Agosto 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I tedeschi sono preoccupati per i loro dati sanitari

Il suo nome è Luca. Il nome di una persona rassicurata. Può essere visto iscritto all’ingresso di ristoranti e bar in Germania. Più di 35 milioni di persone utilizzano i suoi servizi in questo paese di 83 milioni di persone. Ma l’app di monitoraggio più scaricata dall’altra parte del Reno, che dovrebbe registrare i clienti e garantire la protezione dei loro dati, ha attraversato una grave crisi di fiducia da quando è stata utilizzata per scopi di polizia.

Sebbene la legge

Il caso appena emerso risale al 29 novembre 2021: un uomo ha subito una caduta mortale mentre usciva da un ristorante a Mainz, nell’ovest del Paese. Per trovare potenziali testimoni, la polizia locale ha deciso di utilizzare l’app. In linea di principio, solo i servizi sanitari possono accedere ai dati personali. Tuttavia, la polizia si è rivolta a lui chiedendo a qualcuno di fingere che ci fosse un caso positivo in questo ristorante.

→ analisi. COVID-19: conformità al vaccino messa in discussione in Germania

“La questione attuale è grave perché il divieto legale di utilizzare i dati di tracciamento dei contatti per scopi di polizia è sancito in modo chiaro e inequivocabile nella legge sul contagio”., che regola la risposta tedesca all’epidemia di Covid, stimata martedì 11 gennaio dall’Economic Daily Handelsblatt Stefan Brink, Commissario per la protezione dei dati nel Baden-Württemberg.

Registro vaccinale in discussione

Lo scandalo non aiuta l’esame da parte del Bundestag del disegno di legge sulla vaccinazione obbligatoria. Un’implicazione tecnica di questo nuovo quadro legislativo è la creazione di un record digitale specifico per riferimento in caso di audit, come in Austria. “Questo esacerba i timori che erano già presenti, consolidati, ma sono gradualmente svaniti nel corso della pandemia, di fronte alla responsabilità di proteggersi a vicenda”., commenta la storica Helen Mayard Delacroix, professoressa alla Sorbona, specializzata in Germania contemporanea e relazioni franco-tedesche.

READ  le parcours natura retrouve la santé

I tedeschi svilupparono un’ipersensibilità costantemente attiva, rispetto ai loro spazi privati. Lo shock risale alla dittatura nazista, che aspirava a conquistare l’intero individuo. In Oriente, il monitoraggio aggiuntivo dei servizi di sicurezza della Stasi – compreso lo stato di salute – ha lasciato un’impronta duratura nella mente delle persone. E in Occidente, durante i primi anni, le disposizioni antiterrorismo hanno sollevato timori per il ritorno dello stato di polizia. A questo si aggiunge il lavoro di ascolto dell’alleato americano, che ha più volte fatto notizia in Germania.

La Germania è un paese di arretratezza digitale

C’è sfiducia anche all’interno dell’SPD. Così, il ministro federale della salute, il socialdemocratico Karl Lauterbach, ha respinto il principio del record di vaccinazione digitale, che è stato difeso dal Consiglio etico tedesco. Da parte sua, il presidente del Bundestag, Purple Pass, sostiene la creazione di un elenco centrale. All’opposizione, a sinistra, l’esperta di salute Katherine Vogler chiede controlli casuali.

→ spiegazione. Health Pass: i nostri dati personali sono al sicuro?

Il ritorno delle preoccupazioni sulla protezione dei dati potrebbe vanificare i piani del governo di Olaf Schultz. “Questo caso corre il rischio di entrare in conflitto con le ambizioni di digitalizzazione dei dati del Paese, che in quest’area devono recuperare terreno”., dice Helen Mayer Delacroix. In un contratto di coalizione, il ramo esecutivo mira effettivamente a “Completa digitalizzazione della gestione” a “Semplifica la vita ai cittadini”. È ancora necessario farlo senza risvegliare i ricordi più dolorosi del passato ancora vivo.