Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Sulla costa, il Belgio ha solo 80 anni di riserve di sabbia”.

“Sulla costa, il Belgio ha solo 80 anni di riserve di sabbia”.

Il Belgio è particolarmente preoccupato per il problema dell’estrazione della sabbia, per due elementi, secondo Arnoud Vander Velpen, analista dell’Unep. Innanzitutto è uno dei Paesi più attivi in ​​questo settore. “LIl Belgio è un player su scala globale: nel nostro Paese, ad esempio, hanno sede due delle più grandi società di dragaggio (Deme e Jan de Nul), con attorno società industriali e di consulenza, che hanno un grande peso nel mondo marino e delle costruzioni offshore . Questo settore belga ha molta esperienza, ma ovviamente ha anche una responsabilità in questo senso.

Pertanto, il Belgio è uno dei quattro paesi più grandi del pianeta in termini di flotta di navi da estrazione, insieme a Cina, Paesi Bassi e Stati Uniti. Navi delle compagnie di dragaggio belghe ““Il più avanzato del mondo”Infatti non è attivo solo nelle acque belghe ma”In tutto il mondo, da Singapore agli Stati Uniti, passando per l’Africa e il Sudamerica.. Le compagnie che operano nelle acque belghe provengono dal Belgio o dai paesi limitrofi:Entra in gioco l’economia della distanza. Attualmente la sabbia è considerata una risorsa gratuita. Ciò che paghiamo per la sabbia è piuttosto il costo di estrazione e trasporto..

Costa belga sott’acqua nel 2100? Scenario possibile

Zona molto ben pensata

La seconda peculiarità belga: “LLa costa belga è forse la costa più studiata al mondo, grazie agli esperti (Dal Museo di Scienze Naturali) che hanno valutato le riserve di sabbia nella parte belga del Mare del Nord, ma anche nei Paesi Bassi. Non solo in termini di quantità ma anche in termini di qualità. È unico: il Belgio è uno dei pochi paesi al mondo che può davvero rispondere alla domanda: quanta sabbia hai e come puoi usarla? Tuttavia, questa ricerca suggerisce di sì“All’attuale ritmo di estrazione, il Belgio ha solo 80 anni di riserve di sabbia”.

READ  Le cause non sono ancora ben comprese, ma probabilmente hanno una componente genetica

Ciò non significa, ovviamente, che a quella data non ci sarà più sabbia sui fondali marini, ma gli effetti dell’estrazione sull’ecosistema costiero belga saranno notevoli. “Per trovare la sabbia sulla costa bisognerebbe scendere più in profondità, magari ampliando le concessioni così che l’impatto sull’ecosistema risulterebbe inaccettabile. Tuttavia, il Belgio è un paese molto basso e deve proteggersi dall’innalzamento del livello del mare. L’attuazione della visione del Belgio a questo livello, che consiste nell’aggiungere un centinaio di metri di spiaggia davanti a tutta la nostra costa, consumerà gran parte di questa riserva per 80 anni. Pertanto, il Belgio potrebbe dover acquistare sabbia dal mercato internazionale. Pertanto, aggiungeremo il nostro Paese all’elenco dei paesi dipendenti dalla sabbia straniera. La sabbia è ancora in gran parte data per scontata: c’è sempre l’idea che, se non troviamo sabbia adatta sulle nostre coste, la compriamo altrove. Ma ciò che non viene preso in considerazione è che solo perché i Paesi Bassi, ad esempio, hanno una riserva molto più grande, il Belgio sarebbe l’unico paese disposto ad attingere a questa riserva…” Questo sapendo che anche le riserve sabbiose costiere tendono a diminuire: “LI progetti eolici offshore sono spesso situati su banchi di sabbia perché è lì che il terreno è più stabile..

