Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

natura. Salute dell’ecosistema

natura.  Salute dell’ecosistema

Il collasso della biodiversità e gli sconvolgimenti climatici ci costringono, più che mai, a stare dalla parte degli ecosistemi, che hanno anche bisogni sanitari che devono essere affrontati.


Il bene comune
Oggi alle 18:09

Perché preoccuparsi della salute dell’ecosistema?

Il buon funzionamento di un ecosistema dipende direttamente dalla sua buona salute. Tuttavia, molti ecosistemi oggi stanno cambiando a causa delle attività umane. Da un punto di vista diagnostico, ciò comporta la misurazione del divario tra le prestazioni osservate di un ecosistema e la sua capacità di funzionare bene, per determinare se è necessaria un’azione affinché l’ecosistema possa ripristinarsi.

Più in generale, per illustrare l’importanza del tema, segnaliamo i “servizi ecosistemici”, che si riferiscono ai beni e ai servizi forniti da ecosistemi sani (ciclo dell’acqua, approvvigionamento di legname, impollinazione, ecc.).

Questi servizi sono certamente vitali, ma l’idea nasce da una visione centrata sull’uomo, come se tutto fosse strutturato per essere vantaggioso per la nostra specie. Gli ecosistemi devono anche essere sani per potersi adattare, cioè per essere robusti di fronte al cambiamento.

Perché è difficile scegliere un paese di riferimento standard?

Per stimare la qualità potenziale di un ecosistema, coerente con il suo buono stato di salute, dobbiamo indicare quando la biodiversità e i processi e servizi ecosistemici possono essere considerati ottimali. Ma quale momento scegli?

Per le nostre foreste temperate, dovremmo, ad esempio, guardare a un’era in cui bisonti, bisonti e alci non erano ancora scomparsi, 2000 anni fa? L’individuo tende a fare riferimento all’epoca che conosceva in gioventù, il che porta all’amnesia ambientale: di generazione in generazione, si dimentica il graduale declino, e il nuovo riferimento cancella sistematicamente la realtà della generazione precedente. Non esiste una risposta chiara.

READ  una cartina. Siccità in Occitania: questo è il livello di allerta per le restrizioni idriche per dipartimento

Quale scala temporale dovrebbe essere utilizzata per valutare la salute degli ecosistemi?

È necessario combinarne diversi. Nel breve termine, qualche decennio, ma anche nel medio termine, qualche centinaio di anni, per accogliere il fenomeno della successione ecologica: qualsiasi ecosistema è naturalmente destinato a passare da uno stadio all’altro senza di essa. problema di salute.

A medio termine, l’erba diventerà un’area fitta, una foresta e infine una foresta. climax. Inoltre, per considerare il lungo arco temporale in cui avviene l’evoluzione darwiniana, dobbiamo renderci conto che non tutte le specie evolvono alla stessa velocità. A causa della loro rapida crescita, il potenziale evolutivo dei batteri è migliaia di volte maggiore di quello dell’uomo.

Parole di esperti

“La resistenza e la resilienza di un ecosistema, che ne determina la forza, dipende in larga misura dalla sua biodiversità. Resta da vedere quale livello di biodiversità dovrebbe essere valutato per diagnosticare un ecosistema. La nostra classificazione degli organismi si basa su diversi livelli, la specie è l’unità base, seguita dagli ordini superiori”. Sono genere, famiglia, ordine… Se analizziamo il numero di famiglie in un ecosistema, e non il numero di specie, possiamo ignorare la perdita di diversità. Allo stesso modo, tenere conto della diversità in termini di specie non è sufficiente, perché altre forme di diversità regolano gli organismi: la diversità genetica » »

Patrick Giraudoux Professore emerito di Ecologia presso l’Università della Borgogna Franca Contea, Unità di ricerca Crono-Ambiente