Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Google paga ad Apple 18,20 miliardi di dollari all’anno per mantenere il suo motore di ricerca nell’iPhone

Google è presente in quasi tutti i campi: smartphone, streaming, intelligenza artificiale, ecc. Se è online, il marchio principale di Alphabet ha qualcosa a che fare con questo. Anche di fronte a concorrenti come l’iPhone di Apple, Google paga molto denaro per il suo motore di ricerca.

Nel contesto del caso antitrust tra Google, diverse fonti indicano l’esistenza di un accordo sui servizi di informazione (ISA) tra le due parti. Gli analisti di Bernstein stimano che Google stia pagando ad Apple tra i 18 e i 20 miliardi di dollari per rimanere il “motore di ricerca dominante” sugli iPhone. Si tratta della stessa somma che valgono aziende come Roblox, Philips e Zoom nelle attuali classifiche di capitalizzazione di mercato delle aziende.

Android Authority stima che l’accordo valga 19,5 miliardi di dollari. Google tratterrà il 22% delle sue entrate pubblicitarie per attirare nuovo traffico. Il 40% di tale importo (o l’8,8% delle entrate pubblicitarie totali di Google) finisce nelle tasche di Apple. Considerando che Google ha raccolto 222,47 miliardi di dollari nel 2022, la cifra finale è in cima alle stime di Bernstein. Rappresenta inoltre tra il 14 e il 16% dei profitti annuali di Apple.

Ma il Ministro della Giustizia durante il processo ha indicato che questa cifra era più vicina ai 10 miliardi di dollari. Sebbene si tratti di una stima bassa, l’agenzia governativa continua a lavorare duramente sulla sfida della ricerca. Gli esperti ritengono che ci sia una forte possibilità che il ministro della Giustizia rescinda l’accordo, considerandolo anticoncorrenziale. Se così fosse, ciò consentirebbe ad Apple di collaborare con altri provider di ricerca alle stesse condizioni, come Microsoft Bing.

READ  Fine della suspense, Samsung presenterà la diapositiva giusto in tempo per il Galaxy S22

L’ideale sarebbe dare all’utente la scelta fin dall’inizio dell’iPhone, ma i soldi parlano. Chiunque possa permettersi il lusso di essere il provider di ricerca predefinito su iOS dovrà sicuramente pagare un bel soldo, dal momento che Apple da sola genera 60 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie. Ma non esultiamo troppo frettolosamente: il processo non è ancora finito.

fonte : Bernstein

E tu?

Cosa ne pensi?

Secondo te questa pratica di Google è anticoncorrenziale?

Guarda anche

Apple ha preso in considerazione l’idea di abbandonare Google in favore di DuckDuckGo nella modalità di navigazione privata di Safari, ma un dirigente Apple ha sostenuto che DuckDuckGo non era così privato come si pensava in precedenza

Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Google paga 10 miliardi di dollari all’anno per mantenere il suo monopolio

Gli analisti di Bernstein affermano che Google pagherà ad Apple 15 miliardi di dollari per rimanere il motore di ricerca predefinito di Safari nel 2021