Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Market Update-L’Europa finisce in rosso per i timori legati al settore automobilistico

Market Update-L’Europa finisce in rosso per i timori legati al settore automobilistico

* In Europa, il CAC 40 ha perso l’1,99% e lo STOXX 600 l’1,31%.

* Pechino mette in guardia l’Unione Europea sui dazi doganali sulle automobili

* Wall Street è nel caos a metà sessione e il Nasdaq tocca un livello record

* Calo favorevole dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti

Di Claude Chendjo

PARIGI, 13 giugno (Reuters) – I mercati azionari europei hanno chiuso in netto ribasso giovedì tra i timori di ritorsioni da parte della Cina dopo che la Commissione europea ha annunciato nuove tariffe sulle auto elettriche importate dalla Cina.

A Parigi, l’indice CAC 40 ha chiuso in ribasso dell’1,99% a 7.708,02 punti, il calo più grande in una singola sessione in 11 mesi. L’indice britannico FTSE ha perso lo 0,63% e l’indice tedesco DAX ha perso l’1,97%.

L’indice EuroStoxx 50 è sceso dell’1,97% e l’indice FTSEurofirst 300 è sceso dell’1,97%.

dell’1,21% e l’indice Stoxx 600 dell’1,31%.

Dopo la decisione dell’Unione Europea di imporre dazi doganali fino al 38% sulle importazioni di auto elettriche cinesi, Pechino ha dichiarato giovedì che spera che l’Unione Europea riconsideri la sua decisione e smetta di impegnarsi nella “direzione sbagliata”, secondo le nuove notizie cinesi. agenzia, Xinhua. .

“Il rischio è che la Cina adotti ora misure che colpirebbero in particolare i produttori tedeschi di apparecchiature che esportano in Cina”, ha scritto l’analista di Stifel Daniel Schwarz.

Nell’indice europeo Stoxx 600, l’indice automobilistico europeo ha perso il 2,3%, il calo più significativo del settore, mentre le azioni di Volkswagen (-3,47%), BMW (-2,22%), Renault (-2,26%) o addirittura Stellantis (-2,69% ). ) finito in rosso. Il gruppo franco-italo-americano ha affermato che conta sulla sua nuova strategia cinese per superare la tempesta tariffaria.

READ  "Sta danneggiando le imprese": con l'aumento dei prezzi dell'energia, questo pescivendolo di strada vede i suoi clienti ridursi

Wall Street

Alla chiusura delle contrattazioni in Europa, l’indice Dow Jones è sceso dello 0,68% e l’indice S&P 500 dello 0,12%. Nasdaq, trainato dal settore dei semiconduttori (+1,09%) e dalle nuove tecnologie

(+1,07%), in evidenza con guadagni dello 0,12% dopo aver registrato una sessione record a 17.741,79 punti.

La sessione è stata volatile a New York, poiché gli investitori hanno digerito gli annunci della Federal Reserve americana, che mercoledì sera ha dichiarato di voler tagliare i tassi di interesse solo una volta quest’anno, indicando al contempo “progressi più modesti” verso il suo obiettivo di inflazione del 2%. La formulazione riflette un miglioramento rispetto al comunicato stampa del 1° maggio.

La pubblicazione delle statistiche sui prezzi alla produzione statunitensi (PPI), che mostrano una contrazione dello 0,2% in un mese e un rallentamento del 2,2% su base annua a maggio, hanno supportato gli indicatori per un po’ prima che il loro impatto svanisse.

Valori in Europa

Le azioni di Atos hanno chiuso in ribasso dello 0,41% in una sessione volatile poiché il gruppo ha dichiarato giovedì di aver avviato le discussioni su una proposta di ristrutturazione finanziaria presentata dal consorzio OnePoint.

Le azioni Lufthansa, monitorate negativamente da JPMorgan, sono scese del 5,47% dopo che il broker ha avvertito di prezzi più bassi nel secondo trimestre sui voli a lungo raggio.

Il titolo BT è cresciuto del 4,32% grazie alla partecipazione del 3,16% acquistata dall’imprenditore messicano Carlos Slim nel capitale del gruppo britannico di telecomunicazioni.

Le azioni Wise sono scese dell’11,5%, sul fondo dell’indice STOXX 600, dopo che il gruppo britannico di trasferimento di denaro ha annunciato di aspettarsi un rallentamento della crescita delle vendite nel nuovo anno finanziario annuale.

READ  L'olio da riscaldamento 50S cesserà di essere commercializzato dal prossimo anno

i cambiamenti

Il dollaro, che mercoledì è caduto dell’1% dopo la pubblicazione dei dati sui prezzi al consumo negli Stati Uniti, giovedì ha riguadagnato parte del terreno perso il giorno prima. Il dollaro si è apprezzato dello 0,45% rispetto a un paniere di valute di riferimento

.

L’euro ha perso lo 0,56% a 1,0746 dollari. La valuta europea ha affrontato forti fluttuazioni dall’inizio della settimana, alimentate dall’incertezza politica in Francia con le elezioni legislative anticipate tenutesi il 30 giugno e il 7 luglio.

Una media

Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso di 4,9 punti base, al 4,2461%, in risposta al rallentamento dei prezzi alla produzione a maggio e all’aumento delle richieste di disoccupazione settimanali negli Stati Uniti.

Il rendimento dei titoli tedeschi a dieci anni è sceso di 4,5 punti base al 2,473%, mentre quello a due anni è sceso di 7,1 punti al 2,872%.

olio

Il mercato petrolifero è in rosso sotto la pressione dell’aumento dell’offerta di greggio statunitense e della possibilità di un rinvio del taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

Il greggio Brent è sceso dello 0,29% a 82,36 dollari al barile, e il greggio leggero statunitense (West Texas Intermediate, WTI) ha perso lo 0,37% a 78,21 dollari.

Continuerà venerdì: (Scrittura di Claude Chendjou, Montaggio di Sophie Loyt)