Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questi numeri sull’inflazione sfidano tutte le aspettative

Mercoledì la reazione dei mercati non si è fatta attendere: gli indici azionari americani sono scesi e i tassi di interesse sono saliti. Il tasso dei titoli del Tesoro USA a due anni è vicino al 5% (4,93%). A questo livello”Molti investitori potrebbero chiedersi se abbia senso rimanere nel mercato azionario.continuo Capo stratega.

Azioni Usa: quali prospettive?

Bassa crescita in Europa

L'andamento dell'inflazione in Europa è molto diverso da quello degli Stati Uniti, poiché vi sono segnali di attenuazione. Secondo gli ultimi dati Eurostat, l’inflazione nell’Eurozona ha raggiunto il 2,4% a marzo. Tale decremento è dovuto alla componente energetica, negativa per -1,8%. D'altro canto, il tasso di inflazione al netto dell'energia è rimasto al 2,9% e il tasso annuo dei prezzi dei servizi è rimasto al 4% da novembre.

La situazione in Europa, dove un grande paese come la Germania è in recessione, è completamente diversa da quella degli Stati Uniti“, osserva Frank Franken. La minore crescita nel Vecchio Continente rispetto agli Stati Uniti va di pari passo con una domanda persistentemente inferiore, che riduce le pressioni inflazionistiche.”Ci stiamo avvicinando alla soglia del 2%, il che lascia spazio a un taglio dei tassi da parte della BCE, anche se ciò non farà svanire le preoccupazioni di Christine Lagarde riguardo al taglio dei tassi troppo presto.. Ci aspettiamo che il Presidente della Banca Centrale Europea proponga, durante la riunione di giovedì, un taglio dei tassi di interesse a giugno.

Investire nelle infrastrutture? “È un settore che resiste bene all’inflazione”.

Obiettivo obsoleto

Il professore di economia Bruno Colemant è uno di coloro che credono che la BCE non abbia più motivo di preoccuparsi di un potenziale aumento dei prezzi. “L'ondata inflazionistica del settore energetico e delle sue reti di trasmissione è passata. Ci stiamo avviando verso un tasso di inflazione pari a circa il 3% annuo, salvo eventi eccezionali. Si tratta di un’inflazione normale e accettabile. L'obiettivo del 2% della BCE è ormai obsoleto e può essere raggiunto solo a condizione di una contrazione economica, il che è ancora peggiore. L’unico rischio che vedo è la politica monetaria molto espansiva guidata da Donald Trump, se verrà rieletto. Non ha mai nascosto il suo desiderio di tassi di interesse molto bassi e di un dollaro molto basso per rilanciare le esportazioni americane. lui pensa.

READ  Proposta di legge sulle misure di protezione dei consumatori approvata dal governo federale

Eric Dorr, direttore della IESEG School of Management, fa un ulteriore passo avanti stimando questo “La Bce deve tagliare i tassi di interesse di riferimento, qualunque sia la sua opinione”. Sull’andamento dell’inflazione si assume che “L'efficacia della politica monetaria della BCE nel combattere l'inflazione è molto limitata. I dati indicano che l’impatto dell’aumento dei prezzi è limitato alla riduzione degli investimenti immobiliari. Cercare di ridurre la domanda alzando i tassi di interesse è “È stato di scarsa utilità nella lotta all’inflazione, causata dagli shock dell’offerta, dallo sconvolgimento del commercio globale e dall’aumento dei prezzi delle materie prime e poi dell’energia. Se l’inflazione è effettivamente diminuita in modo significativo nell’Eurozona dal livello record dell’ottobre 2022, è a causa dei prezzi energetici più bassi, piuttosto che a un risultato attribuibile a un aumento del tasso di interesse del 10% da parte della Banca Centrale Europea.Conferma.