Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ritorna Kevin Burlé, confermato Verherstraeten, NKANSA e il record di Van den Broek: il campionato belga è iniziato alla grande!

Dopo 13 mesi senza gareggiare (la sua ultima gara individuale dei 400 metri risale al 13 maggio 2023), il campione europeo 2010 è arrivato secondo nella sua serie con il tempo di 46.39, davanti solo a Florent Mabille (46.23). Questa volta potrebbe fargli guadagnare un posto tra i corridori della staffetta 4×400 alle Olimpiadi di Parigi.

“Il mio fisioterapista non poteva che essere molto contento, mi ha anche consigliato di non correre a causa del mio ricorrente problema al tendine d’AchilleKevin Burley sorride. Anche stamattina non ero sicuro di mettermi in fila. Ma avevo bisogno che lei sapesse cosa avevo ancora nella gamba e smettesse di dubitare, per sapere se sarei andato a Parigi oppure no. Stavo addirittura pensando che questa potrebbe essere la mia ultima gara! Tuttavia, oggi so che c’è ancora del potenziale. È una gara che dà speranza. Posso ottenere 45.50-45.30 senza troppi problemi e, se ci riesco, sarò una risorsa per la squadra ai Giochi.

Kevin Burley
Kevin Bourlé è stato battuto solo da Florent Mabille nella serie dei 400 metri. ©LM

Il corridore 36enne deve soprattutto assicurarsi di rimanere in salute. “Con i piedi doloranti non posso usare la solita meccanica, il che è molto fastidioso in accelerazione. Devo stare dentro, passivo sui piedi, ecco perché inizio così lentamente. Ma sono riuscito a finire i 400 metri, il che è positivo. E quello che hai appena fatto darà fiducia anche a Jonathan. “È forte quanto me, se non più forte, e spesso è davanti a me in allenamento, quindi può sicuramente fare anche lui un tempo del genere.”

Grazie Olivia, grazie mamma

L’unico problema è che Jacques Bourlé, i cui rapporti con i Gemelli sono stati tesi nelle ultime settimane, dovrà presentare una mozione di selezione il prossimo fine settimana. Tuttavia, secondo la sorella maggiore Olivia, che li ha seguiti durante un corso di formazione di dieci giorni a Montpellier, Jonathan deve correre solo in due settimane.

peccato

Kevin pensava che quella sarebbe stata la sua ultima gara oggi!

“Con la pressione e le domande legate al ritorno a scuola, non è stato facile ma Kevin ha gestito bene la sua garastimato campione olimpico nella staffetta 4 x 100 metri. Soprattutto perché ultimamente non aveva usato molto gli spuntoni in allenamento e non era sicuro fino all’ultimo minuto. Kevin pensava che potesse essere l’ultimo! Considerando da dove viene e che parte molto lentamente in gara, è un buon inizio. Questa gara porterà fiducia e calma. Sai, la scorsa stagione genera molte emozioni. So che alla fine della tua carriera lo stress aumenterà di dieci volte e ci sono molte cose che dovrai gestire. A Montpellier non ero lì come allenatore, ero in un certo senso al loro servizio a livello logistico, per prendermi un po’ di tempo, cercare di tranquillizzarli, condividere l’esperienza della fine della carriera facendoli un po’ spaventare. “

READ  Possibile formazione Anderlecht - Courtrai: Delaney e anche Ritts partiranno titolari a scapito di Leoni o Struijkens?

Campionati belgi di atletica leggera: 11 atleti e staffette si sono effettivamente qualificati per le Olimpiadi di Parigi grazie alla loro classifica mondiale

“Olivia ci aiuta tantissimo perché è molto positiva, molto più positiva di noiKevin Burley continua. Se non ci fossi stato tu forse ci saremmo già fermati perché le ultime settimane non sono state proprio facili. Inoltre, anche nostra madre è stata lì per aiutarci molto, aiutandoci a separarci completamente.

