride). Ma arrivano anche i giovani. Quando superiamo i 40 anni abbiamo l’impressione che sia tutto, siamo vecchi. La musica in questo momento è molto urbana. Ci sono grandi cose là fuori ma non fanno per noi. E l’umorismo è lo stesso. Spesso i comici hanno 30 anni o meno e si rivolgono al loro pubblico e alle persone con riferimenti alla loro generazione.

La nostalgia è in realtà il fulcro del tuo spettacolo…

“Sì. Prima era tutto molto meglio.”

Ci sono alcune cose che preferisci adesso?

“Può darsi che ce ne sia ma non vedo quale sia. Subito, così, spontaneamente.”

Cosa vorresti riprendere dagli anni ’80?

“Canzoni lente. Abbiamo preso qualcosa che fosse eccessivamente romantico, cioè la possibilità di innamorarsi in tre minuti, avendo tra le braccia una donna che non conosci e con la quale sta succedendo qualcosa.

Cosa manca oggi alla nuova generazione?

“Allora vivevamo con una sorta di libertà spensierata, senza precedenti. Oggi questa libertà non ci è più stata tolta poco a poco con ottimi argomenti, ad esempio se vi parlassi dell’obbligatorietà casco. Sì, è meglio in caso di caduta. Quindi sì, il casco è obbligatorio. Per quanto riguarda la cintura… Oh sì, senza cintura è più pericoloso quindi è obbligatorio fumare in pubblico. quindi sì lo elimineremo anche noi ogni volta, diciamo sì, sì, sì Grazie alla negazione di queste piccole libertà, che non sono essenziali, vi assicuro che oggi ci sentiamo privati ​​di grandi libertà, e da qui la sensazione di non poter più fare nulla.

READ  Quand les Simpson avaient prédit la guerre in Ucraina

Ti senti un po’ fuori posto?

“Completamente. Ecco perché voglio ridere di lui! E la vecchia scoreggia stonata ti fa ridere!”

Non hai paura che qualcuno la prenda male?

“Non mi interessa.”

Hai mai ricevuto una recensione?

“Oggi, per esempio, farò storie su Cambrai, e la sera stessa un uomo di Cambrai mi scriverà per dirmi che lo sto offendendo. No, sono qui solo per farti ridere. Se questo non ti fa ridere, lo capisco, continua. Non voglio farti del male.” “Nessuno. Al giorno d’oggi l’umorismo viene preso così sul serio che diventa l’esatto opposto dell’umorismo e non è divertente, questo è un problema. Ma se la battuta è divertente, vai avanti, accettala, non importa.”

Parli anche dei tuoi ricordi d’infanzia. Tuo fratello ha avuto la possibilità di venire a trovarti?

“Certamente. Gli è piaciuto molto. Ha detto: ‘Hai provato a farmi piangere?’ Perché ovviamente nello show ad un certo punto parlo di mio padre. Abbiamo avuto la stessa infanzia. Lui sa di cosa sto parlando. circa. Lo ha toccato.”

Possiamo aspettarci un nuovo progetto con lui?

“No. Innanzitutto perché non lavoravamo negli stessi posti. Anche se ogni tanto faccio cinema, lui non fa mai molto teatro;

Hai avuto qualche aiuto per metterlo in scena?

“Ho lavorato con un giovane autore di 28 anni. Ho pensato che fosse un’ottima idea per impedirci di fare uno spettacolo per vecchi sciocchi. Gli ho chiesto cosa ne pensasse, se non fosse banale. Mi ha detto che lo era fantastico. E poi è andata così.”

Non hai la lingua in tasca, soprattutto con il tuo nuovo tatuaggio…

«Sì… Quando ho visto la piccola Mia rapita in ostaggio (durante l’attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre 2023, ndr), nonostante tutto quello che aveva sofferto, inizialmente mi era tatuata questa frase ‘Balleremo ancora’». “L’ho fatto sulla parte posteriore del collo, ma alla fine l’ho fatto sull’avambraccio ma mi sono detto: ‘Non posso non farlo.'”

READ  Helen Segara parla della sua trasformazione fisica: 'Il mio viso è diverso'

Parli di questo attacco al tuo programma?

“No. L’unico suggerimento che faccio è che ad un certo punto indico le femministe e dico loro che è un peccato, perché dal 7 ottobre le femministe non hanno più alcun merito nei miei confronti. Il loro silenzio assordante nei confronti delle donne israeliane significa questo Non riesco più a sentirli”. In qualsiasi argomento, per me, nel femminismo non c’è scelta. Quindi, se siamo femministe e antisemite, perché mi spiegano che le donne ebree non sono degne della tua attenzione?

Ciò che dici è potente, non hai paura delle tue parole?

“No, sono loro che dovrebbero avere paura. Di escludere la religione dalla loro vendetta. Sapete, in realtà, non ho mai avuto bisogno che le femministe rispettassero le donne. Ho trovato le loro lotte legittime e utili. Sono sempre stata una femminista nel cuore. Se vedessi un uomo comportarsi male con una donna… Quando aspettavo che l’associazione andasse a dirglielo, evidentemente ci sono uomini che hanno grossi problemi con questo, ed è positivo che oggi siano risolti, ma in ogni caso , il loro silenzio è così assordante che semplicemente non posso esprimere loro il minimo apprezzamento. Naturalmente, ciò non mi impedisce di ascoltare le vittime o le persone che hanno sofferto”.

Se dovessero scegliere tra cinema, teatro o cabaret?

“Questa è una domanda difficile! È come se dovessi scegliere tra mio padre e mia madre Ovviamente dirò in piedi, perché è quello che sto facendo in questo momento.”

Ci saranno ancora spettacoli?

“Penso di sì. Ma per ora sono davvero interessato a prendere posizione. Voglio portare a termine il progetto fino alla fine.”

Hai altre idee per una canzone in arrivo sul palco?

“Non ancora. Lo sto ancora modificando. È sempre un ‘work in progress’, whoa.”