Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Muore Thierry Mugler, favoloso stilista di cultura pop

Lo stilista francese aveva 73 anni.

“Siamo profondamente rattristati nell’informarvi della morte del signor Manfred Thierry Mugler avvenuta domenica 23 gennaio 2022”, si legge in un comunicato stampa pubblicato sull’account Facebook ufficiale del creatore. “Possa la sua anima riposare in pace.”

Secondo il suo addetto stampa, Jean-Baptiste Rojo, la morte del grande stilista, che ora si fa chiamare Manfred Thierry Mugler, è avvenuta inaspettatamente domenica pomeriggio. Ha detto che aveva ancora dei piani e che avrebbe dovuto annunciare una nuova collaborazione all’inizio di questa settimana.

Il primo onore è arrivato durante la notte dagli Stati Uniti. “Hai cambiato la nostra percezione della bellezza. (…) La tua eredità è qualcosa che porto con me in tutto ciò che faccio”, ha scritto su Instagram il direttore creativo di Mugler, l’americano Casey Cadwallader.

L’artista Diana Ross ha postato su Twitter una foto con lo stilista francese durante una delle sue sfilate a Parigi nel 1990, con le parole: “Mi mancherai, Thierry Mugler, è stato un momento meraviglioso della nostra vita”.

“Riposa in pace, Thierry Mugler”, ha scritto la cantante Beyoncé sul suo sito web in una foto in bianco e nero di un sorridente Thierry Mugler.

Sono le 20 a Parigi

Nato a Strasburgo nel dicembre 1948, Thierry Mugler è arrivato a Parigi all’età di 20 anni, poi ha creato il suo marchio “Café de Paris” nel 1973, prima di fondare “Thierry Mugler” un anno dopo.

La sua silhouette strutturata e sofisticata si è rapidamente affermata. Con spalle prominenti, collo profondo e vita stretta, la “Donna Mugler” ha girato il mondo, da Jerry Hall a Kim Kardashian.

READ  Adele: la vraie raison du report de ses concerts à la dernière minute révélée

Un manager nel cuore, ha lasciato il segno essendo un pioniere, dagli anni ’70, ai grandi rally.

Successivamente ha intrapreso l’industria dei profumi. Il suo primo modello femminile “Angel”, nel 1992, ebbe un tale successo che arrivò a competere per il primo posto nelle vendite con il leggendario Chanel nº5.

Le sue collezioni di moda hanno segnato anche il mondo politico, come nel 1985, quando il ministro della Cultura francese, Jacques Lang, fu ascoltato all’Assemblea nazionale dal caratteristico abito Mao di Mugler, che indossava senza cravatta.

Thierry Mugler si è ritirato dalla moda nel 2002, ma le icone della cultura pop di oggi come Lady Gaga, Beyoncé, Cardi B e Kim Kardashian indossano ancora i suoi abiti d’archivio per occasioni speciali.

E così nel settembre 2021, in occasione dell’inaugurazione della mostra “Thierry Mugler, Couturesem” al Musée des Arts Décoratifs di Parigi, il rapper americano Cardi B era in piedi accanto a lui in uno splendido abito rosso di paillettes sormontato da piume.



“Mugler voleva staccarsi dall’haute couture, che corrisponde all’élite, e mostrare che i giovani possono anche indossare l’alta moda e che può essere qualcosa di diverso da un vestito per andare a una serata elegante”, era all’epoca . AFP Thierry Maxime Laureau, curatore, originariamente prodotto dal Montreal Museum of Fine Arts.

Tra le ultime foto sul suo account Facebook, possiamo vedere Kim Kardashian in costume metallico e cappello da cowboy, che lo stilista le ha realizzato per Halloween.

Nel 2013 e nel 2014 lo stilista ha voluto “cambiare” l’arte della rivista lanciando “Mugler Follies” in un teatro parigino, trasformandolo in un cabaret.

READ  Cambio su Spotify su richiesta della cantante Adele

Ballerini solisti da archi a modello di Botero, ventriloqui, cantante, cantante di fado, acrobata, opere di potere inedite: voleva fondare una rivista “da tempo”, “un’arte libera, un piacere da vivere e scambiare, senza un messaggio , dove tutto è possibile”, ha detto all’AFP in quel momento.

“Non mi manca davvero la moda”, spiegò all’epoca.