Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dallo spazio, un appello per il pianeta di Thomas Pesquet

Inserito lunedì 31 ottobre 2022 – 09:54

Dallo spazio, la Terra gli sembrava una fragile “isola della vita”: durante la sua seconda missione in orbita, Thomas Pesquet ha immortalato nuove vedute mozzafiato di un pianeta il cui stato di declino era balzato verso di lui.

L’astronauta francese, sbarcato dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) un anno fa, racconta la sua testimonianza unica con una selezione dei suoi scatti più belli: 300 scatti raccolti in un bellissimo libro “The Earth in Our Hands” in uscita mercoledì nelle edizioni Flammarion, il cui ricavato sarà devoluto a Restos du Coeur.

Scrive nel preambolo di aver “scattato la fotografia” durante la sua prima missione spaziale (2016-2017) e racconta come durante la sua seconda (“Alpha”, aprile-novembre 2021) abbia smesso di fotografare il pianeta. . Questa volta trasmettendo la sua passione ai suoi compagni di viaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale.

“All’inizio sono stato un fotografo domenica per un po’, poi mi è piaciuto molto”, ha detto Thomas Pesquet all’AFP. “Quando arriviamo alla stazione, abbiamo il riflesso dello smartphone: vediamo qualcosa di meraviglioso, lo immortaliamo… ma velocemente affrontiamo dei limiti se vogliamo scattare foto di notte, ad esempio, per catturare bersagli precisi con bersagli , ecc. È difficile perché tutto Manuale”.

A bordo sono a disposizione degli astronauti decine di telecamere, alcune installate stabilmente nella cupola, la famosa finestra di osservazione panoramica della Stazione Spaziale Internazionale, o nel laboratorio statunitense, un lucernario che punta verticalmente verso la Terra.

Ne prese circa 245.000, durante le sue poche ore libere quotidiane. “Manca tanto ma nel giro di sei mesi c’è una vera e propria curva di progressione”. Mari, fiumi, isole, deserti, montagne, tramonti e albe: di fronte alla bellezza della Terra, le “meraviglie” dell’astronauta sono sempre esistite.

READ  La trama: secondo uno studio, un francese su due crede che non ci si possa fidare degli scienziati

“Il pianeta è così vasto e vario che non ti sembra di averlo visto tutto. Anche dopo 400 giorni in orbita, ci sono ancora cose che mi sorprendono, luoghi che non ho visto”. Ad una velocità di 28.000 km/h, passare per la stazione significa “non attraversiamo le stesse zone alle stesse ore del giorno”.

La grande novità? L’aurora boreale, un po’ bluastra, con sua grande sorpresa: momenti sottili ma questa volta è stato in grado di catturarli grazie al suo compagno di squadra americano Shane Kimbra: come un osservatore, l’ha visto provenire dalla sua “camera da letto, dandoci il tempo di configurare la nostra dispositivi”.

– ‘Scena malvagia’ –

Da questo libro illustrato In Love of the Earth, Thomas Peskett condivide anche immagini che “odiamo vedere”, per mettere in guardia dalla loro fragilità: lo “spettacolo minaccioso” di uragani, tornado e incendi che hanno scosso il pianeta in 200 giorni. in orbita. A cui hanno partecipato “incompetenti”.

“Quello che mi ha sorpreso di più sono stati gli incendi. Potevamo vedere le fiamme, il fumo molto chiaramente, a dimensioni impressionanti”, dando l’impressione della “fine del mondo”.

“Come nei film”, ha visto intere regioni sommerse: l’Europa meridionale, la Columbia Britannica e la pianura della California “a poco a poco divorate da una coltre di fumo” …

“La differenza in quattro anni l’ho vista. La mia prima missione è avvenuta in inverno e la seconda in estate, quindi è normale che ci siano più incendi ma in generale sono arrivato a fenomeni più violenti, ” Egli ha detto.

L’astronauta ha scritto questo apparente rafforzamento degli estremi climatici, “che sappiamo essere legati ai cambiamenti climatici, mi hanno convinto che non abbiamo fatto abbastanza per proteggere il nostro pianeta”.

READ  Quest'anno non ti congelare per i Cavalieri del Ghiaccio

Senza la scienza – esperti di clima, misurazioni degli effetti dell’interruzione grazie ai satelliti – “saremmo persi di fronte all’enormità dei problemi”, afferma.

“Non è troppo tardi, ma più aspettiamo… ma purtroppo abbiamo l’impressione che tutti si guardino come un cane di maiolica: ogni anno diciamo + ora è il momento di agire + ed è lo stesso anno dopodiché, facciamo solo piccole imprese senza che il suo forte impatto complessivo” sull’ambiente, si lamenta.