Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come è tornato il calcio italiano sul tetto d’Europa?

Come è tornato il calcio italiano sul tetto d’Europa?

Che campagna europea per i club di Serie A… Cinque delle sette squadre che hanno preso parte alle tre competizioni continentali all’inizio della stagione si sono comunque qualificate in vista delle semifinali. Ma come spiegare il ritorno del campionato italiano alla ribalta della scena europea?

Victor Osimhen, Gwicha Kvaratskelia

L’SSC Napoli è uno dei duetti più decisivi in ​​Europa. / Nicolò Campo/Getty Images

Nel corso degli anni, i migliori club italiani hanno faticato a convincere le vere star. In Italia il protagonista Soldati di un’altra dimensione. Coloro che possono cambiare il corso della competizione con un’azione. Ora, è difficile non menzionarne molti in tutta La Botte.

L’SSC Napoli può contare sulla coppia Osimhen-Kvaratskhelia. A Milano, includono Mike Mignon o Rafael Leo Rossoneri E Niccolò Barella o Marcelo Prosovic ches les Neresuri. Non mancano la Juventus con Federico Chisa e la Lazio Roma con Sergej Milinkovic-Savic.

In altre parole, ogni potenza italiana ha ormai quei giocatori che possono fare la differenza in ogni momento. Fa la differenza su scala europea. Le squadre di Serie A possono tenere testa a quasi chiunque in queste partite.

L'Inter ha messo fine al predominio della Juventus in Serie A.

Inter di serie A

Dal 2012 al 2020, la Serie A chiaramente non è il campionato da seguire per chi vuole vedere sorprese al vertice. La Juventus ha vinto nove scudetti di fila. Tuttavia, dal 2021 in poi, è molto stretto sulla scena nazionale. Dopo essere stato incoronato Inter (2021), è il Milan a tornare ai vertici della Serie A (2022).

Ora, l’SSC Napoli deve vincere questa edizione 2023 il prima possibile. Tre diversi vincitori in tre stagioni! Dopotutto, a La Botte è stato creato un vero Big 7. Alle spalle delle due squadre Milan, Juventus e Napoli, Roma e Atalanta Bergamo sono ormai abituate a giocare ruoli da protagonisti.

Non è probabile che cambi presto. Se la corsa al titolo sembra già conclusa in questa stagione, la lotta per i primi 4 posti sarà più allettante che mai. Sono appena sette i punti tra l’AS Roma, quarta in classifica, e l’Atalanta Bergamo, settima. Un carattere agonistico così forte fa ancora una volta piacere alle squadre italiane.

Lorenzo Pellegrini

L’AS Roma ha vinto la prima edizione dell’Europa Conference League. /Sylvia Lore/Getty Images

In alcuni paesi, solo la Champions League attrae davvero i club. Non è questa la piega che ha preso l’Italia! In questa stagione, tutte le competizioni europee hanno club di Serie A. Avendo già vinto la prima edizione di Europa Conference League nel 2022, la Roma non si è arresa in C3.

READ  Giorgio Cilini, inno per la gioia del giocatore italiano

Il club del Louve è ancora nelle ultime quattro di questa Europa League. E non è l’unico, visto che in questo turno giocherà anche la Juventus. E per non parlare del comportamento carino Bianconeri. Con il vantaggio della Champions League, potrebbero aver deciso di rallentare. Infine, la vecchia signora sembra aver reso questo C3 un vero bersaglio.

Per finire, l’Italia può mantenere il suo titolo in C4. Infatti, senza troppi clamori, la Fiorentina è ancora in semifinale di Europa Conference League. I viola sono i favoriti in questo match contro West Ham, AZ Alkmaar e FC Basel. A parte la Lazio Roma, che ha deluso in Europa, i club di Serie A sono riusciti a fare bella figura.

Milan-SSC Napoli: Quarti di Finale Andata - UEFA Champions League

I tifosi rossoneri hanno messo in scena un’impressionante sconfitta nell’andata dei quarti di finale di C1. / Marco Luzani / Getty Images

E gli ottimi risultati delle squadre italiane hanno fatto sorridere tutti i tifosi. Quando tutto va bene, l’atmosfera a La Botte è mozzafiato. Dall’inizio della Champions League, curva sud des Rossoneri e Curva Nord Des Neresuri Rendi San Siro una delle situazioni più folli di tutta Europa.

Con sorpresa dell’intera regina delle competizioni europee, il Napoli è riuscito ad affidarsi al proprio dodicesimo uomo. Molto popolare ora “Campioni” Il Vesuvio non è lontano dal sorgere alla fine di C1 Anthem…

Senza dimenticare l’inno della Roma che è nella mente di tutti nelle serate di Europa League quando tutti cantano A cappella di Fossi. Un dettaglio che dimostra che l’Italia sta davvero tornando…

Fabio Miretti, Niccolò Fagioli

La Juventus ha del talento in rosa. / Jonathan Mascrob/Getty Images

L’Italia è spesso criticata per non fidarsi dei giovani talenti. E la situazione sembra essere migliorata in Serie A. La Juventus è l’esempio perfetto! L’anziana signora non ha esitato a dare a Fabio Miretti (19 anni), Nicolo Fagioli (22 anni) o Madias Sole (20 anni) un posto chiave nella rotazione.

