Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cina è sulla buona strada per controllare il 50% degli elettrolizzatori mondiali, ha annunciato l’Agenzia internazionale per l’energia

La Cina è sulla buona strada per controllare il 50% degli elettrolizzatori mondiali, ha annunciato l’Agenzia internazionale per l’energia

Secondo l’organizzazione internazionale, la produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio potrebbe raggiungere i 38 milioni di tonnellate nel 2030 se tutti i progetti annunciati venissero implementati.

Entro la fine del 2023, la Cina controllerà la metà della capacità installata di elettrolizzatori che producono idrogeno a basse emissioni di carbonio nel mondo, ha osservato nel suo rapporto l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), che ha anche espresso preoccupazione per un rallentamento dei nuovi progetti di servizi pubblici a causa dell’inflazione . . “Dopo un inizio lento, la Cina ha assunto un ruolo guida nella diffusione degli elettrolizzatori: entro la fine dell’anno, si prevede che la capacità installata di elettrolizzatori in Cina raggiungerà 1,2 GW, ovvero il 50% della capacità di produzione globale.», precisa l’IEA in questo rapporto dedicato all’idrogeno.

Un elettrolizzatore è un’apparecchiatura che consente la separazione artificiale di idrogeno e ossigeno all’interno di una molecola d’acqua (H2O) attraverso l’uso di elettricità, che a sua volta proviene da fonti a basso o zero carbonio (solare, eolica, idroelettrica o nucleare). Con la transizione energetica in corso, gli elettrolizzatori sono diventati necessari per sostituire la modalità tradizionale di produzione industriale dell’idrogeno, che finora proveniva dal metano fossile (CH4), un metodo spesso associato all’industria petrolchimica, che è poco costoso ma emette quantità significative di anidride carbonica.

“Evitare la frammentazione del mercato”

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, la produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio potrebbe raggiungere i 38 milioni di tonnellate nel 2030 se tutti i progetti annunciati venissero implementati. Ma è preoccupata per l’aumento dei costi delle attrezzature a causa dell’inflazione, che “Mette a rischio i progetti“E un altro”Riduce l’impatto degli aiuti pubblici». “Alcuni progetti hanno rivisto le stime iniziali dei costi fino al 50%.», precisa l’Agenzia internazionale per l’energia.

READ  Nestlé Health Branch acquista la prima pillola per trapianto fecale - 06/06/2024 13:50

Dal lato dei consumi, l’agenzia è preoccupata anche per la lenta sostituzione dell’idrogeno grigio, prodotto in modo convenzionale, con l’idrogeno verde nel mondo. “Nel 2022, la crescita dell’uso dell’idrogeno a basse emissioni di carbonio sarà molto lenta, coprendo solo lo 0,7% della domanda globale di idrogeno.“Il rapporto conferma”Ciò significa che la produzione e l’utilizzo dell’idrogeno nel 2022 comporteranno l’emissione di 900 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente.». “L’uso dell’idrogeno a basse emissioni di carbonio è ancora lontano da ciò che è necessario per raggiungere gli obiettivi climatici», conferma il rapporto. L’IEA vuole anche una maggiore cooperazione internazionale per “Evitare la segmentazione del mercato».