Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le 5 più grandi scoperte spaziali del 2021

Il 2021 è un anno molto speciale per le agenzie spaziali e gli astronomi di ogni tipo.

Il rinnovato interesse, gli investimenti pubblici e privati ​​e la maturità tecnologica sullo sfondo del conflitto geopolitico extraterrestre sono stati terreno fertile per molte scoperte.

Rappresentazione tecnica del sistema solare – Credit: NASA

Per iniziare bene il 2022, abbiamo selezionato 5 delle scoperte più importanti del 2021.

1. Un astronomo dilettante scopre una luna nuova intorno a Giove

Le lune appena scoperte intorno a Giove sono molto più lontane e molto più piccole, e quindi più difficili da trovare rispetto a quelle in Europa - crediti: NASA
Le lune appena scoperte intorno a Giove sono molto più lontane e molto più piccole, e quindi più difficili da trovare rispetto a quelle in Europa – crediti: NASA

Sebbene questo satellite di Giove non abbia ancora ricevuto una classificazione ufficiale, aumenterà il numero di satelliti di Giove a 80”.È solo un tipico membro del gruppo carmelitano retrogrado.Questo gruppo comprende altre 22 piccole lune che orbitano attorno a Giove nella direzione opposta alla sua rotazione con periodi di circa due anni. Queste piccole lune calanti di Giove promettono di avere molti vicini da scoprire. Gli scienziati hanno recentemente suggerito che Giove potrebbe avere circa 600 satelliti con un diametro di almeno 800 metri.. Lo sviluppo di telescopi più grandi e più sensibili dovrebbe facilitare queste nuove scoperte.

2. Gli scienziati hanno scoperto il buco nero più vicino alla Terra

A soli 1500 anni luce dalla Terra È il buco nero conosciuto più vicino alla Terra, ed è ora chiamato “rinoceronte”. Questa sfera spaventosamente piccola è Tre volte la massa del sole. È incredibile che Il buco nero più piccolo scoperto è anche il più vicino alla Terra. «Poiché il sistema è davvero unico e molto strano, come sai, si è sicuramente guadagnato il soprannome di Unicorno.Siamo ansiosi di saperne di più su questa recentissima scoperta.

3. La Parker Solar Probe ha superato la leggendaria barriera coronale

Rappresentazione artistica della sonda solare Parker della NASA - Credit: NASA
Rappresentazione artistica della sonda solare Parker della NASA – Credit: NASA

La Parker Solar Probe ha toccato con successo il Sole per la prima volta. Un enorme palcoscenico che suggerisce nuove scoperte Emozionante. Questo passaggio ci consente non solo di approfondire la nostra conoscenza del Sole, della sua evoluzione e influenza sul Sistema Solare, ma anche su tutte le altre stelle dell’universo.

READ  Pass de puces aussi efficacis que les Apple M1 Max avant 2024

4. La perseveranza inizia con lo studio delle rocce di Marte

L'immagine scattata dalla navicella spaziale Perseverance della NASA il 7 settembre 2021 mostra due fori in cui il trapano della sonda ha prelevato campioni - Credit: NASA
L’immagine scattata dal rover Perseverance della NASA il 7 settembre 2021 mostra due fori in cui il trapano della sonda ha prelevato campioni – Crediti: NASA

«Proprio come le missioni Apollo Moon hanno dimostrato il valore scientifico duraturo di restituire campioni da altri mondi per l’analisi qui sul nostro pianeta, così saranno i campioni persistenti raccolti come parte del Mars Sample Return Program. Utilizzando le più moderne attrezzature scientifiche sulla terra, Ci aspettiamo scoperte sorprendenti in una vasta gamma di campi scientifici, inclusa l’esplorazione dell’esistenza della vita su Marte.Thomas Zurbuchen, direttore associato della scienza presso la sede della NASA a Washington.

5. Ritorna a Venere entro il 2030

Venere - Crediti: NASA/JPL-Caltech
Venere – Crediti: NASA/JPL-Caltech

All’inizio di giugno 2021 è successo qualcosa di inaspettato all’interno delle agenzie di esplorazione spaziale. In meno di una settimana sono state selezionate tre missioni su Venere. La NASA invierà due missioni su Venere entro il 2030 (sensori VERITAS e DAVINCI+) e anche ÉSA è uno di questi, Orbital EnVision. Questo nuovo slancio verso il pianeta blu è dovuto alla possibile scoperta di fosfina, una potenziale bio-impronta digitale, nelle nuvole di Venere.

fonte : Vuoto