Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vivace polemica sul gruppo Quotidien: cosa è successo? “Non l’ho mai sperimentato in vita mia, è un peccato.”

I membri del coro descrivono una scena in cui i cantanti neri sarebbero stati confinati in un camerino durante un’esibizione, a differenza dei loro colleghi bianchi. “Durante le prove per la performance di Pierre, i braccialetti neri venivano distribuiti solo ai cantanti provenienti da ambienti immigrati, più specificamente donne e uomini neri.” scrive un netizen la cui serie di tweet è stata spostata privatamente. Lei continua: “Una volta finite le prove, uno dei membri della produzione Quotidiano Ha chiesto a tutti coloro che indossavano un braccialetto nero di alzare la mano. Ha chiesto loro di lasciare il gruppo per andare in una delle stanze. I cantanti non razziali sono rimasti nel gruppo. […] Durante l’intero spettacolo c’erano cantanti di colore tra il pubblico e quelli che non avevano braccialetti neri. Solo il coro colorato è stato autorizzato a cantare 2 minuti e 50 con Pierre. “Ero tra i coristi… il razzismo di cui soffrivamo? Non l’ho mai sperimentato in vita mia. Vergogna” Reagisce anche Cantante.

Altro Anche i dettagli La giornata trascorsa in gruppo. Inizia descrivendo la situazione “teso” Dietro le quinte dove era chiaro che i cantanti invitati ad aspettare nel camerino avevano difficoltà a passare “Vai in bagno, truccati.” O “Recuperando qualcosa da mangiare dalle loro cose”: “Poi siamo stati costretti a tornare in questa famosa stanza dove erano presenti tutti i braccialetti neri. Parliamo tra di noi e col tempo finiamo per capire che i neri indesiderati siamo noi persone’ sullo schermo e che appariremo.” Eravamo tutti lì a guardarci e a renderci conto che tutti quelli che indossavano il braccialetto nero erano una persona di colore. Tutte le sfumature del nero erano raggruppate nello stesso posto. tranne due che sono stati posizionati sul tabellone per non essere visti durante la trasmissione. Erano tutti neri sul set quindi è stato bloccato da un giornalista, oppure era nell’angolo dove è stato decapitato. hanno portato un nuovo pubblico bianco per sostituirci e noi, indossando il braccialetto nero, abbiamo dovuto unirci rapidamente a quella prima fila e sostituire il pubblico bianco “È stato solo durante lo spettacolo che quello che è successo è stato serio.” E altro ancora: “Non posso dirti la rabbia che provoca la consapevolezza che il nostro colore era offensivo, che i nostri lineamenti, il fisico, l’acconciatura e il colore della pelle erano inaccettabili, che dovevamo diluire tutto con il ‘bianco universale'”, porta.

READ  Lo storico ristorante gourmet chiude per sempre i battenti

“Star Ac de la politique”, “Pyjama Party”: quando Quotidien guida alcuni programmi politici belgi

“Una serie di malintesi”

Guardando lo spettacolo potrai notare il cambiamento nella composizione del pubblico alla sinistra del palco, dove si troverà il coro al momento del canto. Durante l’esibizione del cantante Il coro è formato prevalentemente da neri. In prima fila, in particolare, non ci sono altro che persone razziste, alcune delle quali sembrano indossare un braccialetto nero al polso. Prima che la canzone venga trasmessa, ad esempio durante l’intervista a Dominique de Villepin, queste persone sono assenti dal pubblico. Questo vale anche una volta terminata la performance di Pierre Garnier. Prima e dopo la canzone, il pubblico è composto in larga maggioranza da persone non razziali, che allora non si trovavano tra i cantanti. Tuttavia, contrariamente a quanto a volte si lascia intendere dalle varie testimonianze trasmesse dalle reti, non tutti i cantanti neri hanno lasciato il posto, e alcuni di loro si sono ritrovati addirittura in ultima fila.

Con CheckNews, il Quotidiano Si rammarica della situazione “deplorevole” E uno “Una serie di malintesi” Ma lui nega “Qualsiasi atto intenzionale” Razzismo, specificando: “Non possiamo immaginare per un momento che ai cantanti di supporto sia stato negato il permesso di rimanere sul set perché erano neri, ma se queste persone hanno avuto questa terribile sensazione, possiamo solo scusarci”. La produzione descrive anche in dettaglio il corso degli eventi: “Quando l’invito di Pierre Garnier è stato confermato, il direttore ha proposto la partecipazione di un centinaio di cantanti al coro. Ieri, durante le prove, c’erano un centinaio di cantanti sul posto. Abbiamo spiegato loro che non potevamo disinvitarli tutti membri del pubblico che avevano prenotato per assistere allo spettacolo – abbiamo potuto Una piccola parte è stata cancellata, ma non tutto, quindi una cinquantina di cantanti sono dovuti andare nel camerino, prima di tornare per registrare la canzone che i non fedeli liberassero i loro posti in tribuna. Ai cantanti venivano dati dei braccialetti che permettevano loro di spostarsi nel backstage. Ma la scelta di chi avrebbe ricevuto il braccialetto non è mai stata calcolata. In effetti, la maggior parte dei cantanti erano neri non sono stati mandati a vedere chi avrebbe trascorso del tempo nello spogliatoio. Secondo la produzione, sarebbe una coincidenza che la stragrande maggioranza delle persone relegate nello spogliatoio fossero nere, e che solo pochi razzisti siano rimasti sul palco, anche se questi costituiscono la maggioranza del coro.

READ  Jennifer Aniston "nuda davanti a me"

Yann Barthes, soprannominato “Arrogante”, risponde a un deputato a Quotidien (video)

“Un momento di ansia”

Inoltre, la produzione riconosce “In realtà è stato un momento di ansia perché erano passate diverse ore tra il momento delle prove e la registrazione quindi il problema principale era come gestire un centinaio di persone in così poco tempo, lavorando con il team di cantanti, la compagnia gospel,. la società che gestisce il pubblico e [la société de production] Panjomi. Dobbiamo pensare a come accogliere un centinaio di persone”.

Alla domanda, nessuno dei membri del coro che hanno parlato sui social media, né l’amministrazione del coro, hanno risposto. Uno di loro spiega che il direttore del coro e l’équipe del coro sono in contatto con loro QuotidianoAdesso era impossibile per loro dire di più. Io ho Controlla le notizieproduzione da Quotidiano Alla fine della mattinata, martedì 4 giugno, conferma il desiderio di contattare il gruppo Gospel per calmare la situazione.