Difficile anche non citare l’Atalanta Bergamo. Nel suo turno, Si affida a Giorgio Scalvini (19), Matteo Ruggeri (20) e soprattutto Rasmus Hojlund (20). I club di Serie A non hanno più paura di far entrare in campo giocatori più giovani e sembra che ci stiano riuscendo.

READ  Impara le espressioni legate al corpo in italiano

La provenienza del Milan per iniziare un nuovo ciclo con una manciata di giovani calciatori. Pierre Kalulu, Sandro Tonali, Ismaël Bennacer o Rafael Leao sono riusciti a progredire negli ultimi anni Rossoneri Per il titolo di campione nel 2022.

Raffaello Leo, Milan Scrinier

Entrambe le squadre milanesi sono in semifinale di C1. / Chris Ricco / Getty Images

Per molto tempo Milan e Inter sono stati lontani dai loro standard. Il più giovane non lo sa, ma queste due squadre brillano da tempo in Europa. In Italia due club vincenti in Champions League. Il Milan aveva sette corone e l’Inter tre.

A segno che le due rivali si incontreranno nelle semifinali di questa C1, il Derby della Madonina è più che mai atteso. Tuttavia, non erano nemmeno tra le prime 4 della Serie A fino alla 31a giornata. Dimostra la luce del Milan nella regina delle competizioni europee.

C1 In serata la luce del Milan gli permetterebbe di spostare le montagne. Hanno dimostrato bene che i numeri stellari non bastano per andare lontano in Champions League. La storia, l’azienda, la maglia, lo stemma… ti porteranno lontano. È solo positivo per il campionato italiano.

FBL-ITA-CUP-JUVENTUS-AC MILAN-Salute-Virus

La Juventus è il primo Quadro italiano a possedere il proprio stadio. /Miguel Medina/Getty Images

Il terreno non è l’unico dato da tenere in considerazione ora! Gli appassionati di calcio sanno che anche i soldi contano. Per rimanere ai massimi livelli e non perdere i loro migliori giocatori ogni estate, i club devono trovare il modo di continuare a realizzare profitti.

La Juventus ha dato un esempio da seguire diventando proprietaria del suo stadio: l’Allianz Stadium. Una situazione che permette all’anziana donna una situazione economica più affidabile rispetto ad altri capi.

Altre squadre vogliono seguire l’esempio. È il caso di Milan, Inter e Roma. Un passo molto importante nell’evoluzione del calcio italiano. Gli introiti generati saranno davvero impressionanti e permetteranno a questi club di essere di altissimo livello!

Alessio Romagnoli

La Lazio è riuscita a rafforzarsi senza spendere una fortuna per la Roma. /Emilio Andreoli/Getty Images

Sebbene la maggior parte dei leader italiani abbia dovuto fare i passi avanti per anni, è stata in grado di avanzare in termini di assunzioni. Come in una squadra come l’Atalanta Bergamo, ogni visita è ben pensata per permettere al suo programma di andare avanti.

READ  Castelginest. Piano completo per il "Villaggio Italiano".

E di scene belle in Serie A ce ne sono tante. Ne abbiamo già parlato, ma Fiutato il tiro perfetto con Rasmus Hojlund, che in pochi mesi ha già raddoppiato il suo valore.

Alcuni club non tagliano le regole. Con Federico Chisa e Dusan Vilahovic la Juventus è riuscita a prendersi il libretto degli assegni regalandosi due dei migliori giocatori della Serie A, non uno qualsiasi.

Su tutt’altro registro, la Lazio Roma potrebbe rafforzarsi a un costo inferiore con Alessio Romagnoli, Niccolò Casale o Madias Vecino. Continuando a fare bene, le squadre di Serie A rischiano di continuare a progredire.

Roberto Lewandowski

La Liga non può più contare sull’FC Barcelona in Europa. / Eric Alonso / Getty Images

Infine, è importante menzionare altri campionati europei. I seguaci della Serie A diranno che è stato chiaramente sottovalutato nel corso degli anni. Tuttavia, le squadre italiane hanno goduto di una lunga assenza in Europa prima che l’AS Roma vincesse la Europe Conference League. Basta tornare al 2010 e al trionfo dell’Inter in C1 per rievocare l’ultimo titolo europeo del club italiano.

Tuttavia, la Serie A potrebbe aver recuperato terreno. Ancora in testa alla Premier League. Nella Liga, il Real Madrid in Champions League e il Sevilla FC in Europa League continuano a dominare. Ma dietro, invece, è più complicato, con il Barcellona lontano dai suoi standard, mentre anche la Bundesliga sembra regredire.

Col senno di poi, è improbabile che i campionati minori si avvicinino presto. Mentre l’Eredivisie o la Liga Portugal hanno conosciuto solo una manciata di exploit, il calcio francese non vale nemmeno la pena di parlarne perché i risultati europei sono stati deludenti. Quindi, la Serie A è tornata definitivamente ai vertici del calcio europeo? Avremo la prima risposta già tra qualche settimana…

Top 90 è uno spettacolo YouTube di 90 minuti in cui discutiamo di calcio sotto forma di top list! In questo nuovo capitolo, Alessio Amsellum, Davy Diamante E Quentin Gancio Valuta le opinioni sul calcio di ChatGPT! Iscriviti al nostro canale Youtube!