Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Tour de France – Da Comblou a Firenze: lo shock e la risposta degli Emirati Arabi Uniti

Il Tour de France – Da Comblou a Firenze: lo shock e la risposta degli Emirati Arabi Uniti

Pochi giri di ruota e l’equilibrio delle forze nel gruppo si inverte drammaticamente. Un anno fa, Jonas Vingegaard diede una lezione a Tadej Bogarar sulle Alpi per ottenere la sua seconda vittoria in giallo. Prima che il top sponsor perdesse il titolo e, apparentemente, ogni parvenza di fortuna e successo, il team Jumbo-Visma schiacciava il gruppo mentre i rivali dell’UAE Team Emirates vivevano amaramente un ritorno in classifica, tutto legato al Tour de Francia.

A Combloux come a Courchevel, lo splendore di Bougie è improvvisamente scomparso. Sarebbe esagerato dire che lei torna a splendere nei cieli del ciclismo internazionale in un momento in cui tutte le stelle si radunano a Firenze per attaccare il Tour de France 2024, e in cui la slovena si prepara a tornare a prestazioni storiche ( risorgerà – sarà la coppia del Giro Tour, sarà il più giovane triplo vincitore alla data del tour?). Perché dopo lo schiaffo la squadra emiratina ha mostrato i muscoli.

Doppio Giro Tour, il siero di latte di Pogacar? “Se la temperatura inizia a 35 o 40 gradi…”

Shock: Complo, più violento di Luz

C’era la faccia arrabbiata di Bogar e le parole gridate alla radio alla sua squadra: “Ho finito, sono morto.” Al Col de la Loze, uno dei mostri più belli che il tour abbia scoperto di recente, le gambe si sono fermate, il respiro si è fermato, il cervello quasi si è arreso, si è arreso. Forse per la prima volta furono imposti dei limiti al dispettoso Boogie. Ha preso delle botte, ma almeno è sempre stato in grado di provare a cambiare le cose. Lì fu lasciato a soffrire, senza speranza e quasi senza scopo.

READ  Dinamite OHL Genk a Dune Drive, Standard vittorioso a Slicein!

Il fallimento dell’ex prodigio, divenuto cannibale, è stato sorprendente. Ma Pogačar aveva già perso il turno prima di perdere contro Loze. Dopo due settimane di intensa lotta, Jonas Vengegaard ha superato con successo la prima lama il giorno prima nella cronometro tra Passi e Comblou. Il suo viaggio verso Courchevel ha dato maggior spazio per dimostrare la sua forza all’indomani di una prestazione più importante: in uno spazio di 22,4 chilometri, il danese ha spazzato via Pogačar (ritornato a 1’38”, cioè un vantaggio di 4 secondi e mezzo al minuto). chilometro) e schernito il resto del gruppo.

Dopo lo stupore, simile a quello che colpì gli Uomini in Giallo e Nero quando Bogar cambiò tutto a La Planche des Belles Filles nel 2020, la squadra degli Emirati ha provato a rimettere le cose a posto. Il fallimento di Luz potrebbe indicare che il loro eroe non era al meglio, dopo che i suoi preparativi furono interrotti dalle fratture del polso sinistro e della mano. Ma lo sloveno è riuscito a tenere lontano Wout van Aart (terzo) di oltre un minuto. “Bogar stava letteralmente volando,” Quella stessa sera si mormorava dello slovenismo. “La squadra era fiduciosa di essere in giallo oggi”.

Reazione: Supponiamo che siamo stanchi di perdere

Pogačar si riprese rapidamente con la vittoria su Le Markstein prima di dirigersi verso nuove vittorie dal nord al sud dell’Europa. Ma per i suoi leader e i donatori degli Emirati, la sconfitta fa sempre schifo. Il talento unico di Bogagar avrebbe dovuto brillare in tutto il mondo, ma sul palco degli Champs-Élysées sono due anni consecutivi che sono soggetti alla legge di Jonas Wengegaard e della sua squadra olandese, che si sta sviluppando sempre più da vicino. Rapporti concreti con il Regno dell’Arabia Saudita. “Diciamo solo che siamo stanchi di perdere.” Ripetiamolo dal lato degli Emirati.

READ  Tour de France: Nairo Quintana è risultato positivo al tramadolo e squalificato dal Tour de France

A partire dall’estate, si sta formando una “super squadra” per il Tour 2024 con Adam Yates, Joao Almeida e Juan Ayuso per supportare Bujar. Marc Soler è stato subito nelle carte, dopo aver ritirato Pogacar nella salita di Luz. Il cast è stato rapidamente completato da Pavel Sivakov, Tim Wellens e Nils Bullitt. Tutto è stato annunciato a dicembre, quando Pogačar ha rivelato le sue ambizioni per il Giro, che ha confermato non avrebbero ostacolato il suo progresso verso il Tour. Sei mesi dopo fece il giro della Rosa e tutti i suoi assistenti (nessuno dei quali aveva partecipato al Giro) erano presenti all’incontro programmato per loro.

“Yeats è il mio braccio destro.” Lo ha spiegato Pogačar nel podcast di Geraint Thomas. “Ayuso e Almeida saranno grandi servitori in montagna Soler e Sivakov sono i grandi in montagna e potranno aiutare anche in pianura, e poi abbiamo Wellens e Polite. Reazione di Thomas, che ha avuto la sua parte di flotte con Sky e Ineos: “Oh mio Dio, è un commando di assassini!”

E ora: La Grande Aggressione?

Lunedì Pogačar e i suoi sono scesi dalla tappa Isola 2000, che presto potrebbero includere (la 19a tappa, a 2.024 metri di altitudine, è l’undicesimo arrivo più alto nella storia del Tour) e dove hanno dato gli ultimi ritocchi sulle loro articolazioni. preparare. Chiaramente non venivano a Firenze per ammirare le innumerevoli meraviglie del Rinascimento italiano. Sono pieni di ambizione e fiducia, come riassume il leader: “Non vediamo l’ora di iniziare e speriamo di lottare per la vittoria e di dare vita a un grande spettacolo”.

La competizione è molto più dura rispetto all’ultimo Giro, poiché Bujar non ha dovuto sforzarsi troppo. Come a maggio, anche la guardia di luglio di Buggy vuole colpire il più velocemente possibile, con una partenza particolarmente forte sulle strade italiane. Il percorso è rivolto allo sloveno, che comunque eccelle su quasi tutti i terreni. Questa dinamica è incessantemente favorevole agli Emirati Arabi Uniti, che hanno appena schiacciato il Tour de Suisse e ora hanno 48 vittorie nel 2024 (Lidl-Trek segue con 30).

READ  E improvvisamente, Anderlecht è diventato di nuovo il "nemico del popolo" ...

Pogačar ha soprattutto tutto l’interesse a consolidare al più presto il suo potere, per meglio soffocare eventuali tendenze oppositive, a cominciare da quelle che Vingegaard ha condannato ad aumentare il potere nel corso della tournée. Dopo tre mesi di non competizione, il danese spera di ritrovare le sue migliori capacità sulle ultime grandi salite. Ma che posizione avrà a quel punto contro Bujar? Remco Evenepoel (Soudal Quick-Step) potrebbe aver fornito una risposta mercoledì: “Mi aspetto che Tadej sia quasi inaccessibile.”