Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Su Marte, Perseverance riparte alla ricerca di tracce di vita

Su Marte, Perseverance riparte alla ricerca di tracce di vita

Alla NASA abbiamo il senso dell’umorismo e quando si è reso necessario trovare un nome per uno strumento in grado di esplorare la superficie di Marte per fare astrobiologia, gli scienziati hanno scelto Sherlock. Questo è l’abbreviazione di scansione di ambienti abitabili utilizzando Raman e fluorescenza per sostanze organiche e chimiche. Significa analizzare ambienti abitabili utilizzando Raman e scintillazione per sostanze organiche e chimiche. Questo strumento si trova sul braccio articolato del rover Perseverance, che gira sul Pianeta Rosso dal 2021. Il problema è che dall’inizio dell’anno Sherlock è fuori servizio. Il paraluce è progettato per proteggere lo spettrometro e una delle sue fotocamere dalla polvere.

Sei mesi di test e risoluzione dei problemi

Essendo già stata privata del suo elicottero Ingenuity non più funzionante, Perseverance era alquanto limitata nelle sue esperienze e persino nei suoi interessi. Ricorda, il rover raccoglie e immagazzina campioni di rocce e regolite marziane, che verranno poi inviati sulla Terra.

La buona notizia è che dopo “sei mesi di diagnosi, test, analisi di immagini e dati, risoluzione dei problemi e nuovi test”, per usare le parole dei ricercatori, lo strumento funziona di nuovo ed è essenziale per cercare segni di antica vita microbica su Marte .

Il 17 giugno Sherlock analizzò con successo una roccia marziana. Per fare ciò, il dispositivo utilizza due fotocamere e uno spettrometro laser per cercare composti organici e minerali nelle rocce che sono state esposte ad ambienti acquatici, che potrebbero indicare la vita microbica passata.

In remoto, gli ingegneri possono riparare

Nel loro rapporto, gli ingegneri descrivono in dettaglio le procedure che hanno permesso loro di riparare il copriobiettivo. Le immagini scattate dallo strumento Mastcam-Z del rover hanno mostrato il movimento del copriobiettivo SHERLOC. L’analisi di queste immagini ha rivelato che il problema era causato da un piccolo motore che sposta il coperchio protettivo della lente e regola la messa a fuoco e l’autofocus dello spettrometro. Testando le soluzioni su una replica di SHERLOC al JPL, il team ha seguito un attento processo per tentare di riposizionare la cache.

READ  "Donne - Sport - Salute": il comune di Metzick vince la prima edizione | Gabonreview.com

Tra i numerosi tentativi, il team ha riscaldato il piccolo motore, ha ruotato lo Sherlock in diverse direzioni, ha scosso il meccanismo per rimuovere i detriti e ha utilizzato il trapano a percussione del rover per cercare di svitare il tappo. A marzo, le immagini mostravano che la copertura dell’autofocus si era aperta di oltre 180 gradi, liberando il campo visivo e consentendo all’autofocus di avvicinarsi al bersaglio.

Dispositivo per la ricerca di composti organici

Il team ha quindi utilizzato la messa a fuoco automatica per acquisire immagini del target di calibrazione l’11 maggio, confermando che il problema della cache era stato risolto. “Una volta rimossa la copertura, è stata stabilita una linea di vista per lo spettrometro e la telecamera”, afferma Kyle Ockert, vice ricercatore principale dello Sherlock Laboratory del JPL. “Eravamo a metà strada”.

Il 20 maggio è stata confermata la corretta posizione dell’ACI su una roccia marziana e il 17 giugno è stata convalidata la funzione dello spettrometro, confermando che SHERLOC era nuovamente operativo. “Marte è difficile e recuperare gli strumenti è ancora più difficile”, conclude Art Thompson, Perseverance Project Manager presso JPL. “Il team non si è mai arreso. Con SHERLOC di nuovo online, continuiamo la nostra esplorazione e raccolta di campioni utilizzando una suite completa di strumenti scientifici.”