Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Non hanno segreti nella lingua di Dante!

Non hanno segreti nella lingua di Dante!

Josien Deleitre (2° in primo piano) e alla sua sinistra Fabiola Henriot. – © Audrey Robert

La professoressa Fabiola Henriot, 33 anni, tiene lezioni di italiano alla Maison des Societies il mercoledì.

Il fascino dell’Italia non si limita ai lussureggianti paesaggi della Toscana, ai colorati vicoli di Bologna o ai maestosi palazzi di Venezia.

“Buongiorno a tutti!” (“Ciao a tutti”, in francese, ndr) Questa formula riecheggia tra le mura della Maison des Associations de Vesol, due giorni alla settimana.

Fabiola Henriot, 33 anni, è nata da madre italiana cresciuta a Bergamo, a nord-est di Milano. Residente a Villafans, dal 2013 è assistente accademico presso il Collegio Albert Jacquard di Lourdes. “All’inizio dell’anno scolastico, nel settembre 2021, ho cambiato il mio ruolo di mediatore per diventare insegnante di italiano nello stesso istituto”, spiega. Con un master in insegnamento, la madre di Claudia insegna alle classi seconda e quintae4e e 3e. Per non far ingelosire nessuno, anche Georges Colomb ha imparato questa lingua d’amore da Lourons of High School. Non solo, ma da otto anni il trentenne tiene lezioni di lingua all’interno dell’Associazione degli Italiani dell’Alta Saona. Da ottobre a giugno, escluse le vacanze scolastiche, Maison des Societies ha cinque lezioni a settimana.

“Il mercoledì tre spazi possono accogliere nuovi membri”, chiama Fabiola Henriot. “Dalle 14:30 alle 16:00, è pensato per chi ha dai cinque ai sette anni di formazione. Dalle 16:00 alle 17:30, devi avere almeno otto anni di formazione. Per quanto riguarda il corso di conversazione, disponibile dalle 17:30!” Un nuovo comitato per i principianti dovrebbe essere formato in ottobre.

Josiane Delaitre, 73 anni, partecipa a uno degli studi. Nato da padre italiano, Boosen ha in parte inventato i banchi scolastici per un semplice motivo. “Mia figlia vive in Toscana”, dice il pensionato. “Vado spesso in Italia, e quando lo vedo devo capire me stesso”.

READ  Verso l'istituzione di una funzione pubblica franco-italiana

Per maggiori informazioni, 06 52 71 16 25 o assoc.Italiens70@laposte.net