Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Thomas Meunier gioca contro i suoi vicini, i Red Devils: “Spero di fare una doppietta per il mio amico Maurice”.

L’adesivo Luxo gli è attaccato e adora giocarci. Thomas Meunier (32 anni) viene dalla frontiera tra Belgio e Lussemburgo. Per il Diavolo di Saint-Ode, questo incontro amichevole con il prossimo è come una riunione.

Thomas, potevi finire dall’altra parte giocando nel Lussemburgo?

“Ho antenati lussemburghesi e posso ancora richiedere il passaporto. Non ho mai preso le misure necessarie per farlo.

Cosa rende speciale questa partita?

“Vivo alla frontiera e sono cresciuto andando spesso nel Granducato. La domenica pomeriggio ci siamo andati in famiglia perché era più facile che a Liegi o a Namur. Non direi che mi sento lussemburghese, ma questo lo apprezzo Allora è l’occasione. Incontrare volti noti come Anthony Morris, al quale sono vicino da diversi anni, le partite contro i vicini sono spesso speciali.

Thomas Meunier ha parlato prima degli Europei

Raccontaci della tua amicizia con Maurizio…

“Veniamo dalla stessa zona. Abbiamo iniziato insieme alle selezioni provinciali quando avevamo 10 anni. Anche i nostri genitori non ci siamo mai persi di vista e spero che l’umorismo sia stato molto presente su WhatsApp dargli una doppietta questo sabato per avere la precedenza su di lui per un po’ (Lui ride)“.

L’Unione lussemburghese ti ha contattato prima che diventassi un demone?

“No, mai. Spesso è il contrario. Questo approccio favorisce i giocatori che scelgono di esplorare il calcio internazionale. Non ho avuto bisogno di scegliere alcuna alternativa”.

Hai saltato la selezione per un anno e ora sei in corsa per il posto da titolare. Come lo provi?

“Ho ancora 12 anni, quindi mi godo questo momento, spero di vivere questo momento il più intensamente e il più a lungo possibile. A gennaio mi davo lo 0% di possibilità di essere selezionato e vivere 15 tornei con i Devils anche se non è “È possibile. Diciamo solo che non mi vedo a fermarmi. Spero di essere ancora sulla lista tra due anni”.

Nawras

Non è sempre facile contro Dooku, ma resisto.

E rispetto a Dooku, anche tu hai 12 anni?

READ  Remco Evenepoel ha ammesso l'ultimo tempo del Tour de France: "Aveva una bella sensazione"

(Crede) Potrei quasi essere suo padre (Nota del redattore: c’è solo una differenza di dieci anni tra i due.) È letteralmente ciò che definisce il sangue fresco. Nel gioco e nella mentalità. I ragazzi mi fanno quasi piangere dalle risate quando parliamo a tavola. Non fanno domande, sono fiduciosi e non esitano quando hanno la palla. Un uomo come Doku respira calcio. Sono felice di affrontarlo in allenamento perché è uno di quei giocatori che non si adatta al calcio moderno e che non rispetta tutte le regole. “Non è sempre facile da affrontare, ma ci tengo duro.”

Ti senti meno sotto pressione con la tua esperienza nei tornei più importanti?

“Assolutamente no. E’ sempre uguale. Si ricomincia ogni volta da zero. Bisogna dimostrarlo ogni giorno. Ci sono aspettative e competizione. È competitività a tutti i livelli. Proprio come negli affari, devi essere produttivo altrimenti non puoi” Verrò messo da parte fin dall’inizio.

Nawras

Ho giocato a centrocampo questa stagione.

Quale ruolo ti interessa di più in Nazionale?

“Con il Trabzonspor ho scoperto il ruolo di centrocampista difensivo in fase di possesso palla, mi è piaciuto molto. Mercoledì sono rimasto spesso a formare la tripla e ho lasciato Maxim (De Kuiper) Sale. “Posso partecipare al gioco offensivo se dominiamo”.


La storia dietro la foto a letto: “Mia moglie ha avuto questa idea mentre andava al Roland Garros”

Thomas Meunier ha fatto scalpore pubblicando una foto di se stesso a letto con le bandiere belga ed europea. Ha spiegato la storia dietro la foto. “Ho nominato mia moglie responsabile dei miei social mediaLui ride. E’ una sua idea. Ho ordinato le bandiere che fortunatamente sono arrivate velocemente. Eravamo a Parigi per andare al Roland Garros quando abbiamo scattato la foto. Volevo celebrare l’occasione, non solo postare una mia foto con la maglia dei Devils. I social media sono molto formali e volevo allontanarmene.

READ  Wout van Aert ha la prova che avrebbe potuto diventare campione del mondo gravel: “Ma è colpa mia...”