Sarà molto aperta la finale dei 400 metri in programma domenica alla quale rinuncerà Kevin Burleigh. Dovrebbe includere Robin Vanderbemden (46.18), che ha detto di essere ancora incerto su come finirà la serie, Florent Mabille (46.23) e Dylan Bourlé (46.56). Potrebbe saltare questa gara anche Christian Iguacil (46.76).

Verherstraeten è stata confermata alle 10.15

L’altro grande appuntamento della giornata è stata la finale dei 100 metri maschili, dove Simon Verherstraeten, un uomo al suo meglio, ha eguagliato per la seconda volta nella sua carriera il tempo di 10.15 (+0.6m/s) nonché il record del campionato di Patrick Stevens. . .

Autore del tempo di 10.31 nella serie con vento sfavorevole (-1.6), Campinois ha battuto il compagno di allenamento Kobe Fleminx (10.25), purtroppo troppo indietro a 7 per un vero manu, e Jordan Bacot (10.35), che ha chiuso dietro il sudafricano Rivaldo Roberts (10.31), davanti a Antoine Snyder (10.39) e Ibrahim Kamara (10.46).

Inganno

Avevo paura di correre le 10.40 e deludere tutti!

“È una bellissima conferma dopo una settimana di sogni! Lance Simon Verherstraeten. Qui c’è stato un po’ meno vento che in Svizzera, quindi è fantastico. Sono molto contento ! Avevo paura di correre 10,40 secondi e deludere tutti (ride). No, gli allenamenti di questa settimana sono stati ancora molto duri e mi sento un po’ stanco. Penso che questa volta sia di buon auspicio per i miei prossimi incontri. A Hengelo sono in lista d’attesa, ma ci sono ancora La Chaux e Lucerna, dove spero ancora di fare buoni tempi e mostrare costanza”.

READ  Jannik Sinner sogna in grande: "Se potessi svegliarmi ed essere Federer per un giorno..."

La serie dei 200 metri ha dato buoni risultati anche a Kobe Fleminx (20,67/+0,1), Simon Verherstraeten (20,74/+0,4) e Antoine Snyder (20,86) che hanno tutti battuto i loro record personali e rimodellato la lista dei 20 migliori belgi di tutti i tempi. Alla vigilia della finale, alla quale dovrebbe partecipare Jonathan Sackur (20,94).

Registro di Lincoln

Il record è anche ciò che ha permesso a Delphine Nkansa di vincere il suo secondo titolo nazionale consecutivo nei 100 metri. La 22enne si è migliorata di cento punti e ha vinto nel tempo di 11.20 (+0.3) davanti a Rani Rosius (11.23) e Marin Gehais (11.44), assicurandosi anche un nuovo record personale.

Tra le altre cose che hanno fatto piacere oggi, bisogna citare ancora una volta il nome di Naomi van den Broek, che ancora una volta ha migliorato il suo primato nei 400 metri ad ostacoli (da 55.40 a 55.00). Questa domenica, nella finale dell’evento, affronterà un’ultima volta il minimo olimpico di 54.85 e potrebbe entrare nella corsa per il titolo nazionale insieme a Hanne Claes (55.49) e Pauline Coquet (55.51).

Nei 5000 metri hanno vinto Robin Hendricks (13.28.33) e Lisa Romes (15.28.48), ma il loro tempo potrebbe non essere sufficiente per qualificarsi ai Giochi Olimpici in base alla loro classifica.

Sorpresa Bumko

Infine, le altre prime finali dei Campionati belgi sono state vinte da Ben Broeder (5,65 m) ed Elin Vikemans (4,20 m) nel salto con l’asta, David Buda (15,06 m) nel salto triplo, e Andreas de Lathauer (18,45 m) . ) ed Elena DeFrere (16,08 m) nel peso, dove ha sorpreso Julian Bomko (15,79 m), Filip Milanov (62,09 m) nel disco e infine Remy Malingo (62,52 m) con il martello.

READ  Il futuro rivale dell'Union Saint-Gilloise in Europa punta su un grande nome nella sua finestra di mercato: gli ultimi trasferimenti