A Newport, una diga contro le inondazioni per far fronte all’innalzamento del livello dell’acqua

Possibili soluzioni

Qualche soluzione? “Penso che il Belgio e tutti i paesi debbano essere più strategici con le loro risorse di sabbia. C’è sabbia e sabbia. Ad esempio, per valorizzare la costa e le spiagge, bisognerebbe utilizzare un granello di sabbia che assomigli alla sabbia già presente. Tuttavia, se utilizziamo sabbia più fine di quella presente in questo ecosistema, verrà spazzata via dalla prossima tempesta e dovremo riempire la spiaggia più spesso, il che significa fare affidamento sul nostro ecosistema. In questo caso sterilizzeremo sostanzialmente la costa belga! Il Belgio sa quanta sabbia è disponibile e questo è il primo passo. La domanda ora è: come utilizzarlo in futuro? Qual è la tua proiezione? Quanto utilizzerai in futuro e come si adatterà alle tue altre esigenze? Dove sono le aree ambientali da tutelare? Come possiamo proteggerli?

READ  cosa fa per vivere

Da parte del Servizio Pubblico Federale dell’Economia, che vigila sull’estrazione della sabbia sulla costa belga, precisiamo innanzitutto che le concessioni sono soggette a regole rigide: restrizioni in termini di superficie, volumi e tecniche utilizzate (es. velocità della barca e spessore dello strato di sabbia rimosso ). “Negli ultimi anni, il Belgio, studente modello in questo campo, ha adottato diverse misure volte a ridurre l’impatto dell’estrazione della sabbia sull’ambiente marino. In precedenza i limiti di estrazione verticale erano fissati ad una profondità fissa di 5 metri. Da gennaio 2021 questo limite è stato fissato in base a diversi criteri: preservare il carattere dei sedimenti per preservare il fondale marino; Mantenere la forma dei banchi di sabbia in base al loro ruolo nella protezione della costa belga; Utilizzo ottimale della sabbia disponibile in strutture dinamiche come le dune di sabbia, riducendo l’impatto dell’estrazione sulle condizioni idrodinamiche, ecc. Disponiamo inoltre di un applicativo in fase di test per monitorare in tempo reale l’estrazione della sabbiaIn futuro, è ancora possibile adottare misure per ridurre l’impatto ambientale, basandosi sul monitoraggio degli effetti dell’estrazione sulle nostre coste da parte degli scienziati, spiega il portavoce, Etienne Mignolet, che spiega.

La terra sta bruciando e i politici sono in stallo

Una visione sostenibile a lungo termine è “assolutamente essenziale”

Per il periodo 2026-2034 è in preparazione il prossimo Piano di Sviluppo dello Spazio Marino (che regola il processo di estrazione). “Nei prossimi anni verrà sviluppata una visione a lungo termine”. Definisce Etienne Mignolet, il quale aggiunge che gli studi scientifici, come avviene oggi, costituiranno la base per i cambiamenti normativi. Secondo il servizio Continental Shelf, il volume totale di sabbia disponibile nella parte belga del Mare del Nord ammonta attualmente a circa 550 milioni di metri cubi. Ogni anno vengono estratti circa 4 milioni di metri cubi di sabbia (fino a 3 milioni per l’industria e circa 1 milione per la protezione delle coste). “Al tasso di estrazione attuale, questo volume sarebbe sufficiente a coprire il fabbisogno di sabbia per 130 anni. Tuttavia, tenendo conto della qualità della sabbia (la sabbia fine è meno adatta per alcuni usi industriali) e della scarsa abbondanza di sabbia grossolana, la riserva di sabbia per l’industria è limitata nel tempo. Le modifiche alle aree in concessione nel Piano spaziale marino 2026-2034, combinate con l’aumento della domanda di sabbia per proteggere le nostre coste dall’innalzamento del livello del mare, potrebbero alterare le riserve di sabbia marina. Avere una visione per la gestione sostenibile delle riserve di sabbia marina a lungo termine è assolutamente essenziale. Per soddisfare la domanda a lungo termine, il Continental Shelf Service sta adottando due iniziative: in primo luogo, la domanda di nuove aree di estrazione della sabbia all’estremità della parte belga del Mare del Nord; In secondo luogo, incoraggiare l’uso della sabbia riciclata o secondaria, sia per scopi industriali che per la protezione delle coste. Sono in corso studi per esplorare le possibilità di utilizzare sabbia riciclata“.

READ  Voici votre horoscope de ce samedi 23 aprile 2022: amour, argent, travail, santé…