Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tour de France | Christian Prudhomme: “Potrebbe essere una lotta terribile fin dal primo giorno”

Tour de France |  Christian Prudhomme: “Potrebbe essere una lotta terribile fin dal primo giorno”

Christian Prudhomme, il Tour de France è partito 25 volte dall’estero ma mai dall’Italia, paese vicino e nazione storica. Vi sembra incredibile?

Christian Prudhomme. : Sembra davvero una follia e un po’ incomprensibile visto che l’Italia è un grandissimo Paese nel ciclismo e ha dei campioni straordinari. Il 2024 è stata una vera opportunità per noi. Sapevamo che le Olimpiadi di Parigi non sarebbero state un grande inizio in Francia per ovvi motivi di disponibilità delle forze dell’ordine. È il centenario della prima vittoria del cavaliere italiano Ottavio Botticchia. Le tappe sono state disegnate rispetto alla storia dei campioni d’Italia, il che significa che sono più lunghe di quanto immaginassimo.

A livello sportivo l’edizione 2024 presenta la migliore formazione in quando?

CP: Non lo so, ma è un gruppo eccezionale. Avere i quattro giocatori (Pogacar, Vingegaard, Evenepoel e Roglic) in quattro squadre diverse è un elemento chiave dell’animazione. Poi il tour crea stelle e ne fa emergere altre. Firenze-Rimini, 3.700 metri di dislivello, valico dell’Appennino… potrebbero esserci combattimenti terribili fin dal primo giorno.

D’altra parte, c’è un candidato assente alla vittoria da parte francese?

CP: Siamo alla fine di una generazione. Thibaut Pinault è andato via e Romain Bardet ha più tempo di lui. Non deve ancora emergere nulla di completamente nuovo, anche se ci sono molte promesse in arrivo con Romain Gregoire, Kevin Vaukelin o Lenny Martinez. La primavera mi ha dato davvero speranza, dato che i corridori francesi hanno avuto ottime prestazioni ad Amstel, Flèche e Liegi. Ma questo non è stato confermato nel Delfinato.

CP: Naturalmente lo sogniamo ed è stato fatto di tutto per questo. Non possiamo sostituire Parigi in questo modo. Il Théâtre des Champs-Élysées rimane uno dei più visti a livello internazionale. C’era bisogno non solo di una piazza luminosa come Nizza, ma anche di un lato sportivo più forte di Parigi, dove non si lottava più per la classifica generale. Saremo lì in un ambiente unico, tra mare e montagna, con un orario davvero molto selettivo.

Da Firenze a Nizza: il percorso completo del Tour de France 2024

L’ultimo round è stato segnato da incidenti motociclistici. Sono state prese delle misure?

CP: Ci saranno meno moto per i commissari e meno moto per la stampa. Ci saranno anche più barriere e triplicheremo la corda. Abbiamo lavorato per ringiovanire la popolazione. Oggi, la seconda fascia d’età più numerosa che guarda il Tour de France in televisione è quella compresa tra i 15 ei 34 anni. Ma sono più entusiasti di persone diremo con più esperienza. È una cosa grandiosa e anche il prezzo del successo.

Queste barriere eliminano la vicinanza ai corridori?

CP: Sì, ma se facciamo un incidente diremo: Che cosa hai fatto? Non ci saranno barriere per il 95% dei 3.498 km del Tour 2024, ma nei luoghi in cui ciò conta dal punto di vista sportivo, saranno più protette rispetto agli anni precedenti. Le persone che amano il tour devono capirlo. Di solito, lo capiscono tutti per primi, perché sono i bravi ragazzi. Devono ancora capirlo alle 16:00, quando passano i concorrenti.

Il Covid è ancora argomento?