Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Nessuno sconto”: Carole denuncia la “falsa promozione” delle creme solari 1+1 gratis. È così?

“Nessuno sconto”: Carole denuncia la “falsa promozione” delle creme solari 1+1 gratis. È così?

Mentre visitava lo stesso negozio a pochi giorni di distanza, Carol notò quella che considerava una “falsa promozione”. I prezzi da pagare per i prodotti appena acquistati sono aumentati durante una nuova promozione. Secondo lei, la funzionalità pubblicizzata è fuorviante. È così? Quali regole bisogna rispettare quando si effettuano gli sconti?

“Trovo questa pratica scandalosa”. Carol si scusa tramite il nostro pulsante di avviso arancione. All’inizio di giugno, questo residente a Bruxelles si è recato presso Medi-Market, una nota catena di farmacie. Qui vengono venduti molti prodotti per la salute e la bellezza.

Quel giorno ha comprato un sacco di crema solare. Quando lo ricevi, il “Prezzo Nazionale” e il “Vantaggio Medi-Market (MM)” sono chiaramente indicati. Ad esempio, per lo spray protettivo SPF 30 il prezzo nazionale è di 32 euro e il vantaggio MM è uno sconto di 16 euro. Pertanto Carol deve pagare 16 euro per questo prodotto. Sul biglietto è indicato che il prezzo nazionale corrisponde al prezzo consigliato dal fornitore.



Pochi giorni dopo, la donna è tornata da Bruxelles nello stesso negozio. Carol nota che ai clienti viene offerta una nuova promozione sulla gamma di prodotti che ha acquistato. «È un servizio 1+1 gratuito molto apprezzato. Il prezzo consigliato è sempre di 32 euro, ma anche il prezzo in negozio è di 32 euro, quindi non c’è alcuna riduzione rispetto a prima. Alla fine il vasetto di panna costa 16 euro. “Il consumatore denuncia le immagini di supporto. “Secondo me questa promozione è fuorviante. “Mi chiedo se sia legale.”si chiede.

READ  L'Allemagne dit non à la Commission et veut sauver...

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali

Innanzitutto ricordiamo il principio base. Dovresti sapere che i commercianti possono fissare liberamente i loro prezzi. “La libertà commerciale dell’azienda comprende la fissazione dei prezzi dei suoi prodotti, lo svolgimento di attività promozionali e la definizione di termini e condizioni. Il consumatore dovrebbe sempre essere informato prima dell’acquisto del prezzo totale che dovrà pagare per ottenere il prodotto.“, sottolinea Etienne Mignolet, portavoce di FPS Economy.

“Alcune catene hanno prezzi nazionali, altre hanno prezzi regionali, ad esempio Colruyt.”“, precisa Julie Freer, portavoce di Testachats, l’associazione per la difesa dei consumatori.





Norme specifiche per le azioni promozionali

Ma i commercianti devono rispettare regole specifiche per le azioni promozionali. Pertanto, quando si riducono i prezzi, è necessario seguire un quadro giuridico volto a proteggere i consumatori. “Gli annunci di riduzioni di prezzo misurabili, ad esempio -20%, devono essere applicati rispetto al prezzo di riferimento, che è necessariamente il prezzo più basso praticato nei 30 giorni precedenti l’annuncio della riduzione di prezzo.“, spiega Etienne Mignolet.

Il prezzo di riferimento dovrebbe essere determinato dal canale di vendita o dalla tecnica di vendita. Il prezzo di riferimento per un prodotto venduto online è il prezzo del negozio online dell’azienda. Non quello del negozio vero e proprio.

Per le promozioni gratuite 1+1 le regole sono diverse? “Per gli annunci di riduzioni di prezzo non misurabili, come le offerte congiunte, l’azienda deve rispettare il divieto di pratiche commerciali sleali. La Società non può indurre in errore il consumatore nel proporre una promozione. Lo conferma il portavoce ufficiale. In altre parole, la pubblicità di una riduzione di prezzo non misurabile deve essere efficace e non fuorviante. Il consumatore deve ottenere un vantaggio reale perché prenderà o probabilmente prenderà la sua decisione di acquisto proprio su questa base.

A mio parere il vantaggio di Medi-Market è soprattutto fuorviante

READ  Vietare la vendita di auto diesel o benzina dal 2035: quando saranno sulle nostre strade i primi veicoli a guida autonoma?
-->





In questo caso particolare, si tratta di “falsa promozione”? “A mio parere, la funzionalità Medi-Market è particolarmente fuorviante. “Ciò indica che stiamo ottenendo una riduzione del prezzo che non è mai stata effettivamente applicata.”Julie Freer pensa. “Questa pratica è sempre più diffusa e la riteniamo in violazione della normativa di diritto economico, la quale prevede che lo sconto debba essere applicato al prezzo di riferimento, ovvero al prezzo più basso applicato dall’azienda nel periodo di riferimento di 30 giorni.si rammarica un portavoce di Testachats.

Per un’organizzazione, in generale, una promozione è illegale quando non viene applicata al prezzo di riferimento popolare”.La promozione deve sempre garantire l’esattezza della riduzione di prezzo e la corretta informazione al consumatore.Julie Freer conferma.

Non eseguiamo mai due promozioni contemporaneamente

Da parte sua, la catena MediMarket nega qualsiasi azione ingannevole. “I nostri vantaggi vengono sempre calcolati in base alla tariffa base, ovvero la tariffa nazionale consigliata. Questi benefici possono variare di mese in mese e da una procedura all’altra. Sono sempre chiaramente segnalati. Ma non organizziamo mai due promozioni contemporaneamente per lo stesso prodotto”. Supporta Hanan Ben Masoud, Area Manager di Medi-Market. Alla fine il prezzo di vendita di questa protezione solare è lo stesso, prima grazie alla funzione MM e poi grazie all’effetto shock 1+1 gratuito. “Vendiamo alcuni articoli al prezzo nazionale consigliato.”Sottolinea.

Cosa fare se si sospetta “pubblicità ingannevole”?

Nonostante tutto, Carol si sente tradita. Cosa può fare lei? Se c’è il sospetto di “falsa promozione”, quali misure può intraprendere il consumatore? “Se ritiene che questa pratica sia ingannevole o sleale, il consumatore può segnalarlo all’Ispettorato economico tramite Consumatore.. Sulla base delle segnalazioni potremo poi decidere di aprire un’indagine per porre fine a queste pratiche”. Etienne Mignolet consiglia.

READ  Entrare in un mercato ribassista o l'inizio di qualcosa?

Il cliente può anche segnalarlo a Testachats tramite Unità Reclami. È chiaro che l’associazione monitora attentamente i prezzi praticati tramite A Strumento specifico“.Riceviamo regolarmente reclami su questo tipo di problema. Grazie al nostro strumento analizziamo se lo sconto applicato è reale oppure no grazie al monitoraggio dei prezzi che effettuiamo.”Julie Freer conferma. “Monitoriamo quasi 17.000 offerte in 39 categorie di prodotti che vanno dalle cuffie agli smartphone, ai barbecue e ai materassi. Un prodotto che ottiene un punteggio Buono è quello che ha un prezzo interessante ma ha anche buoni punteggi di qualità nei nostri test.“, precisa il portavoce.

Durante i recenti saldi, FPS Economy ha rivelato che il 26% delle promozioni individuate erano false promozioni.