Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Apple spiega perché non consente gli emulatori PC su iOS. Quasi

Dipartimento di controllo internoDopo essere stata attaccata dall’antitrust negli Stati Uniti e costretta a rispettare le regole DMA nell’Unione Europea, quest’anno Apple è stata costretta a fare alcune concessioni. Lo abbiamo visto negli ultimi mesi, con l’apertura degli emulatori per le console più vecchie e l’arrivo di sempre più marketplace di terze parti che consentono l’installazione di app al di fuori dell’App Store. Ma anche se questa è una buona notizia, non commettere errori: Apple sta ancora decidendo cosa può e non può essere rilasciato, e gli emulatori di PC non rientrano in quella categoria. Ma come è possibile? La pubblicazione su un marketplace di terze parti non dovrebbe eliminare la necessità della supervisione di Apple? No, Apple stabilisce ancora le regole su cosa dovrebbe essere installato sugli iPhone. E non stiamo parlando della tariffa tecnologica sottostante, che implica dover pagare ad Apple 0,50 euro per ogni installazione di app non App Store che supera 1 milione di download. Stiamo discutendo se possiamo pubblicarlo o meno. Questo perché ogni app per iPhone deve seguire delle regole, chiamate Linee guida per la revisione delle app. Con l’introduzione dei marketplace di terze parti, Apple ha introdotto le sue Linee guida per la revisione della notarizzazione, regole che consentono di ottenere un tipo di approvazione chiamata notarizzazione. Queste ultime norme sono meno stringenti delle prime, ma costituiscono comunque dei vincoli abbastanza stringenti.

Veniamo ai casi specifici. Alcune settimane fa abbiamo segnalato un emulatore UTM SE che secondo Apple non rispettava la regola 4.7 delle linee guida Apple. Il problema è che la regola 4.7 non si applica alle linee guida per l’ispezione della documentazione. Ora, UTM ha aggiornato gli utenti, poiché Apple li ha contattati e “ha chiarito che la legalizzazione è stata respinta ai sensi della regola 2.5.2”. Secondo questa regola, che in realtà si applica alle Linee guida per la revisione della documentazione, le app non possono eseguire codice che “fornisce o modifica caratteristiche o funzionalità dell’app, incluse altre app”. Apple spiega quindi che la regola “4.7 è un’eccezione che si applica solo alle app dell’App Store (ma UTM SE non è idonea per esse)”. Il che quasi conferma quanto spiegato qualche riga fa, anche se non era quello annunciato inizialmente da Apple. Pertanto, per Apple, gli emulatori di PC non possono essere pubblicati nemmeno nei mercati di terze parti perché violano la regola 2.5.2, che si applica a tutte le applicazioni, sia nell’App Store che in altri negozi. Bene, diamo un’occhiata a un altro caso. Chaoji Li ha provato a lanciare iDOS 3, una nuova versione del popolare emulatore DOS, nell’App Store, ma è stato rifiutato. In questo caso, è stato detto che violava la regola 4.7 perché l’app fornisce funzionalità di emulazione, ma non emula specificamente una vecchia console di gioco. Il problema è che quando lo sviluppatore ha chiesto quali modifiche avrebbero dovuto apportare per essere compatibili, “non ne avevano idea”, mi ha assicurato in un post sul blog, “né quando ho chiesto che vecchia console di gioco fosse.
Lo sviluppatore ha concluso il post dicendo che il motivo sembra essere che “lo sappiamo quando lo vediamo”. Non sappiamo se Li abbia intenzione di rilasciare il suo emulatore anche su mercati di terze parti (sarà interessante vedere la risposta). ), ma è chiaro che anche se aprono più negozi, gli sviluppatori devono sottomettersi alle decisioni dell’azienda di Cupertino.

READ  Crew-6 è arrivato alla Stazione Spaziale Internazionale