Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché le proiezioni dei posti a sedere pubblicate tra i due turni erano così lontane dal risultato finale

Perché le proiezioni dei posti a sedere pubblicate tra i due turni erano così lontane dal risultato finale

pubblicato


Tempo di lettura: 4 minuti

Nel secondo turno delle elezioni legislative, domenica 7 luglio, il Nuovo Fronte Popolare ha ottenuto 180 seggi all'Assemblea Nazionale, 163 al Campo Presidenziale e 143 al Raggruppamento Nazionale. (Bertrand Guay/Agence France-Presse)

Tutti i sondaggi d’opinione condotti prima del secondo turno di votazioni hanno dato al Partito del Raduno Nazionale la maggioranza nel Consiglio. Nonostante abbia ricevuto più voti, il partito di estrema destra alla fine ha ottenuto meno seggi dell’Unione della Sinistra e del campo presidenziale.

Una bicicletta diversa da quella disegnata dalle urne. Il Nuovo Fronte Popolare è uscito vittorioso dal secondo turno delle elezioni legislative, svoltesi domenica 7 luglio, conquistando 180 seggi nell’Assemblea Nazionale, secondo quanto annunciato dal Ministero degli Interni. Il campo presidenziale è riuscito a salvare la situazione con 163 deputati eletti, mentre il Raggruppamento Nazionale (RN) e i suoi alleati, visti i chiari favoriti alle elezioni, alla fine hanno guadagnato solo 143 seggi, raggiungendo il terzo posto.

Prima del primo turno, i seggi elettorali si aspettavano un’ondata blu scuro nell’Assemblea nazionale. Così, la proiezione Ipsos-Talan di France Televisions, Radio France, France 24, RFI e LCP del 30 giugno ha assegnato al Fronte Nazionale e ai suoi alleati tra 230 e 280 seggi. Il peso delle RN in circolazione è stato quindi significativamente ridotto nelle stime. Le ultime stime sono state pubblicate venerdì prima del secondo turnoPrevede solo tra 175 e 205 rappresentanti del Fronte Nazionale. Ma nonostante questo aggiustamento, il risultato finale è ancora lontano.

Domenica sera, “È stata una sorpresa totale. Non ti dirò che l’avevamo pianificato.”Lunedì ha incontrato tramite altoparlante il direttore dell’Istituto Elbad, Bernard Sananes Compagnia RMC. Il 30 giugno, un sondaggio d’opinione stimava probabile la maggioranza assoluta per il Partito del Raduno Nazionale. Dandogli tra 255 e 295 postiprima di ripristinare questo intervallo A 200-230 dopo cinque giorni.

READ  “Sono rimasto sbalordito perché mi sono perso”: il 34enne californiano racconta come è sopravvissuto 10 giorni e 9 notti nella giungla

Qual è la ragione di questo malinteso? “NO Il Fronte repubblicano ha giocato più di quanto pensassimo, più di quanto avevamo nelle forme e nelle dichiarazioni”. Tra gli intervistati, Bernard Sananes si è giustificato. L’Istituto Elab ha infatti previsto, Nel suo sondaggio del 5 luglio, Che il 62% degli elettori del PFN voterebbe per Insieme al secondo turno in caso di duello tra il candidato del Fronte Nazionale e un rivale del campo presidenziale. Il 72% di loro alla fine ha rinviato il voto per il rappresentante Macronite, secondo uno studio condotto dalla Fondazione Ipsos Talan, cioè 10 punti in più del previsto.

Lo stesso nel caso dei duelli tra l’NFP e il RN: il sondaggio Elabe prevedeva che il 32% degli elettori del gruppo avrebbe votato per il candidato dell’Unione della Sinistra, mentre il 43% lo avrebbe fatto quando era un candidato rivale della LFI e del 54% quando il candidato portava l’etichetta PS, EELV o PCF. “Il ritorno della sinistra non è impossibile perché trae vantaggio dal Fronte repubblicano”.Tuttavia, Frédéric Dabi, direttore generale dell’Ifop Polling Institute, ha previsto: In “C a te” Venerdì. Il numero dei seggi conquistati dal Partito di Alleanza Nazionale si colloca nella fascia alta delle ultime stime dell’istituto.

Secondo Hugo Touzet, sociologo specializzato in sondaggi d’opinione, il carattere senza precedenti di queste elezioni ha complicato l’esercizio delle previsioni sul ciclo di medio termine. “Queste elezioni legislative sono state indette dopo lo scioglimento, sono state annunciate il giorno dopo le elezioni in cui il Fronte Nazionale era dinamico e la sinistra era separata, e il tempo per la campagna elettorale era molto breve… e non potevamo fare riferimento a elezioni precedenti”.“, spiega a France Info.

READ  La guerra in Ucraina: cosa ricordare dell'incontro tra Erdogan e Zelenskyj

Durante la campagna, “In brevissimo tempo abbiamo assistito alla ‘ridemonizzazione’ del Raduno Nazionale.I media hanno notato dichiarazioni razziste, abusi e segni di incompetenza da parte dei candidati del Fronte Nazionale. Ma c’è stata anche una massiccia mobilitazione della società civile contro l’estrema destra”.analizza Hugo Touzet.

“Queste dinamiche politiche senza precedenti ed estremamente rapide non erano incluse nelle previsioni”.

Hugo Touzet, specialista geometra

In Francia Informazioni

Senza sapere se ciò fosse costato loro il posto nell’Assemblea nazionale, diversi candidati del Fronte Nazionale, additati per dichiarazioni razziste o cospiratorie durante la campagna elettorale, sono stati sconfitti al secondo turno, come Françoise Billaud in Côte d’Armor o Annie Belle nella Mayenne.

All’inizio della campagna elettorale è stata convocata anche la commissione elettorale In un comunicato stampa Le previsioni sui seggi dovrebbero essere prese con cautela, a causa del metodo di voto per le elezioni legislative. “Un simile esercizio non offre lo stesso quadro metodologico dei sondaggi d’opinione e rimane dipendente da un gran numero di criteri, spesso specifici per ciascuna delle 577 circoscrizioni elettorali”..

In altre parole: le intenzioni di voto nazionali non si riflettono allo stesso modo all’interno di ciascuna circoscrizione elettorale. Poiché non esiste una scheda elettorale, ma 577 schede, “Anche con un campione rappresentativo, è difficile catturare le dinamiche politiche nelle proiezioni dei seggistima Hugo Touzet. Soprattutto nelle circoscrizioni elettorali in cui l’elezione è stata decisa da poche centinaia di voti. Ad esempio, nella Sarthe, Marie Caroline Le Pen (Partito repubblicano), sorella di Marine Le Pen, è stata sconfitta dalla candidata Elise Le Boucher (Partito nazionale francese), che ha ottenuto… 225 voti in più.

READ  Cameriera licenziata dopo aver rifiutato di condividere una generosa mancia di oltre € 3.500