Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il risveglio della linea di faglia dopo 800 anni sarà all’origine

Il risveglio della linea di faglia dopo 800 anni sarà all’origine

⇧ [VIDÉO] Potrebbero piacerti anche questi contenuti dei partner

Si ritiene che la serie di violente eruzioni vulcaniche che si verificano attualmente vicino a Grindavik in Islanda siano dovute al “risveglio” di una linea di faglia che è rimasta dormiente per quasi 800 anni e si trova appena sotto la penisola di Reykjanes. Gli esperti affermano che ciò potrebbe continuare a generare attività vulcanica, che potrebbe diventare più imprevedibile nel corso degli anni, minacciando addirittura di inghiottire la piccola città di pescatori e le infrastrutture della zona.

Dall'anno scorso, una serie di violente eruzioni vulcaniche si sono verificate nella penisola di Reykjanes, vicino alla città di Grindavik in Islanda. Il primo è iniziato la sera del 18 dicembre 2023, sulla cresta del cratere Sondnokur, a nord della città. La serie di eruzioni è stata descritta come la più intensa avvenuta sulla penisola dal 2021, emettendo grandi quantità di cenere vulcanica, attraverso pennacchi alti fino a 100 metri e diffondendosi per decine di chilometri.

Queste eruzioni sono state precedute da un'intensa attività sismica (fino a magnitudo 5,3) iniziata nell'ottobre 2023. Questi tremori hanno generato una fuoriuscita di magma che si è inizialmente estesa per una lunghezza di circa quindici chilometri e una profondità di 800 metri. Sebbene i terremoti siano molto comuni nel paese, a causa della sua posizione in cima alla catena montuosa del Medio Atlantico, si ritiene che l'ultima serie di scosse sismiche sia stata insolitamente grave.

La maglietta che respira:
Mostra un forte messaggio sul clima 🌍

L'eruzione vulcanica di domenica scorsa è stata la quinta in meno di tre anni nella penisola di Reykjanes. Quest'ultima eruzione è stata causata da una nuova faglia eruttiva e minaccia di inghiottire Grindavik con colate di lava. Quando raggiunsero la città, i flussi avevano già distrutto molte case. Quest'ultima eruzione, così come le precedenti, sono state annunciate da un'attività sismica molto ridotta e i ricercatori stimano che le infiltrazioni di magma siano ora molto vicine alla superficie. Questa infiltrazione sarà facilitata anche dallo spessore della crosta che supera la linea di faglia sotto il paese.

READ  Un gruppo di medici che si occupano di dipendenze chiede al governo di sostenere il “Gennaio secco”

Ieri si sono osservati chiari segnali di disordini nelle terre a nord di Grindavik. Secondo l'agenzia meteorologica locale, le misurazioni lo indicano Il ritmo della rivolta è aumentato dal 14 gennaio. I dati GPS hanno mostrato anche la deformazione del terreno, indicando che il rischio di valanghe rimane elevato. La valutazione complessiva del rischio a livello cittadino è ora passata al rosso (livello più alto).

La carta di valutazione dei rischi ha validità dal 19 al 25 gennaio (salvo importanti novità). © Ufficio meteorologico islandese

Le future esplosioni sono più imprevedibili che mai

Un esperto ha detto all’AFP che questa serie improvvisa e intensa di attività sarebbe un segno della riattivazione di una linea di faglia rimasta dormiente per molto tempo. Erano secoli, infatti, che la regione non era stata testimone di attività così intense e frequenti. Dopo 800 anni di cessazione dell’attività di superficie, il Paese entrerà in una nuova fase di separazione delle placche, che potrebbe durare diversi anni o addirittura decenni.

Questo risveglio minaccia di eruzioni vulcaniche più imprevedibili nei prossimi anni. Ci sarà anche il rischio di un’eruzione vulcanica sottomarina, che potrebbe provocare violente esplosioni che disperderanno grandi quantità di cenere nell’atmosfera. Inoltre, l’Agenzia meteorologica islandese ha affermato che il flusso di magma che ha raggiunto Grindavik potrebbe contribuire esso stesso alla formazione di nuove fessure.

Anche se la quantità di lava che emerge in superficie (a causa della riattivazione della faglia) potrebbe non essere così elevata, la posizione di questa linea di faglia renderebbe sicuramente l'evento pericoloso. Infatti, non solo Grindavik potrebbe essere inghiottita dalle colate laviche, ma anche la centrale geotermica di Svartsinje (la cittadina vicina) rischia di essere distrutta. Quest'ultima fornisce acqua ed elettricità a circa 30.000 persone residenti nella penisola di Reykjanes, ovvero a circa l'8% della popolazione del Paese.

Anche il popolare Blue Lagoon Hotel and Resort è stato costretto a chiudere temporaneamente i battenti. Ciò suggerisce che future eruzioni potrebbero avere gravi conseguenze per l’economia locale. Si ritiene che Grindavik, d'altro canto, sia stata costruita interamente su antiche colate laviche, sollevando dubbi sul fatto che sia stata creata lì.